Regalo di Natale. Sceneggiatura, testimonianze, fotografie

2020-11-02 15:51:57
Regalo di Natale. Sceneggiatura, testimonianze, fotografie

Il vero «Regalo di Natale» è sempre l’amicizia. Esce un libro sul film capolavoro (1986) di Pupi Avati. Ecco come Abatantuono prese il posto di Lino Banfi…

Per gentile concessione dell’editore, pubblichiamo uno stralcio di Ricordo di un amico di Antonio Avati. Lo scritto precede la sceneggiatura di Regalo di Natale, il film di Pupi Avati del 1986 con Diego Abatantuono e Carlo Delle Piane. Regalo di Natale. Sceneggiatura, testimonianze, fotografie di Pupi & Antonio Avati esce per Bietti (pagg. 160, euro 25).

Soldi, donne, amici. Ci puoi provare, ma non decidi tu cosa viene prima. Se ti farà soffrire di più il tradimento della fortuna,
di un amore o di un compagno di scuola. La vita è lì, dandoti quello che crede, illudendoti sovente, perché «domani è un altro giorno» l’abbiamo sentito dire al cinema da ragazzi, ed è vero: può essere domani il giorno più bello. Ma di solito non avviene così. Regalo di Natale parla di questo e per questo ha avuto il successo che ha avuto. È forse il nostro film più universale, ad
oggi, quello dove la commedia dell’uomo è più rappresentata. In quella partita a poker tra amici c’è il meraviglioso inganno
della vita. C’è, tra le righe, il cinema: o almeno, il perché noi abbiamo fatto il cinema, Pupi ed io. Un’avventura che è molto più che un lavoro, dove i soldi servono per tenere in vita un amore che a volte è un pretesto per stare insieme tra amici a parlarne. Un amico, un compagno di avventure memorabili è stato Luciano Martino, produttore che «soldi, donne, amici» l’avrebbe potuto scrivere come epitaffio sulla sua tomba. Se n’è andato da non molto. Mi piacerebbe venisse ricordato. Voglio farlo io, qui. Metà anni Ottanta. Un’Italia diversa, non so se migliore ma certo che immaginava un futuro migliore o lo lasciava sperare, col suo dinamismo. Anche grazie a uomini come Martino. Tuttavia, pure in quell’Italia più ottimista, gli sconfitti non mancavano. Non mancano mai ed è giusto così, perché nella sconfitta – questo Pupi lo ha capito meglio di ogni altro – viene fuori la verità dell’uomo. Alla fine, nel racconto, la fragilità diventa speranza. Trasformandosi in poesia, il dolore che prima o poi incontriamo tutti rivela un senso. Quando siamo andati a proporre il soggetto a Luciano – forse inconsapevolmente – quella partita a poker, penso adesso, ci faceva venire in mente uno come lui. Uno che tirava tardi la sera e che cominciava la sua giornata, se possibile, a mezzogiorno. Un imprenditore che come il suo amico Berlusconi aveva fatto fortuna nel lavoro, nella vita e con donne straordinarie. Tra loro, una delle due o tre più belle del pianeta (Dante, che ci è caro, faceva le sue classifiche con Beatrice, permettetelo anche a me più modestamente!). Parlo di quella Edwige Fenech che, con il suo fisico stupefacente, aveva portato al successo la commedia erotica all’italiana, grazie alla mente un po’ cinica e un po’ geniale di Luciano e al talento registico di suo fratello Sergio. Uno dei nostri pokeristi doveva essere Lino Banfi. Nei film di Martino, Banfi si era rivelato la spalla ideale della Fenech, emblema dell’italiano di provincia, cresciuto nel dopoguerra del- le superstizioni e dei complessi, assalito dagli irrealizzabili sogni erotici che ci hanno raccontato Fellini e Brancati.
Luciano, meridionale di origine anche lui ma del tutto romanizzato, era un tipo pragmatico. Un film doveva costare poco e rendere molto. Eravamo attratti da lui proprio perché ci trovavamo per tanti versi agli estremi opposti. Noi avevamo
bisogno dei suoi soldi. Lui, come Banfi, poteva pensare con noi di entrare finalmente in un cinema con ambizioni artistiche.
Come Carlo Delle Piane, passato in poco tempo grazie a Pupi da attore di b-movie, qual era diventato nel momento buio della sua carriera, a interprete ammirato. Banfi accettò con entusiasmo, poi – capita nel cinema – ci «tradì» all’ultimo secondo
per un film minore di un grande regista come Dino Risi: Il commissario Lo Gatto. Nel panico, ci consolò la filosofia di Luciano: invece di disperarci, «Morto ’n papa se ne fa n’artro». Bisognava pensare a qualcuno che nella categoria «attori», sotto la voce «considerazione della critica» fosse caduto ancora più in basso. Ma chi poteva essere lo sventurato? Il rischio di compromettere un copione perfetto c’era, e grosso. Il nome magico, in quelle sedute a tre trasformatesi in un consulto psicanalitico, fu pronunciato da Pupi: «Diego…». Lo guardammo. «Mica dici Abatantuono?». Dopo i grandi successi del
«terrunciello», Diego Abatantuono aveva attraversato alcune delle maggiori catastrofi del cinema italiano, disprezzate dai critici e ignorate dal pubblico: un connubio letale. Fabrizio Corallo, l’amico di sempre che sapeva tutto di tutti quanto
a contatti mondani, provò senza convinzione a darci un numero telefonico di Roma. Era noto che Abatantuono si era letteralmente eclissato dalla capitale; dove, non lo sapeva nessuno. Rispose una voce diversa dal tono sfrontato che l’aveva
resa celebre. La voce di Diego. C’era un’incrinatura in quella voce (ci diceva come lo avevamo trovato assolutamente per
caso, mentre stava per portare via definitivamente le sue cose dall’appartamento di una vecchia fidanzata), c’era una profonda verità, c’era uno smarrimento totale. Un tono che rese esemplare Diego nel ruolo che Regalo di Natale gli offrì, lui
che nel film impersona la maschera in fondo più tragica, di fronte a un Delle Piane eccezionalmente ispirato dal primo secondo del primo ciak. Regalo di Natale fu un grande successo. Un successo come Una gita scolastica, il film che alcuni anni prima ci aveva fatto conoscere Luciano. Senza il suo coraggio, che si unì a quello di altri dandoci una mano in un momento difficile, quel film così importante per la nostra carriera non ci sarebbe stato. In ogni caso, grazie a questa riflessione su Luciano e su Regalo di Natale, mi sento di poter dare una risposta al dubbio iniziale su quale valore metterei
per primo. Nell’infanzia ai soldi non ci pensiamo e gli amori sono lontani. Cosa esiste? Ci sono gli amici, di solito, se non altro per scambiarsi le figurine della propria squadra. La felicità probabilmente è lì.

Antonio Avati ©Bietti Edizioni concesso a ©Il giornale, ottobre 2020

Ultimi post dal blog

Quando si parla di grandi case di produzione americane specializzate nel cinema d'animazione, i nomi che vengono subito in mente sono quelli della Disney e della Pixar. In particolare quest'ultima (che dal 2006 appartiene proprio alla Walt Disney), che sin dal primo lungometraggio, «Toy Story», ha sempre suscitato grande interesse nella critica, ottenuto consensi spesso unanimi, portando alla nascita di tanti studi e analisi relative ai capolavori realizzati. Forse anche per questo, la sua “rivale”, la DreamWorks Animation, non ha avuto sempre la giusta attenzione: la collana Bietti Heterotopia (specializzata in ottimi libri sul [...]
Edgar Reitz è uno dei registi più rappresentativi del cinema tedesco contemporaneo, tra i creatori del “Manifesto di Oberhausen”, il Nuovo Cinema Tedesco (1962) di cui Reitz è uno dei massimi esponenti insieme a Kluge, Fassbinder, Herzog, Wenders (solo per citare i più conosciuti). Raccontare Reitz è raccontare una parte di storia del cinema tedesco e contemporaneamente, grazie alla sua serie ' il ciclo di Heimat', è il modo di ripercorrere tramite i ricordi, gli affetti, il concetto del tempo e il rapporto tra campagna e città, tutta la storia della Germania del Novecento. Impresa tanto complicata quanto affascinante di [...]
Uno sguardo lucido sul passato, sul presente e sul futuro quello del regista tedesco Edgar Reitz. Il suo lavoro è raccontato nel volume Edgar Reitz. Uno sguardo fatto di tempo di Barbara Rossi, docente di cinema e presidente dell'associazione La Voce della Luna. Firmatario, nel 1962, del "Manifesto di Oberhausen" che ha dato il via alla nascita del Nuovo Cinema Tedesco, Reitz ne è stato uno dei massimi esponenti insieme a Fassbinder, Herzog e Wenders, solo per citare i più conosciuti. Noto a livello mondiale per il ciclo di Heimat, ha raccontato e tramandato alle giovani generazioni le memorie dell'Europa novecentesca. [...]

Ultime uscite

François Ozon

François Ozon

Inland n. 2/2016
Il secondo numero di INLAND è il primo volume dedicato in Italia a François Ozon. Regista tra i generi, firma sfuggente all’etichetta d’autore, nei suoi film Ozon fa riverberare echi [...]
Fiume Diciannove - Il Fuoco sacro della Città di Vita
1919-2019. Un secolo fa Gabriele d’Annunzio entrava in Fiume d’Italia, dando vita a quella che sarebbe stata una rivoluzione durata cinquecento giorni. Un’atmosfera febbricitante e festosa, ma anzitutto sacra, qui [...]
Aldo Lado

Aldo Lado

Inland n. 9/2019
Quello che stringete tra le mani è il numero più complesso, stratificato, polisemantico del nostro – vostro – INLAND. Quaderni di cinema. Lo è innanzitutto grazie al parco autori, mai [...]
Dylan Dog - Nostro orrore quotidiano
Detective dell’Occulto, Indagatore dell’Incubo, Esploratore di Pluriversi: come definire altrimenti Dylan Dog, dal 1986 residente al n. 7 della londinese Craven Road? Le sue avventure – che affrontano tutti gli [...]
Dino Buzzati - Nostro fantastico quotidiano
Vi sono autori, come disse una volta Conan Doyle, che «hanno varcato una porta magica». Tra questi spicca Dino Buzzati, che ha condotto il fantastico nel cuore pulsante della materia. [...]
William Lustig

William Lustig

Inland n. 13/2020
Gennaio 2015, riunone di redazione: si discute a proposito della nascita di INLAND. Quaderni di cinema. A chi dedicare i primi tre numeri? Idee tante, unanimità poca. Restano quattro progetti, [...]
Jorge Luis Borges - Il Bibliotecario di Babele
Jorge Luis Borges è un autore oceanico, un crocevia di esperienze, storie, civiltà e piani dell’essere, un caleido­scopio nel quale il passato si fa futuro e il futuro si rispecchia [...]
Antonio Bido

Antonio Bido

Inland n. 11/2019
Girata la boa del decimo numero, INLAND. Quaderni di cinema compie altri due significativi passi in avanti. Innanzitutto ottiene il passaporto. A rilasciarlo è stato il Paradies Film Festival di Jena [...]
Carlo & Enrico Vanzina

Carlo & Enrico Vanzina

Inland n. 7/2018
INLAND. Quaderni di cinema numero #7 nasce nell’ormai lontano dicembre 2017, in un bar di Milano dove, di fronte al sottoscritto, siede Rocco Moccagatta, firma di punta di tutto quel [...]
Lav Diaz

Lav Diaz

Inland n. 3/2017
È da tempo che noi di INLAND pensiamo a una monografia dedicata a Lav Diaz. Doveva essere il numero #1, l’avevamo poi annunciato come #2, l’abbiamo rimandato in entrambe le [...]
Lune d'Acciaio - I miti della fantascienza
Considerata da un punto di vista non solo letterario, la fantascienza può assumere oggi la funzione un tempo ricoperta dai miti. I viaggi nello spazio profondo, le avventure in galassie [...]
Rob Zombie

Rob Zombie

Inland n. 1/2015
Con la parola inland si intende letteralmente ciò che è all’interno. Nel suo capolavoro INLAND EMPIRE, David Lynch ha esteso la semantica terminologica a una dimensione più concettuale, espansa e [...]
Pupi Avati

Pupi Avati

Inland n. 10/2019
Numero #10. Stiamo diventando grandi. Era da tempo che pensavamo a come festeggiare adeguatamente questa ricorrenza tonda, questo traguardo tagliato in un crescendo di sperimentazioni editoriali, collaborazioni, pubblicazioni sempre più [...]
Sergio Martino

Sergio Martino

Inland n. 5/2017
Giunto al quinto numero, INLAND. Quaderni di cinema affronta uno snodo cruciale, fatto di significative ed emblematiche svolte che segnano uno scarto, un’apertura rispetto alla precedente linea editoriale. Innanzitutto la scelta del [...]
Carlo Verdone

Carlo Verdone

Inland n. 12/2019
"Vi ho chiesto di mettere la mia moto Honda Nighthawk in copertina perché su quella moto c'è passato il cinema italiano. Su quella moto io sono andato e tornato da [...]
Rob Zombie Reloaded

Rob Zombie Reloaded

Inland n. 8/2019
Giunto all’ottavo fascicolo, INLAND. Quaderni di cinema riavvolge per un attimo la pellicola della sua breve ma significativa storia, tornando a percorrere i passi compiuti nel 2015 quando aveva aperto [...]
America! America? - Sguardi sull'Impero antimoderno
L’impero statunitense ha sempre generato nella cultura italiana reazioni contrastanti, che spaziano da un’esaltazione semi-isterica a una condanna a priori, altrettanto paranoica. Sembra sia pressoché impossibile, per chi si confronta [...]
Walt Disney - Il mago di Hollywood
«Credo che dopo una tempesta venga l’arcobaleno: che la tempesta sia il prezzo dell’arcobaleno. La gente ha bisogno dell’arcobaleno e ne ho bisogno anch’io, e perciò glielo do». Solo un [...]
4-4-2 - Calciatori, tifosi, uomini
Nel calcio s’intrecciano oggi le linee di forza del nostro tempo; talvolta vi si palesano le sue fratture, i suoi non-detti. Ecco perché il quattordicesimo fascicolo di «Antarès» è dedicato [...]
Nicolas Winding Refn

Nicolas Winding Refn

Inland n. 4/2017
Perché Nicolas Winding Refn? La risposta è semplice: perché, piaccia o no, è un autore che, più di altri, oggi ha qualcosa da dire. Sebbene sempre più distante dalle logiche [...]
Michele Soavi

Michele Soavi

Inland n. 6/2018
Il nuovo corso di INLAND. Quaderni di cinema, inaugurato dal numero #5, dedicato a Sergio Martino, è contraddistinto da aperture al cinema italiano, al passato, a trattazioni che possano anche [...]

Best seller

Autobiografia involontaria
Maurizio Nichetti è famoso come regista di Ratataplan, Ho fatto splash, Ladri di saponette, Volere volare, che sono stati visti [...]

Articoli piu' letti