Gazzetta di Parma: «Morte le ideologie, resta solo un’italica tragicommedia»

Stenio Solinas
2015-04-14 13:25:52
Gazzetta di Parma: «Morte le ideologie, resta solo un’italica tragicommedia»

Attenti a quei due! Che ci fanno Maurizio Cabona e Stenio Solinas in un paesino sperduto della Sicilia, a presentare un libro in un circolo Arci? Cos’è successo? Si sono avverate le parole del profeta Isaia (11,6-8) e «il lupo dimora insieme con l’agnello, la pantera si sdraia accanto al capretto, il vitello e il leoncello pascolano insieme», ecc.? O il katékon di Massimo Cacciari ha smesso di frenare il sistema dalla sua inevitabile, costante deriva e si approssima l’Apocalisse? Insomma, si parla di quelli che furono i più colti, intelligenti, sofisticati esponenti della (minoritaria per definizione) Nuova Destra e vederli in un circolo dell’Arci, a presentare la ristampa di un loro vecchio libro, per chiunque abbia passato non indenne il mezzo secolo, equivale a immaginare Giorgio Almirante che, alle Botteghe Oscure, prende il tè delle cinque con Enrico Berlinguer. Ma tutto sembra normale, ormai. Anche che Solinas e Cabona portino la pioggia in Sicilia. D’estate…Perfino che sia vietato fumare dentro un circolo Arci di periferia e che Solinas, per accendersi il toscano (ovviamente antico, come prescritto dal protocollo antimodernista…), sia costretto a sfidare, impavido, l’umidità della notte.

Benedetto il vizio del fumo! Grazie all’irredimibile tabagismo, il Nostro, infatti, potrà tornare coi piedi per terra, recuperando, almeno in parte, le antiche divisioni dei ruoli.

C’è, in «Viaggio con Charley» – deliziosa cronaca di Steinbeck di un suo tour americano col cane Charley, il barbone francese – la descrizione del sermone di un prete di periferia, tutto fiamme e fuoco infernale. Proprio quello che Steinbeck si aspetta, da un prete cattolico di periferia, non certo lo stucchevole irenismo, la melassa oggi chiamata politically correct

Con la complicità del toscano, che non tradisce, Stenio ascolta, non visto, la sana, sanguigna invettiva di un vecchio cieco, il quale, brandendo il suo bianco bastone, si auto-interroga, retoricamente, sul perché e il percome, un glorioso circolo Arci posto più a sud di Tunisi, abbia deliberato d’invitare quei due. Che, «mica mi incantano, sempre fascisti sono!». L’autore di «Per farla finita con la destra», poco prima, in sala, mentre l’anziano compagno si esibiva in una filippica su «classe operaia e crisi del capitalismo», aveva ravvisato una sorprendente somiglianza di questi con Barracu, il sottosegretario di Salò, orbo di guerra, giustiziato e appeso per i piedi assieme a Mussolini: roba d’antan anche per iniziati… Adesso si avvicina al cieco mosso da sincera simpatia, e gli fa: «Senza offesa, siete come l’ultimo dei Mohicani».

Lui ride, un riso allegro di ragazzo, poi gli punta il bastone dritto al petto. «Sono? E voi allora? Siamo gli ultimi Mohicani». Benedetto toscano, che ha ispirato il saggio di Stenio Solinas Gli ultimi Mohicani. Quel che resta della politica (Bietti).

L’analisi onesta – e quindi anche fortemente autocritica – della politica italiana della seconda metà del Novecento, compreso il periodo buio degli anni di piombo. La fine delle ideologie non ha visto, certamente, il trionfo delle idee, ma piuttosto lo strapotere dell’economia, a volte dell’economia virtuale… e un degrado da basso impero. Sembrano ormai giganti inarrivabili, e si arriva a rimpiangerli, gli statisti alla Aldo Moro, di convergenze parallele e equilibri avanzati, che, pure in gioventù, la passione politica e la tensione ideale hanno spesso fatto identificare col «nemico». Quel che resta della politica degli ideali è solo una tragicommedia all’italiana. Liberalismo e marxismo, storici antagonisti se ve ne furono, paiono ormai quasi fratelli gemelli derivati da una identica matrice.

Sopravvive il tentativo, orgogliosamente individualistico e demodé, di «salvarsi l’anima», conservando il senso dell’onore, il rispetto per le amicizie, il senso – malgrado tutto – d’appartenenza a una Nazione.

Ha scritto Montanelli che «non importano le idee degli uomini, ma la passione che gli uomini mettono nel servirle». In fondo, Solinas e il vecchio cieco appartengono alla stessa razza.

 

(Felice Modica, «Gazzetta di Parma», 14 luglio 2013)

Ultimi post dal blog

In occasione del compleanno di Matthew MacFadyen (Great Yarmouth, 17 ottobre 1974), indimenticato Mr Darcy e Oblonsky rispettivamente in Orgoglio e pregiudizio e Anna Karenina di Joe Wright, vi proponiamo il montaggio dedicato alla cinematografia del regista britannico dalla co-curatrice di Bietti Heterotopia per promuovere il suo numero #30: "Joe Wright. La danza dell'immaginazione, da Jane Austen a Winston Churchill" di Elisa Torsiello, con prefazione del premio Oscar Dario Marianelli e postfazione del direttore della fotografia Seamus McGarvey. [embed]https://youtu.be/Ug5MtNLGAUs[/embed]    
11 Settembre 2001. Sembra quasi superfluo sottolineare come questa data, col suo carico di orrore e violenza, abbia sconvolto per sempre la società occidentale del XXI secolo. La morte di migliaia di persone, che tutti hanno potuto vedere in diretta televisiva, ha avuto un impatto psicologico di portata mondiale. Così come lo hanno avuto tutti gli eventi che ne sono seguiti: le guerre in Iraq e Afghanistan, la scoperta delle torture nel carcere di Abu Graib, la recrudescenza della xenofobia, la grande crisi economica. Una cicatrice che ancora oggi segna profondamente l’Occidente E il cinema, che si rapporta sempre alla società [...]
È da poco uscito nelle sale cinematografiche Il signor Diavolo, ultimo lavoro di Pupi Avati, il cui successo cinquantennale non è forse dovuto solo a fattori tecnici ma a una precisa «visione del mondo» sottesa alla sua produzione. Il film è stato accompagnato da due pubblicazioni, edite da Bietti: Il gotico padano, di Claudio Bartolini e Ruggero Adamovit, e un numero monografico in edizione limitata, numerata e autografata di INLAND. Quaderni di cinema, che affronta il mondo avatiano a 360 gradi, soffermandosi in particolare su questa «visione del mondo», tesa tra folklore e immaginario, Medioevo e modernità, le assolate distese [...]

Ultime uscite

François Ozon

François Ozon

Inland n. 2/2016
Il secondo numero di INLAND è il primo volume dedicato in Italia a François Ozon. Regista tra i generi, firma sfuggente all’etichetta d’autore, nei suoi film Ozon fa riverberare echi [...]
Aldo Lado

Aldo Lado

Inland n. 9/2019
Quello che stringete tra le mani è il numero più complesso, stratificato, polisemantico del nostro – vostro – INLAND. Quaderni di cinema. Lo è innanzitutto grazie al parco autori, mai [...]
Dino Buzzati - Nostro fantastico quotidiano
Vi sono autori, come disse una volta Conan Doyle, che «hanno varcato una porta magica». Tra questi spicca Dino Buzzati, che ha condotto il fantastico nel cuore pulsante della materia. [...]
Jorge Luis Borges - Il Bibliotecario di Babele
Jorge Luis Borges è un autore oceanico, un crocevia di esperienze, storie, civiltà e piani dell’essere, un caleido­scopio nel quale il passato si fa futuro e il futuro si rispecchia [...]
Antonio Bido

Antonio Bido

Inland n. 11/2019
Girata la boa del decimo numero, INLAND. Quaderni di cinema compie altri due significativi passi in avanti. Innanzitutto ottiene il passaporto. A rilasciarlo è stato il Paradies Film Festival di Jena [...]
Carlo & Enrico Vanzina

Carlo & Enrico Vanzina

Inland n. 7/2018
INLAND. Quaderni di cinema numero #7 nasce nell’ormai lontano dicembre 2017, in un bar di Milano dove, di fronte al sottoscritto, siede Rocco Moccagatta, firma di punta di tutto quel [...]
Lav Diaz

Lav Diaz

Inland n. 3/2017
È da tempo che noi di INLAND pensiamo a una monografia dedicata a Lav Diaz. Doveva essere il numero #1, l’avevamo poi annunciato come #2, l’abbiamo rimandato in entrambe le [...]
Lune d'Acciaio - I miti della fantascienza
Considerata da un punto di vista non solo letterario, la fantascienza può assumere oggi la funzione un tempo ricoperta dai miti. I viaggi nello spazio profondo, le avventure in galassie [...]
Rob Zombie

Rob Zombie

Inland n. 1/2015
Con la parola inland si intende letteralmente ciò che è all’interno. Nel suo capolavoro INLAND EMPIRE, David Lynch ha esteso la semantica terminologica a una dimensione più concettuale, espansa e [...]
Sergio Martino

Sergio Martino

Inland n. 5/2017
Giunto al quinto numero, INLAND. Quaderni di cinema affronta uno snodo cruciale, fatto di significative ed emblematiche svolte che segnano uno scarto, un’apertura rispetto alla precedente linea editoriale. Innanzitutto la scelta del [...]
Carlo Verdone

Carlo Verdone

Inland n. 12/2019
"Vi ho chiesto di mettere la mia moto Honda Nighthawk in copertina perché su quella moto c'è passato il cinema italiano. Su quella moto io sono andato e tornato da [...]
Rob Zombie Reloaded

Rob Zombie Reloaded

Inland n. 8/2019
Giunto all’ottavo fascicolo, INLAND. Quaderni di cinema riavvolge per un attimo la pellicola della sua breve ma significativa storia, tornando a percorrere i passi compiuti nel 2015 quando aveva aperto [...]
America! America? - Sguardi sull'Impero antimoderno
L’impero statunitense ha sempre generato nella cultura italiana reazioni contrastanti, che spaziano da un’esaltazione semi-isterica a una condanna a priori, altrettanto paranoica. Sembra sia pressoché impossibile, per chi si confronta [...]
Walt Disney - Il mago di Hollywood
«Credo che dopo una tempesta venga l’arcobaleno: che la tempesta sia il prezzo dell’arcobaleno. La gente ha bisogno dell’arcobaleno e ne ho bisogno anch’io, e perciò glielo do». Solo un [...]
4-4-2 - Calciatori, tifosi, uomini
Nel calcio s’intrecciano oggi le linee di forza del nostro tempo; talvolta vi si palesano le sue fratture, i suoi non-detti. Ecco perché il quattordicesimo fascicolo di «Antarès» è dedicato [...]
Nicolas Winding Refn

Nicolas Winding Refn

Inland n. 4/2017
Perché Nicolas Winding Refn? La risposta è semplice: perché, piaccia o no, è un autore che, più di altri, oggi ha qualcosa da dire. Sebbene sempre più distante dalle logiche [...]
Michele Soavi

Michele Soavi

Inland n. 6/2018
Il nuovo corso di INLAND. Quaderni di cinema, inaugurato dal numero #5, dedicato a Sergio Martino, è contraddistinto da aperture al cinema italiano, al passato, a trattazioni che possano anche [...]

Best seller

Autobiografia involontaria
Maurizio Nichetti è famoso come regista di Ratataplan, Ho fatto splash, Ladri di saponette, Volere volare, che sono stati visti [...]

Articoli piu' letti