Il Borghese: «Potere del denaro e favole. Un percorso editoriale tra Pound, Il Mago di Oz e Mary Poppins»

Ezra Pound & Luca Gallesi
2015-04-14 14:17:27
Il Borghese: «Potere del denaro e favole. Un percorso editoriale tra Pound, Il Mago di Oz e Mary Poppins»

Al momento dell’accettazione della candidatura alla Presidenza degli Stati Uniti d’America nel 1896, W. J. Bryan, divenuto leader dei democratici bimettalisti e dei populisti del People’s Party, indicò in poche ma accorate parole il proprio programma politico-sociale, nonché la speranza che lo animava: “Non crocifiggerete l’umanità su una croce d’oro”. Tali parole erano, naturalmente, rivolte ai rappresentanti dell’alta finanza e ai loro referenti politici. E, altrettanto naturalmente, da questi ultimi Bryan fu sconfitto. Le sue tesi, oggi, in piena crisi sistemico-produttiva, sono di straordinaria attualità.

Vengono opportunamente a rammentarle due novità editoriali, comparse tra i titoli della collana “l’Archeometro” di Bietti. La prima è la nuova edizione del volume di Ezra Pound, Carta da visita, curata da Luca Gallesi, noto studioso del poeta e saggista americano; la seconda è, invece, un libro dello stesso Gallesi, che alle tematiche poundiane si ispira, C’era una volta… l’economia. Oro e lavoro nelle favole dal Mago di Oz a Mary Poppins. Partiamo, innanzitutto, dall’analisi del testo di Pound.

Carta da visita contiene, in nuce, la sintesi teorica delle posizioni del poeta in tema di economia. Come si sa, esse ebbero un significativo peso nell’adesione dell’intellettuale al Fascismo e animarono fortemente il suo tempus loquendi. La prima edizione del volume uscì in piena guerra, nel 1942, la seconda negli anni Settanta, per i tipi di Scheiwiller. Nella prefazione, puntuale ricostruzione del percorso poundiano, Gallesi ci informa che l’interesse economico dell’americano era in qualche modo iscritto nella storia della sua famiglia e nel suo stesso nome. Figlio di un assistente della Zecca, il suo cognome evocava contemporaneamente l’idea di denaro e quella di unità di misura. Per questo, sulla scorta dell’esperienza pregressa di suo nonno, parlamentare del Wisconsin attratto dalle idee populiste che si era battuto per l’eliminazione del monopolio della moneta da parte delle banche, il giovane intellettuale è presto affascinato dalle teorie controcorrente del Maggiore Douglas, economista eterodosso. Questi, in Economic Democracy, gettò le basi di un movimento politico per il Credito Sociale, al quale si avvicianarono molti intellettuali. In sintesi, la posizione di Douglas-Pound può essere così riassunta: ogni popolo ha un’eredità culturale “verticale”, la Tradizione, e un valore aggiunto “orizzontale”, rappresentato dalla cittadinanza. In essi è da ravvisarsi la vera “ricchezza”. Per questo, a ogni cittadino si dovrebbe attribuire un patrimonio base di partenza, un reddito di cittadinanza (sul quale, recentemente e con forza, ha insistito Alain de Benoist, individuando in questa prassi un’effettiva possibilità di superamento della crisi che ci attanaglia).

Il vero nemico del bene comune è da rinvenirsi nel sistema bancario a gestione privata. Infatti, il credito di una nazione non può essere gestito da enti di profitto privati, ma deve rispondere, secondo modalità trasparenti, allo Stato, in quanto la ricchezza prodotta dai cittadini, alla fine del ciclo produttivo-distributivo, a questi deve tornare. La qual cosa venne definitivamente meno con il “Crimine del 1873”. Con questa poco lusinghiera espressione venne chiamata una legge degli Stati Uniti che affidava in toto la gestione del denaro ai Signori dell’oro di Wall Street. Tale provvedimento, a giudizio di Pound, tradiva gli assunti fondamentali della rivoluzione americana del 1776. In Carta da visita, pertanto, egli afferma: “Insisto sull’identità della rivoluzione nostra (cioè americana) del 1776 e la vostra fascista. Due capitoli della stessa guerra contro gli usurai” (p. 54). La valorizzazione del popolo produttore, attento ai ritmi confuciani della natura, concorre a rafforzare nel poeta l’intuizione che l’economia sia cosa troppo seria per essere lasciata ai soli economisti.

Tale riflessione trova conferma nel secondo volume che qui presentiamo, C’era una volta… l’economia. Gallesi esordisce sostenendo che quando gli economisti inventano storielle, dichiarando, ad esempio, con noncuranza che “la crisi è finita”, per capire il reale stato delle cose conviene forse rivolgersi alle favole. Allo scopo, egli compie l’esegesi di due componimenti, ritenuti capolavori della letteratura per l’infanzia, il Mago di Oz e Mary Poppins. Il primo è in grado di svelare le ragioni che produssero la Grande Crisi di fine Ottocento, il secondo, al di là delle metafore, permette di individuare le cause del crollo del 1929. Gallesi, dopo aver contestualizzato storicamente le biografie e l’opera di L. F. Baum e di P. L. Travers, creatori dei due testi in questione, procede ad un’analisi degli stessi, originale e compiuta.

Nel Mago di Oz si narra la parabola di Dorothy, fanciulla “dorata” che vola su scarpe d’argento per raggiungere il Mago di Oz nel paese di Smeraldo. Il nome del Mago è, non a caso, l’abbreviazione inglese di oncia. La protagonista lotta contro la malvagia strega dell’Est, simbolo vivente della cricca finanziaria che dominava e domina gli USA. Altri personaggi del racconto sono i Succhialimoni, la povera gente che sgobba e produce, i contadini delle praterie, e l’Uomo di Stagno, la classe operaia alienata e reificata dalla razionalizzazione produttiva fordista.

In Mary Poppins, la bambinaia protagonista, lo spazzacamino e la “donna degli uccelli”   (questa, in particolare, nella versione cinematografica del racconto) svolgono un ruolo catartico. Infatti, propiziano la trasformazione spirituale del Sig. Banks, impiegato nella City e padre dei bambini affidati a Mary, e del banchiere Dawes, che all’inizio della narrazione sono presentati come aridi esponenti dell’economia speculativa, succubi del potere del denaro. Al termine della favola, il lavoro torna ad essere presentato come il luogo della realizzazione della natura e delle aspirazioni più profonde degli uomini, in una esaltazione del dono e della gratuità delle prestazioni.

Conclusivamente, dai due libri è possibile trarre strumenti culturali per cogliere l’inanità dello stato presente delle cose, e ciò crediamo basti a renderli significativi nella presente battaglia delle idee. Più in particolare, dalla lettura di queste pagine va rilevata la centralità del pensiero del compianto Giano Accame, a cui il secondo volume è dedicato. Questi, infatti, ci ha pressantemente invitato ad approssimarci ai “misteri” dell’economia, con lo stesso bagaglio spirituale di Pound, cioè con “umana pietà e compassione”. In caso contrario, in questo approccio si rischia sempre di rimanere ancorati al trionfante conformismo intellettuale, oggi lautamente remunerato.

 

(Giovanni Sessa, «Il Borghese», dicembre 2012)

Ultimi post dal blog

Per anni paragonata (al ribasso) con i "rivali" della Pixar, la DreamWorks Animation SKG ha segnato in modo significativo la storia del cinema d'animazione, sotto l'egida dei fondatori Steven Spielberg, Jeffrey Katzenberg e David Geffen. Con film e saghe di forte impatto e straordinario successo di pubblico quali Shrek, Kung Fu Panda e Madagascar, solo per citare i titoli più celebri, ha creato un modello e un immaginario visivo e narrativo di forte riconoscibilità. Questo a dispetto dei già citati (e inutili) confronti con la concorrenza, che come conseguenza hanno prodotto una sottovalutazione dei film in questione e una scarsità assoluta di studi e pubblicazioni, almeno in [...]
Per la prima volta in Italia c’è un libro sulla DreamWorks. Scritto da Simone Soranna e Matteo Mazza, “DreamWorks Animation – Il lato chiaro della luna” (Bietti Heterotopia) è un viaggio affascinante che restituisce lustro a una casa di produzione sottovalutata.  In un panorama dove tanto si è detto e scritto su Pixar, ma anche su Studio Ghibli, quello su DreamWorks diviene un libro necessario perché affronta con novizia di dettagli il percorso di nascita, crescita ed evoluzione della casa di produzione creata da Steven Spielberg, Jeffrey Katzenberg e David Geffen. E come tutte le belle storie che si rispettino, [...]

Ultime uscite

François Ozon

François Ozon

Inland n. 2/2016
Il secondo numero di INLAND è il primo volume dedicato in Italia a François Ozon. Regista tra i generi, firma sfuggente all’etichetta d’autore, nei suoi film Ozon fa riverberare echi [...]
Fiume Diciannove - Il Fuoco sacro della Città di Vita
1919-2019. Un secolo fa Gabriele d’Annunzio entrava in Fiume d’Italia, dando vita a quella che sarebbe stata una rivoluzione durata cinquecento giorni. Un’atmosfera febbricitante e festosa, ma anzitutto sacra, qui [...]
Aldo Lado

Aldo Lado

Inland n. 9/2019
Quello che stringete tra le mani è il numero più complesso, stratificato, polisemantico del nostro – vostro – INLAND. Quaderni di cinema. Lo è innanzitutto grazie al parco autori, mai [...]
Dylan Dog - Nostro orrore quotidiano
Detective dell’Occulto, Indagatore dell’Incubo, Esploratore di Pluriversi: come definire altrimenti Dylan Dog, dal 1986 residente al n. 7 della londinese Craven Road? Le sue avventure – che affrontano tutti gli [...]
Dino Buzzati - Nostro fantastico quotidiano
Vi sono autori, come disse una volta Conan Doyle, che «hanno varcato una porta magica». Tra questi spicca Dino Buzzati, che ha condotto il fantastico nel cuore pulsante della materia. [...]
William Lustig

William Lustig

Inland n. 13/2020
Gennaio 2015, riunone di redazione: si discute a proposito della nascita di INLAND. Quaderni di cinema. A chi dedicare i primi tre numeri? Idee tante, unanimità poca. Restano quattro progetti, [...]
Jorge Luis Borges - Il Bibliotecario di Babele
Jorge Luis Borges è un autore oceanico, un crocevia di esperienze, storie, civiltà e piani dell’essere, un caleido­scopio nel quale il passato si fa futuro e il futuro si rispecchia [...]
Antonio Bido

Antonio Bido

Inland n. 11/2019
Girata la boa del decimo numero, INLAND. Quaderni di cinema compie altri due significativi passi in avanti. Innanzitutto ottiene il passaporto. A rilasciarlo è stato il Paradies Film Festival di Jena [...]
Carlo & Enrico Vanzina

Carlo & Enrico Vanzina

Inland n. 7/2018
INLAND. Quaderni di cinema numero #7 nasce nell’ormai lontano dicembre 2017, in un bar di Milano dove, di fronte al sottoscritto, siede Rocco Moccagatta, firma di punta di tutto quel [...]
Lav Diaz

Lav Diaz

Inland n. 3/2017
È da tempo che noi di INLAND pensiamo a una monografia dedicata a Lav Diaz. Doveva essere il numero #1, l’avevamo poi annunciato come #2, l’abbiamo rimandato in entrambe le [...]
Lune d'Acciaio - I miti della fantascienza
Considerata da un punto di vista non solo letterario, la fantascienza può assumere oggi la funzione un tempo ricoperta dai miti. I viaggi nello spazio profondo, le avventure in galassie [...]
Rob Zombie

Rob Zombie

Inland n. 1/2015
Con la parola inland si intende letteralmente ciò che è all’interno. Nel suo capolavoro INLAND EMPIRE, David Lynch ha esteso la semantica terminologica a una dimensione più concettuale, espansa e [...]
Pupi Avati

Pupi Avati

Inland n. 10/2019
Numero #10. Stiamo diventando grandi. Era da tempo che pensavamo a come festeggiare adeguatamente questa ricorrenza tonda, questo traguardo tagliato in un crescendo di sperimentazioni editoriali, collaborazioni, pubblicazioni sempre più [...]
Sergio Martino

Sergio Martino

Inland n. 5/2017
Giunto al quinto numero, INLAND. Quaderni di cinema affronta uno snodo cruciale, fatto di significative ed emblematiche svolte che segnano uno scarto, un’apertura rispetto alla precedente linea editoriale. Innanzitutto la scelta del [...]
Carlo Verdone

Carlo Verdone

Inland n. 12/2019
"Vi ho chiesto di mettere la mia moto Honda Nighthawk in copertina perché su quella moto c'è passato il cinema italiano. Su quella moto io sono andato e tornato da [...]
Rob Zombie Reloaded

Rob Zombie Reloaded

Inland n. 8/2019
Giunto all’ottavo fascicolo, INLAND. Quaderni di cinema riavvolge per un attimo la pellicola della sua breve ma significativa storia, tornando a percorrere i passi compiuti nel 2015 quando aveva aperto [...]
America! America? - Sguardi sull'Impero antimoderno
L’impero statunitense ha sempre generato nella cultura italiana reazioni contrastanti, che spaziano da un’esaltazione semi-isterica a una condanna a priori, altrettanto paranoica. Sembra sia pressoché impossibile, per chi si confronta [...]
Walt Disney - Il mago di Hollywood
«Credo che dopo una tempesta venga l’arcobaleno: che la tempesta sia il prezzo dell’arcobaleno. La gente ha bisogno dell’arcobaleno e ne ho bisogno anch’io, e perciò glielo do». Solo un [...]
4-4-2 - Calciatori, tifosi, uomini
Nel calcio s’intrecciano oggi le linee di forza del nostro tempo; talvolta vi si palesano le sue fratture, i suoi non-detti. Ecco perché il quattordicesimo fascicolo di «Antarès» è dedicato [...]
Nicolas Winding Refn

Nicolas Winding Refn

Inland n. 4/2017
Perché Nicolas Winding Refn? La risposta è semplice: perché, piaccia o no, è un autore che, più di altri, oggi ha qualcosa da dire. Sebbene sempre più distante dalle logiche [...]
Michele Soavi

Michele Soavi

Inland n. 6/2018
Il nuovo corso di INLAND. Quaderni di cinema, inaugurato dal numero #5, dedicato a Sergio Martino, è contraddistinto da aperture al cinema italiano, al passato, a trattazioni che possano anche [...]

Best seller

Autobiografia involontaria
Maurizio Nichetti è famoso come regista di Ratataplan, Ho fatto splash, Ladri di saponette, Volere volare, che sono stati visti [...]

Articoli piu' letti