Libero: «Bradbury, Eliade, Lovecraft. Quel che a Torino non c'è»

Andrew Macdonald & Antarès Prospettive Antimoderne
2015-06-24 11:39:25
Libero: «Bradbury, Eliade, Lovecraft. Quel che a Torino non c'è»

Il bello di una «fiera» sta anche nelle sue stravaganze, nelle curiosità che essa regala ai visitatori, in ciò che presenta di diverso e fuori dell’ordinario. Un «salone», invece, è un po’ come un centro commerciale. I grandi marchi si notano, quelli più piccoli, che magari offrono prodotti altrettanto se non più ricercati, si perdono nel marasma. O addirittura non riescono neppure ad arrivare sugli scaffali.

Al Salone del libro di Torino, per esempio, non trovate quest’anno lo stand delle Edizioni Bietti. Una casa storica, che da qualche anno è stata ripresa in mano da giovani volonterosi come Andrea Scarabelli (responsabile della splendida collana l’Archeometro) e Tommaso Piccone (amministratore e direttore editoriale), i quali l’hanno riportata ai fasti del tempo che fu. Nel loro catalogo si trovano nomi come Ray Bradbury, E. M. Cioran, H. P. Lovecraft, solo per citarne alcuni. Libri che, appunto, non vedrete a Torino, ed è un vero peccato. Perché sono le eccezioni come Bietti a rendere interessante il panorama editoriale italiano.

«Per via di svariati investimenti sul fronte telematico, abbiamo deciso di lasciar perdere Torino quest’anno, scegliendo altri interlocutori», spiega Andrea Scarabelli. «D’altro canto, in un ambiente come quello torinese, accanto ai giganti dell’editoria nostrana, per una realtà medio-piccola non è facile emergere. Meglio operare sul web – nuovo canale per che non si contenta di quel che trova in libreria ma ama l’universo editoriale, per così dire, a trecentosessanta gradi».

I volumi di Bietti, in ogni caso, si trovano agevolmente in libreria. E dal web si possono scaricare gratuitamente (disponibili, sempre gratis, anche in formato cartaceo in varie librerie) i numeri della rivista Antarès, ennesimo «caso» in Italia.

«Antarès – prospettive antimoderne nacque per iniziativa di un gruppo di (allora) studenti della Statale di Milano», racconta Scarabelli. «Avversi a un certo tipo di cultura accademica bigotta, provinciale e conformista, la cui ortodossia li annoiava non poco, decisero di approfondire quegli autori e temi non giudicati degni d’interesse dalla “cultura ufficiale” in fascicoli tirati in pochissime copie e distribuiti tra amici e conoscenti. Fino a quando una copia giunse tra le mani di Tommaso Piccone, direttore di Edizioni Bietti, che accolse l’idea di dare una nuova veste grafica al periodico, mantenendo – caso più unico che raro – la sua formula gratuita. Sotto la direzione del sottoscritto e dell’amico Gianfranco de Turris, Antarès ha conosciuto una crescente popolarità. Quattro anni di attività, nove fascicoli pubblicati… La rivista è cresciuta e ha visto accostarsi il lavoro di due o tre generazioni di studiosi, accanto a inediti di nomi ben più noti, come Emil Cioran, Mircea Eliade, Giovanni Papini e Howard Phillips Lovecraft». Il prossimo fascicolo, ora in stampa, si intitola Lune d’Acciaio, ed è dedicato al rapporto tra mito e fantascienza, «nato dalla persuasione che la science-fiction, con le avventure eroiche in mondi lontani, il nodo alla gola di viaggi oltre la velocità della luce, gli incontri con razze sconosciute, i bagliori di mondi persi e ritrovati, possa svolgere la funzione di mito per la modernità, in crisi proprio perché priva di una mitologia fondante».

Poi c’è la collana «l’Archeometro», una collezione di gioielli come Carta da Visita di Ezra Pound, L’agonia dell’Occidente di Emil Cioran e Salazar e la rivoluzione in Portogallo, di Mircea Eliade. Volumi importanti, lontani dal mainstream, proposti in una veste elegante e oggetto di una cura rara nell’editoria odierna. «I libri dell’Archeometro non vengono mai riproposti tali e quali ma sempre corredati di introduzioni, postfazioni e appendici – storicizzati, insomma», dice Scarabelli. «Troppe sono quelle case editrici le quali, per pigrizia o poca cura, ripubblicano testi vecchi di decenni senza contestualizzarli, come se fossero stati scritti ieri. È il caso, ad esempio, delle ultime due uscite. Siamo noi i marziani, raccolta d’interviste a Ray Bradbury, è dotata di un imponente corpo di note, introduzioni, cronologie e bibliografie. Così come due saggi critici, di cui uno firmato dal politologo Giorgio Galli, accompagnano la prima edizione italiana dei famigerati Turner Diaries, inseriti nella collana col titolo La Seconda Guerra Civile Americana. Vangelo dei suprematisti statunitensi e profondo sismografo della crisi della modernità, è un libro da cui non si può prescindere per comprendere questo nostro tempo». Ci vuole del coraggio, a pubblicare opere del genere. Il libro di MacDonald, in particolare, è quanto di più sulfureo sia disponibile sulla piazza. Eppure è necessario leggerlo per capire dove nascono personaggi come Breivik o McVeigh (quest’ultimo considerava i Turner Diaries come una specie di «libretto rosso»).
«I prossimi progetti della collana coinvolgono nomi vecchi e nuovi», conclude Scarabelli. «Prime edizioni italiane di Drieu La Rochelle e Alain de Benoist saranno affiancate da altri volumi di Pound, Eliade e Cioran. Talvolta, quando l’ortodossia vacilla, è agli eretici e agli eterodossi che occorre rivolgersi. Per onestà, nonché educazione». C’è bisogno di editori così. E sarebbe bello trovarli anche a Torino.

 

(Francesco Borgonovo, «Libero», 17 maggio 2015)

 

Ultimi post dal blog

Per anni paragonata (al ribasso) con i "rivali" della Pixar, la DreamWorks Animation SKG ha segnato in modo significativo la storia del cinema d'animazione, sotto l'egida dei fondatori Steven Spielberg, Jeffrey Katzenberg e David Geffen. Con film e saghe di forte impatto e straordinario successo di pubblico quali Shrek, Kung Fu Panda e Madagascar, solo per citare i titoli più celebri, ha creato un modello e un immaginario visivo e narrativo di forte riconoscibilità. Questo a dispetto dei già citati (e inutili) confronti con la concorrenza, che come conseguenza hanno prodotto una sottovalutazione dei film in questione e una scarsità assoluta di studi e pubblicazioni, almeno in [...]
Per la prima volta in Italia c’è un libro sulla DreamWorks. Scritto da Simone Soranna e Matteo Mazza, “DreamWorks Animation – Il lato chiaro della luna” (Bietti Heterotopia) è un viaggio affascinante che restituisce lustro a una casa di produzione sottovalutata.  In un panorama dove tanto si è detto e scritto su Pixar, ma anche su Studio Ghibli, quello su DreamWorks diviene un libro necessario perché affronta con novizia di dettagli il percorso di nascita, crescita ed evoluzione della casa di produzione creata da Steven Spielberg, Jeffrey Katzenberg e David Geffen. E come tutte le belle storie che si rispettino, [...]

Ultime uscite

François Ozon

François Ozon

Inland n. 2/2016
Il secondo numero di INLAND è il primo volume dedicato in Italia a François Ozon. Regista tra i generi, firma sfuggente all’etichetta d’autore, nei suoi film Ozon fa riverberare echi [...]
Aldo Lado

Aldo Lado

Inland n. 9/2019
Quello che stringete tra le mani è il numero più complesso, stratificato, polisemantico del nostro – vostro – INLAND. Quaderni di cinema. Lo è innanzitutto grazie al parco autori, mai [...]
Dino Buzzati - Nostro fantastico quotidiano
Vi sono autori, come disse una volta Conan Doyle, che «hanno varcato una porta magica». Tra questi spicca Dino Buzzati, che ha condotto il fantastico nel cuore pulsante della materia. [...]
William Lustig

William Lustig

Inland n. 13/2020
Gennaio 2015, riunone di redazione: si discute a proposito della nascita di INLAND. Quaderni di cinema. A chi dedicare i primi tre numeri? Idee tante, unanimità poca. Restano quattro progetti, [...]
Jorge Luis Borges - Il Bibliotecario di Babele
Jorge Luis Borges è un autore oceanico, un crocevia di esperienze, storie, civiltà e piani dell’essere, un caleido­scopio nel quale il passato si fa futuro e il futuro si rispecchia [...]
Antonio Bido

Antonio Bido

Inland n. 11/2019
Girata la boa del decimo numero, INLAND. Quaderni di cinema compie altri due significativi passi in avanti. Innanzitutto ottiene il passaporto. A rilasciarlo è stato il Paradies Film Festival di Jena [...]
Carlo & Enrico Vanzina

Carlo & Enrico Vanzina

Inland n. 7/2018
INLAND. Quaderni di cinema numero #7 nasce nell’ormai lontano dicembre 2017, in un bar di Milano dove, di fronte al sottoscritto, siede Rocco Moccagatta, firma di punta di tutto quel [...]
Lav Diaz

Lav Diaz

Inland n. 3/2017
È da tempo che noi di INLAND pensiamo a una monografia dedicata a Lav Diaz. Doveva essere il numero #1, l’avevamo poi annunciato come #2, l’abbiamo rimandato in entrambe le [...]
Lune d'Acciaio - I miti della fantascienza
Considerata da un punto di vista non solo letterario, la fantascienza può assumere oggi la funzione un tempo ricoperta dai miti. I viaggi nello spazio profondo, le avventure in galassie [...]
Rob Zombie

Rob Zombie

Inland n. 1/2015
Con la parola inland si intende letteralmente ciò che è all’interno. Nel suo capolavoro INLAND EMPIRE, David Lynch ha esteso la semantica terminologica a una dimensione più concettuale, espansa e [...]
Pupi Avati

Pupi Avati

Inland n. 10/2019
Numero #10. Stiamo diventando grandi. Era da tempo che pensavamo a come festeggiare adeguatamente questa ricorrenza tonda, questo traguardo tagliato in un crescendo di sperimentazioni editoriali, collaborazioni, pubblicazioni sempre più [...]
Sergio Martino

Sergio Martino

Inland n. 5/2017
Giunto al quinto numero, INLAND. Quaderni di cinema affronta uno snodo cruciale, fatto di significative ed emblematiche svolte che segnano uno scarto, un’apertura rispetto alla precedente linea editoriale. Innanzitutto la scelta del [...]
Carlo Verdone

Carlo Verdone

Inland n. 12/2019
"Vi ho chiesto di mettere la mia moto Honda Nighthawk in copertina perché su quella moto c'è passato il cinema italiano. Su quella moto io sono andato e tornato da [...]
Rob Zombie Reloaded

Rob Zombie Reloaded

Inland n. 8/2019
Giunto all’ottavo fascicolo, INLAND. Quaderni di cinema riavvolge per un attimo la pellicola della sua breve ma significativa storia, tornando a percorrere i passi compiuti nel 2015 quando aveva aperto [...]
America! America? - Sguardi sull'Impero antimoderno
L’impero statunitense ha sempre generato nella cultura italiana reazioni contrastanti, che spaziano da un’esaltazione semi-isterica a una condanna a priori, altrettanto paranoica. Sembra sia pressoché impossibile, per chi si confronta [...]
Walt Disney - Il mago di Hollywood
«Credo che dopo una tempesta venga l’arcobaleno: che la tempesta sia il prezzo dell’arcobaleno. La gente ha bisogno dell’arcobaleno e ne ho bisogno anch’io, e perciò glielo do». Solo un [...]
4-4-2 - Calciatori, tifosi, uomini
Nel calcio s’intrecciano oggi le linee di forza del nostro tempo; talvolta vi si palesano le sue fratture, i suoi non-detti. Ecco perché il quattordicesimo fascicolo di «Antarès» è dedicato [...]
Nicolas Winding Refn

Nicolas Winding Refn

Inland n. 4/2017
Perché Nicolas Winding Refn? La risposta è semplice: perché, piaccia o no, è un autore che, più di altri, oggi ha qualcosa da dire. Sebbene sempre più distante dalle logiche [...]
Michele Soavi

Michele Soavi

Inland n. 6/2018
Il nuovo corso di INLAND. Quaderni di cinema, inaugurato dal numero #5, dedicato a Sergio Martino, è contraddistinto da aperture al cinema italiano, al passato, a trattazioni che possano anche [...]

Best seller

Autobiografia involontaria
Maurizio Nichetti è famoso come regista di Ratataplan, Ho fatto splash, Ladri di saponette, Volere volare, che sono stati visti [...]

Articoli piu' letti