L'arte invisibile del montaggio. Intervista a Valerio Bonelli

Elisa Torsiello
2021-03-04 15:06:06
L'arte invisibile del montaggio. Intervista a Valerio Bonelli

Bravo Valerio Bonelli, che se un personaggio piange troppo lo taglia. Chapeau.

“Se un personaggio tende a piangere troppo, lo taglio di netto”. Valerio Bonelli può farlo, lavora al cinema come montatore. Bravo, perché subito precisa: “Non è importante insistere sul suo sguardo bagnato di lacrime. L’importante è commuovere lo spettatore”. Bravissimo, perché ha lavorato quasi un anno sulla docuserie “SanPa” diretta da Cosima Spender (sua moglie, figlia dello scultore Matthew Spender, a sua volta figlio del poeta Stephen Spender). In corso d’opera, le puntate da sei sono state ridotte a cinque, e i 19 intervistati sono stati ridotti a 15.

Ottimo. Dice infatti la regola numero uno del montaggio, o quella che del montaggio dovrebbe essere la regola numero uno: “Quel che non c’è, non si vede”. Nessuno spettatore verrà mai a lamentarsi “ma perché hai tolto quella scena, era tanto bella…”. Quel che resta deve risplendere funzionare. Vale sullo schermo, vale per i libri (se non togliete le pagine meno riuscite il lettore ricorderà soltanto quelle). Vale per gli articoli (anche se, qualunque riga un caporedattore elimini, il giornalista protesterà “era fondamentale”). Vale per la radio: un collega, di cui mai faremo il nome, riascoltava sistematicamente i pezzi di intervista tagliati, trovandoli indispensabili (cosicché un servizio da cinque minuti ne durava dieci).

Nato a Napoli e cresciuto in Toscana, Valerio Bonelli ha avuto Stephen Frears come tutor alla National Film and Television School. Parla di lacrime, e di molte altre faccende che riguardano il montaggio, nel volumetto L’arte invisibile del montaggio, intervistato da Elisa Torsiello (l’editore è Bietti, serviva qualche taglio nell’introduzione e soprattutto nei ringraziamenti dell’autrice, davvero non è possibile imbattersi in frasi come “questo testo è figlio di una visione di natura quasi epifanica”). Con Stephen Frears ha lavorato su “Philomena”, la storia di una ragazza che in Irlanda rimane incinta senza un marito e viene mandata in convento, le suore danno il neonato in adozione, fingendo poi che i registri son bruciati e il bambino diventato adulto non sia più rintracciabile. Cuore di mamma ostinata, viene ritrovato 50 anni dopo negli Stati Uniti.

Oltre ai film montati per Stephen Frears (ci sono anche “The Program” e “Florence”), e un gustoso ritratto del regista che evita la sala di montaggio, sennò gli verrebbe voglia di rifare tutto), Valerio Bonelli racconta il suo lavoro per Joe Wright, cominciato con un episodio della serie “Black Mirror”. Prima di arrivare a “L’ora più buia”, con Gary Oldman che molto impolpato faceva Winston Churchill. Altri due film siglati Wright-Bonelli – “La donna alla finestra” con Amy Adams e il musical “Cyrano” con Peter Dinklage – sono in arrivo. Valerio Bonelli monta i film durante le riprese, secondo il modello anglosassone. Gli europei preferiscono andare in sala di montaggio una volta finito il loro sul set (malignamente si potrebbe dire che a loro non capita mai di dover rifare una scena, loro sono artisti). Ovviamente il montatore osserva da vicinissimo il lavoro dell’attore. “Capisco se ha fatto teatro e quanto teatro ha fatto”. Menomale che lavora all’estero, nei film italiani la “speciale partecipazione” dell’attore teatrale – “manierato e caricaturale” – arriva come una condanna.

 

Mariarosa Mancuso  ©Il Foglio, 18 febbraio 2021

Ultimi post dal blog

Barry Jenkins e il suo Moonlight rappresentano un punto di svolta nel cinema nero e contemporaneo: è questa la tesi principale di Kind of Blue. Kind of Blue. Barry Jenkins, variazioni sul corpo afroamericano è il nuovo volume della Collana Fotogrammi di Edizioni Bietti, scritto da Marzia Gandolfi. È l’ottavo, per la precisione, pubblicato dopo il saggio di Lapo Gresleri di cui abbiamo parlato qualche settimana fa. Proprio a differenza di quest’ultimo, la prospettiva di Gandolfi rimane attenta a evitare l’uso del termine afroamericano (sostituendolo con nero) proprio per non entrare nel dualismo conflittuale della doppia identità, formalizzata da WEB Du Bois. Kind of Blue, come suggerisce anche il [...]
Il 14 febbraio è uscito per Bietti Edizioni il sesto titolo della collana Fotogrammi, l’autrice è Hilary Tiscione. Hilary, da qualche settimana è disponibile Se Rose gli facesse spazio, Jack si salverebbe? una raccolta di racconti, di retelling per la precisione, in cui ti sei posta l’obiettivo di riscrivere il finale di sei film che hanno contribuito alla definizione del tuo immaginario. Quali sono i film? Perché proprio questi? Si tratta di sei film molto famosi: Carnage di Roman Polanski (tratto da Il dio del massacro di Yasmina Reza) perché amo le narrazioni ambientate esclusivamente in interni. Meglio ancora se in un unico ambiente. Mi affascina concentrarmi sulle dinamiche più [...]
“The white hunter sits on his porch With his elephant gun and his tears He’ll shoot you for free if you come around here A protester kneels on the neck of a statue The statue says “I can’t breathe”.. Nick Cave, White Elephant, 2021 Che missione difficile quella intrapresa da Lapo Gresleri col suo Body and Souls (Bietti, 2021): da una parte raccontare il presente della tormentata esperienza afroamericana, inteso in senso largo come commistione decennale di due periodi opposti ma, ognuno a suo modo, non risolutivi, come le presidenze Obama e Trump, e in senso puntiforme come l’ennesimo feroce risveglio delle coscienze all’indomani di quegli otto minuti di [...]

Ultime uscite

François Ozon

François Ozon

Inland n. 2/2016
Il secondo numero di INLAND è il primo volume dedicato in Italia a François Ozon. Regista tra i generi, firma sfuggente all’etichetta d’autore, nei suoi film Ozon fa riverberare echi [...]
Fiume Diciannove - Il Fuoco sacro della Città di Vita
1919-2019. Un secolo fa Gabriele d’Annunzio entrava in Fiume d’Italia, dando vita a quella che sarebbe stata una rivoluzione durata cinquecento giorni. Un’atmosfera febbricitante e festosa, ma anzitutto sacra, qui [...]
Aldo Lado

Aldo Lado

Inland n. 9/2019
Quello che stringete tra le mani è il numero più complesso, stratificato, polisemantico del nostro – vostro – INLAND. Quaderni di cinema. Lo è innanzitutto grazie al parco autori, mai [...]
Dylan Dog - Nostro orrore quotidiano
Detective dell’Occulto, Indagatore dell’Incubo, Esploratore di Pluriversi: come definire altrimenti Dylan Dog, dal 1986 residente al n. 7 della londinese Craven Road? Le sue avventure – che affrontano tutti gli [...]
Dino Buzzati - Nostro fantastico quotidiano
Vi sono autori, come disse una volta Conan Doyle, che «hanno varcato una porta magica». Tra questi spicca Dino Buzzati, che ha condotto il fantastico nel cuore pulsante della materia. [...]
William Lustig

William Lustig

Inland n. 13/2020
Gennaio 2015, riunone di redazione: si discute a proposito della nascita di INLAND. Quaderni di cinema. A chi dedicare i primi tre numeri? Idee tante, unanimità poca. Restano quattro progetti, [...]
Jorge Luis Borges - Il Bibliotecario di Babele
Jorge Luis Borges è un autore oceanico, un crocevia di esperienze, storie, civiltà e piani dell’essere, un caleido­scopio nel quale il passato si fa futuro e il futuro si rispecchia [...]
Antonio Bido

Antonio Bido

Inland n. 11/2019
Girata la boa del decimo numero, INLAND. Quaderni di cinema compie altri due significativi passi in avanti. Innanzitutto ottiene il passaporto. A rilasciarlo è stato il Paradies Film Festival di Jena [...]
Carlo & Enrico Vanzina

Carlo & Enrico Vanzina

Inland n. 7/2018
INLAND. Quaderni di cinema numero #7 nasce nell’ormai lontano dicembre 2017, in un bar di Milano dove, di fronte al sottoscritto, siede Rocco Moccagatta, firma di punta di tutto quel [...]
Lav Diaz

Lav Diaz

Inland n. 3/2017
È da tempo che noi di INLAND pensiamo a una monografia dedicata a Lav Diaz. Doveva essere il numero #1, l’avevamo poi annunciato come #2, l’abbiamo rimandato in entrambe le [...]
Lune d'Acciaio - I miti della fantascienza
Considerata da un punto di vista non solo letterario, la fantascienza può assumere oggi la funzione un tempo ricoperta dai miti. I viaggi nello spazio profondo, le avventure in galassie [...]
Rob Zombie

Rob Zombie

Inland n. 1/2015
Con la parola inland si intende letteralmente ciò che è all’interno. Nel suo capolavoro INLAND EMPIRE, David Lynch ha esteso la semantica terminologica a una dimensione più concettuale, espansa e [...]
Pupi Avati

Pupi Avati

Inland n. 10/2019
Numero #10. Stiamo diventando grandi. Era da tempo che pensavamo a come festeggiare adeguatamente questa ricorrenza tonda, questo traguardo tagliato in un crescendo di sperimentazioni editoriali, collaborazioni, pubblicazioni sempre più [...]
Sergio Martino

Sergio Martino

Inland n. 5/2017
Giunto al quinto numero, INLAND. Quaderni di cinema affronta uno snodo cruciale, fatto di significative ed emblematiche svolte che segnano uno scarto, un’apertura rispetto alla precedente linea editoriale. Innanzitutto la scelta del [...]
Carlo Verdone

Carlo Verdone

Inland n. 12/2019
"Vi ho chiesto di mettere la mia moto Honda Nighthawk in copertina perché su quella moto c'è passato il cinema italiano. Su quella moto io sono andato e tornato da [...]
Rob Zombie Reloaded

Rob Zombie Reloaded

Inland n. 8/2019
Giunto all’ottavo fascicolo, INLAND. Quaderni di cinema riavvolge per un attimo la pellicola della sua breve ma significativa storia, tornando a percorrere i passi compiuti nel 2015 quando aveva aperto [...]
America! America? - Sguardi sull'Impero antimoderno
L’impero statunitense ha sempre generato nella cultura italiana reazioni contrastanti, che spaziano da un’esaltazione semi-isterica a una condanna a priori, altrettanto paranoica. Sembra sia pressoché impossibile, per chi si confronta [...]
Walt Disney - Il mago di Hollywood
«Credo che dopo una tempesta venga l’arcobaleno: che la tempesta sia il prezzo dell’arcobaleno. La gente ha bisogno dell’arcobaleno e ne ho bisogno anch’io, e perciò glielo do». Solo un [...]
4-4-2 - Calciatori, tifosi, uomini
Nel calcio s’intrecciano oggi le linee di forza del nostro tempo; talvolta vi si palesano le sue fratture, i suoi non-detti. Ecco perché il quattordicesimo fascicolo di «Antarès» è dedicato [...]
Nicolas Winding Refn

Nicolas Winding Refn

Inland n. 4/2017
Perché Nicolas Winding Refn? La risposta è semplice: perché, piaccia o no, è un autore che, più di altri, oggi ha qualcosa da dire. Sebbene sempre più distante dalle logiche [...]
Michele Soavi

Michele Soavi

Inland n. 6/2018
Il nuovo corso di INLAND. Quaderni di cinema, inaugurato dal numero #5, dedicato a Sergio Martino, è contraddistinto da aperture al cinema italiano, al passato, a trattazioni che possano anche [...]

Best seller

Autobiografia involontaria
Maurizio Nichetti è famoso come regista di Ratataplan, Ho fatto splash, Ladri di saponette, Volere volare, che sono stati visti [...]

Articoli piu' letti