Metapolitics: «La rivista della settimana: Antarès. Prospettive antimoderne»

Antarès Prospettive Antimoderne
2015-04-14 15:07:16
Metapolitics: «La rivista della settimana: Antarès. Prospettive antimoderne»

Può esistere una modernità senza progresso? Non è facile rispondere perché è come indagare sul futuro di un’automobile priva di ruote… Che farsene di una Ferrari con le quattro gomme fuori uso? Che attendersi da una modernità incapace di progredire? Del resto, gli stessi apologeti della modernità, preoccupati quanto i denigratori, oggi preferiscono parlare di post-modernità, ossia di una realtà né moderna né antimoderna, assai simile a un inutile e malinconico deposito di vecchie automobili in attesa di demolizione.

Il nostro giro di parole ha un senso preciso, e spieghiamo subito quale: “Antarès”, rivista diretta e pensata da Andrea Scarabelli e da un gruppo, altrettanto giovane, di redattori (benché direttore responsabile sia Gianfranco de Turris, vecchia volpe cui va tutta la nostra stima…), sembra arrovellarsi intorno al complicato quesito di cui sopra. Non per nulla, e a proposito della nostra metafora automobilistica, uno dei fascicoli che abbiamo sotto gli occhi – il n. 1, per l’esattezza – propone il camminare come metafora di una modernità finalmente capace di apprezzare il gusto di andare a piedi… Del resto a cosa si fa cenno nel “Manifesto” pubblicato nello stesso fascicolo? A «un antimodernismo che non si risolva in una sterile critica del presente ma che sia in grado di fornire a questo ultimo strumenti che, invero, sono già in suo possesso. Dotare la modernità di una metafisica alla sua altezza: questa la celebre scommessa tra Faust e Mefistofele, della quale il presente progetto si sente erede». In sintesi: «Curare la modernità con la modernità stessa. Questa è la scommessa intellettuale che anima le presenti ricerche».

Ottimo. Perciò, per non uscire di metafora, le «prospettive antimoderne», come recita il sottotitolo, sono tali ma solo nei riguardi di una modernità “motorizzata”, intenta a spostare le linee del traguardo sempre più avanti, rifiutando di interrogarsi sul senso della sua corsa.

Però, e qui torniamo alla questione iniziale, è possibile una modernità senza progresso “incorporato”? In che modo, per riprendere il fascinoso titolo della rivista, Antarès potrà dialogare con il rivale Ares? Basterà una nuova metafisica? O forse va attribuito un senso diverso al progresso, proprio per mantenerlo a galla nel mare magnum modernità. Detto altrimenti: serve di sicuro una nuova metafisica ma – ecco il punto – capace di inglobare un concetto “altro” di progresso. Quale però? Ad esempio, si potrebbe rileggere l’opera di Robert Nisbet, dove, come mostra il ghiotto libro fresco di stampa di Spartaco Puppo (Robert Nisbet e il conservatorismo sociale, Mimesis), l’idea di progresso viene ricondotta – e depotenziata – nell’alveo di quella domanda di comunità, innata nell’uomo; domanda, la cui persistenza storica e sociologica rivela che il vero progresso non è rappresentato dal cambiamento in quanto tale, bensì da quei mutamenti in sintonia con il valore non negoziabile (perché intramontabile) della comunità. Ovviamente, Nisbet si riferisce alla comunità così come viene intesa nella cultura anglo-americana: una comunità liberale che non sia mera somma dei singoli individui, né puro surplus sovraindividuale, ma un insieme ordinato di pratiche e relazioni, rispettose delle libertà dei singoli, incluse quelle economiche. Semplificando: un olismo ben temperato, o comunque ritagliato su un equilibrio tra il tutto (i doveri) e le parti (i diritti), sempre attento al rispetto delle opzioni individuali e delle scelte di minoranza. Ennesimo tentativo di quadratura del circolo anche quello di Nisbet? Forse. Ma quale idea regolativa non lo è?

Del resto, piaccia o meno, senza un’idea di futuro (e di progresso) non c’è modernità, e senza modernità non c’è futuro (e progresso). Non è un gioco di parole: all’uomo moderno, preda di un grande smarrimento, va offerta una narrazione convincente e soprattutto integrale, capace di fondere insieme passato, presente, futuro. Quindi svolta metafisica, ma anche storica e sociologica. Di qui, l’impossibilità di rinunciare all’idea di progresso, non disgiunta da quella di comunità, nel senso però cui abbiamo accennato. Altrimenti, qual è il rischio? Quello di restare impantanati, come sta accadendo, nella post-modernità. Che, ripetiamo, è una modernità in attesa della sua “rottamazione”. Sempre che, ma su questo Antarès si è giustamente defilata, non si voglia riabbracciare la causa perduta del “passatismo”: errore uguale e contrario al “presentismo”. E la stessa cosa si potrebbe dire anche a proposito del “futurismo”, soprattutto se inteso erroneamente come culto del futuro in quanto tale.

Comunque la si pensi, non possiamo non porgere i nostri auguri (e complimenti) ai giovani di Antarès, anche per il solo fatto di aver così generosamente accettato l’ardua sfida. D’altronde, dove non c’è sfida non c’è neppure “progresso” intellettuale…

 

(Carlo Gambescia, «Metapolitics», 21 giugno 2012)

Ultimi post dal blog

Per anni paragonata (al ribasso) con i "rivali" della Pixar, la DreamWorks Animation SKG ha segnato in modo significativo la storia del cinema d'animazione, sotto l'egida dei fondatori Steven Spielberg, Jeffrey Katzenberg e David Geffen. Con film e saghe di forte impatto e straordinario successo di pubblico quali Shrek, Kung Fu Panda e Madagascar, solo per citare i titoli più celebri, ha creato un modello e un immaginario visivo e narrativo di forte riconoscibilità. Questo a dispetto dei già citati (e inutili) confronti con la concorrenza, che come conseguenza hanno prodotto una sottovalutazione dei film in questione e una scarsità assoluta di studi e pubblicazioni, almeno in [...]
Per la prima volta in Italia c’è un libro sulla DreamWorks. Scritto da Simone Soranna e Matteo Mazza, “DreamWorks Animation – Il lato chiaro della luna” (Bietti Heterotopia) è un viaggio affascinante che restituisce lustro a una casa di produzione sottovalutata.  In un panorama dove tanto si è detto e scritto su Pixar, ma anche su Studio Ghibli, quello su DreamWorks diviene un libro necessario perché affronta con novizia di dettagli il percorso di nascita, crescita ed evoluzione della casa di produzione creata da Steven Spielberg, Jeffrey Katzenberg e David Geffen. E come tutte le belle storie che si rispettino, [...]

Ultime uscite

François Ozon

François Ozon

Inland n. 2/2016
Il secondo numero di INLAND è il primo volume dedicato in Italia a François Ozon. Regista tra i generi, firma sfuggente all’etichetta d’autore, nei suoi film Ozon fa riverberare echi [...]
Aldo Lado

Aldo Lado

Inland n. 9/2019
Quello che stringete tra le mani è il numero più complesso, stratificato, polisemantico del nostro – vostro – INLAND. Quaderni di cinema. Lo è innanzitutto grazie al parco autori, mai [...]
Dino Buzzati - Nostro fantastico quotidiano
Vi sono autori, come disse una volta Conan Doyle, che «hanno varcato una porta magica». Tra questi spicca Dino Buzzati, che ha condotto il fantastico nel cuore pulsante della materia. [...]
William Lustig

William Lustig

Inland n. 13/2020
Gennaio 2015, riunone di redazione: si discute a proposito della nascita di INLAND. Quaderni di cinema. A chi dedicare i primi tre numeri? Idee tante, unanimità poca. Restano quattro progetti, [...]
Jorge Luis Borges - Il Bibliotecario di Babele
Jorge Luis Borges è un autore oceanico, un crocevia di esperienze, storie, civiltà e piani dell’essere, un caleido­scopio nel quale il passato si fa futuro e il futuro si rispecchia [...]
Antonio Bido

Antonio Bido

Inland n. 11/2019
Girata la boa del decimo numero, INLAND. Quaderni di cinema compie altri due significativi passi in avanti. Innanzitutto ottiene il passaporto. A rilasciarlo è stato il Paradies Film Festival di Jena [...]
Carlo & Enrico Vanzina

Carlo & Enrico Vanzina

Inland n. 7/2018
INLAND. Quaderni di cinema numero #7 nasce nell’ormai lontano dicembre 2017, in un bar di Milano dove, di fronte al sottoscritto, siede Rocco Moccagatta, firma di punta di tutto quel [...]
Lav Diaz

Lav Diaz

Inland n. 3/2017
È da tempo che noi di INLAND pensiamo a una monografia dedicata a Lav Diaz. Doveva essere il numero #1, l’avevamo poi annunciato come #2, l’abbiamo rimandato in entrambe le [...]
Lune d'Acciaio - I miti della fantascienza
Considerata da un punto di vista non solo letterario, la fantascienza può assumere oggi la funzione un tempo ricoperta dai miti. I viaggi nello spazio profondo, le avventure in galassie [...]
Rob Zombie

Rob Zombie

Inland n. 1/2015
Con la parola inland si intende letteralmente ciò che è all’interno. Nel suo capolavoro INLAND EMPIRE, David Lynch ha esteso la semantica terminologica a una dimensione più concettuale, espansa e [...]
Pupi Avati

Pupi Avati

Inland n. 10/2019
Numero #10. Stiamo diventando grandi. Era da tempo che pensavamo a come festeggiare adeguatamente questa ricorrenza tonda, questo traguardo tagliato in un crescendo di sperimentazioni editoriali, collaborazioni, pubblicazioni sempre più [...]
Sergio Martino

Sergio Martino

Inland n. 5/2017
Giunto al quinto numero, INLAND. Quaderni di cinema affronta uno snodo cruciale, fatto di significative ed emblematiche svolte che segnano uno scarto, un’apertura rispetto alla precedente linea editoriale. Innanzitutto la scelta del [...]
Carlo Verdone

Carlo Verdone

Inland n. 12/2019
"Vi ho chiesto di mettere la mia moto Honda Nighthawk in copertina perché su quella moto c'è passato il cinema italiano. Su quella moto io sono andato e tornato da [...]
Rob Zombie Reloaded

Rob Zombie Reloaded

Inland n. 8/2019
Giunto all’ottavo fascicolo, INLAND. Quaderni di cinema riavvolge per un attimo la pellicola della sua breve ma significativa storia, tornando a percorrere i passi compiuti nel 2015 quando aveva aperto [...]
America! America? - Sguardi sull'Impero antimoderno
L’impero statunitense ha sempre generato nella cultura italiana reazioni contrastanti, che spaziano da un’esaltazione semi-isterica a una condanna a priori, altrettanto paranoica. Sembra sia pressoché impossibile, per chi si confronta [...]
Walt Disney - Il mago di Hollywood
«Credo che dopo una tempesta venga l’arcobaleno: che la tempesta sia il prezzo dell’arcobaleno. La gente ha bisogno dell’arcobaleno e ne ho bisogno anch’io, e perciò glielo do». Solo un [...]
4-4-2 - Calciatori, tifosi, uomini
Nel calcio s’intrecciano oggi le linee di forza del nostro tempo; talvolta vi si palesano le sue fratture, i suoi non-detti. Ecco perché il quattordicesimo fascicolo di «Antarès» è dedicato [...]
Nicolas Winding Refn

Nicolas Winding Refn

Inland n. 4/2017
Perché Nicolas Winding Refn? La risposta è semplice: perché, piaccia o no, è un autore che, più di altri, oggi ha qualcosa da dire. Sebbene sempre più distante dalle logiche [...]
Michele Soavi

Michele Soavi

Inland n. 6/2018
Il nuovo corso di INLAND. Quaderni di cinema, inaugurato dal numero #5, dedicato a Sergio Martino, è contraddistinto da aperture al cinema italiano, al passato, a trattazioni che possano anche [...]

Best seller

Autobiografia involontaria
Maurizio Nichetti è famoso come regista di Ratataplan, Ho fatto splash, Ladri di saponette, Volere volare, che sono stati visti [...]

Articoli piu' letti