Editoriale

Claudio Bartolini
Carlo & Enrico Vanzina n. 7/2018

INLAND. Quaderni di cinema numero #7 nasce nell’ormai lontano dicembre 2017, in un bar di Milano dove, di fronte al sottoscritto, siede Rocco Moccagatta, firma di punta di tutto quel ramo della critica italiana scevro da pregiudizi nei confronti degli studi sul cinema popolare nostrano. Parliamo a lungo di un’idea, che a dire il vero in casa Bietti io e Ilaria Floreano rimasticavamo da anni, senza tuttavia riuscire a trovare il giusto modus per trasformarla in pagine: un libro su Carlo ed Enrico Vanzina che possa (im)porsi come pietra miliare in un discorso (a)critico e obiettivo su due tra gli alfieri degli ultimi quarant’anni di cinema commerciale made in Italy. Riflettere sui Vanzina è riflettere sul cinema come industria, ma anche sui mutamenti della società e del costume del Belpaese, vista la propensione vanziniana a un’arte che si faccia interprete e cartina di tornasole dei tempi che (s)corrono.

Rocco, a quel punto, si spinge oltre: perché non realizzare un volume che, oltre a riflettere su Carlo ed Enrico Vanzina, rifletta con loro? Ecco allora prendere forma la seconda uscita della collana I libri di INLAND – con tanto di intervista-monstre di circa 200 pagine sull’intera carriera degli autori di Sapore di mare – e, di conseguenza, il fascicolo che avete tra le mani o su schermo. Insieme, i due testi offrono un moloch vanziniano capace di sviscerare, con ambizioni di esaustività, il cinema e il pensiero dei fratelli. Sono oggetti complementari, come da piano editoriale: INLAND guarda nelle feritoie aperte dal libro di riferimento, e viceversa, in un percorso di reciproco che arricchisca il senso di entrambi i volumi.

Questo settimo quaderno di cinema è diverso dal solito. Come sempre, perché alla nostra creatura monografica piace cambiare pelle di continuo e plasmarsi a seconda dell’autore trattato. Realizzato in collaborazione con il festival Presente Italiano di Pistoia – che sceglie il nostro periodico come pubblicazione ufficiale per la seconda volta, dopo la felice esperienza del numero #5 (Sergio Martino) nel 2017, e lo adotta come strumento-guida in vista dell’omaggio ai Vanzina programmato dal 12 al 14 ottobre 2018 – INLAND #7 non si confronta con l’intero corpus vanziniano, sterminato e impossibile da comprimere in una foliazione limitata.

A Moccagatta e al suo poderoso volume il compito (assolto, cum laude) di esplorare e minuziosamente sezionare i 60 titoli di quattro decadi di attività. In questa sede, invece, si è scelto di isolare gli anni Ottanta, decennio chiave per cogliere il senso socio-antropologico del lavoro vanziniano e finestra temporale di culto più di ogni altra. Sapore di mare, Vacanze di Natale, Sotto il vestito niente, i Gatti di Vicolo Miracoli e Diego Abatantuono “terrunciello”, Jerry Calà ed Ezio Greggio, Boldi & De Sica, Renée Simonsen e Carol Alt, la Milano “da bere” e la Roma “da mangiare”: l’elenco delle icone e delle creazioni vanziniane partorite in quel decennio ed entrate nell’immaginario collettivo è sterminato e sufficiente a giustificarne lo studio. Pochi saggi, questa volta, ma tutti centratissimi: Moccagatta (e chi, sennò?) mette a fuoco il modus operandi di Carlo ed Enrico, Mancino completa l’inquadramento spingendosi nei territori prediletti del cinema indiziario di Tre colonne in cronaca, Pacilio affronta con perizia gli indissolubili legami con il videoclip, Sacchi si sofferma su corpi ed (est)etiche patinate, il sottoscritto indaga sulla natura del cosiddetto Vanzina’s touch, la nostra capo-redattrice Floreano (che per la prima volta interviene su queste pagine) intreccia cinema e moda cogliendo la contemporaneità glamour dello sguardo vanziniano, infine Giorgi – che del cinema dei fratelli è tra i massimi esperti – guarda agli aspetti eccessivi di pellicole senza peli sulla lingua. A corredo del fascicolo, un inserto fotografico poderoso e significante, frutto della collaborazione con Carlo ed Enrico, dalla cui Video80 provengono gli scatti (di scena, di set) pubblicati a centro numero. Tante foto, tutte Eighties, per un viaggio nella memoria che oggi, purtroppo, diventa epitaffio.

Perché Carlo non c’è più, e tutto questo lavoro – al quale ha preso parte attivamente, fino all’ultimo, assieme a Enrico – è diventato un omaggio postumo al suo acume. Un omaggio melanconico e nostalgico, come quei finali dolceamari che hanno cristallizzato nell’inconscio di intere generazioni le commedie anni Ottanta dei Vanzina.

[Vai all'indice]

Scarica il pdf

Ultime uscite

François Ozon

François Ozon

Inland n. 2/2016
Il secondo numero di INLAND è il primo volume dedicato in Italia a François Ozon. Regista tra i generi, firma sfuggente all’etichetta d’autore, nei suoi film Ozon fa riverberare echi [...]
Dino Buzzati - Nostro fantastico quotidiano
Vi sono autori, come disse una volta Conan Doyle, che «hanno varcato una porta magica». Tra questi spicca Dino Buzzati, che ha condotto il fantastico nel cuore pulsante della materia. [...]
Jorge Luis Borges - Il Bibliotecario di Babele
Jorge Luis Borges è un autore oceanico, un crocevia di esperienze, storie, civiltà e piani dell’essere, un caleido­scopio nel quale il passato si fa futuro e il futuro si rispecchia [...]
Carlo & Enrico Vanzina

Carlo & Enrico Vanzina

Inland n. 7/2018
INLAND. Quaderni di cinema numero #7 nasce nell’ormai lontano dicembre 2017, in un bar di Milano dove, di fronte al sottoscritto, siede Rocco Moccagatta, firma di punta di tutto quel [...]
Lav Diaz

Lav Diaz

Inland n. 3/2017
È da tempo che noi di INLAND pensiamo a una monografia dedicata a Lav Diaz. Doveva essere il numero #1, l’avevamo poi annunciato come #2, l’abbiamo rimandato in entrambe le [...]
Lune d'Acciaio - I miti della fantascienza
Considerata da un punto di vista non solo letterario, la fantascienza può assumere oggi la funzione un tempo ricoperta dai miti. I viaggi nello spazio profondo, le avventure in galassie [...]
Rob Zombie

Rob Zombie

Inland n. 1/2015
Con la parola inland si intende letteralmente ciò che è all’interno. Nel suo capolavoro INLAND EMPIRE, David Lynch ha esteso la semantica terminologica a una dimensione più concettuale, espansa e [...]
Sergio Martino

Sergio Martino

Inland n. 5/2017
Giunto al quinto numero, INLAND. Quaderni di cinema affronta uno snodo cruciale, fatto di significative ed emblematiche svolte che segnano uno scarto, un’apertura rispetto alla precedente linea editoriale. Innanzitutto la scelta del [...]
America! America? - Sguardi sull'Impero antimoderno
L’impero statunitense ha sempre generato nella cultura italiana reazioni contrastanti, che spaziano da un’esaltazione semi-isterica a una condanna a priori, altrettanto paranoica. Sembra sia pressoché impossibile, per chi si confronta [...]
Walt Disney - Il mago di Hollywood
«Credo che dopo una tempesta venga l’arcobaleno: che la tempesta sia il prezzo dell’arcobaleno. La gente ha bisogno dell’arcobaleno e ne ho bisogno anch’io, e perciò glielo do». Solo un [...]
Nicolas Winding Refn

Nicolas Winding Refn

Inland n. 4/2017
Perché Nicolas Winding Refn? La risposta è semplice: perché, piaccia o no, è un autore che, più di altri, oggi ha qualcosa da dire. Sebbene sempre più distante dalle logiche [...]
Michele Soavi

Michele Soavi

Inland n. 6/2018
Il nuovo corso di INLAND. Quaderni di cinema, inaugurato dal numero #5, dedicato a Sergio Martino, è contraddistinto da aperture al cinema italiano, al passato, a trattazioni che possano anche [...]

Ultimi post dal blog

Una delle presenze più forti di Profondo Giallo è un venerato maestro del cinema e del costume italiano, Enrico Vanzina: oggi pomeriggio alle 18 al Museo della Stampa di Libertà (via Benedettine 68), Vanzina presenterà il suo ultimo romanzo giallo, La sera a Roma (Mondadori) in un dialogo coordinato da Angela Marinetti, con il critico cinematografico Claudio Bartolini e con il giornalista e docente di Storia del cinema Rocco Moccagatta. Bartolini è autore di Il cinema giallo-thriller italiano (Gremese), completissima mappatura e analisi del cinema di genere italiano, mentre Moccagatta ha condotto una lunga, appassionante e interessantissima intervista ai Vanzina [...]
In molte classifiche dei migliori film del 2017 si cita L'ora più buia di Wright, che con le versioni per il grande schermo di Espiazione e Anna Karenina ha creato lo stile per gli adattamenti letterari moderni. Il testo bio-critico è impreziosito dagli interventi del compositore Dario Marianelli e del direttore della fotografia Seamus McGarvey. redazionale ©FilmTV, novembre 2018