Cinemonitor: intervista a Ilaria Feole su «Wes Anderson. Genitori, figli e altri animali»

Ilaria Feole
2015-04-15 10:30:32
Cinemonitor: intervista a Ilaria Feole su «Wes Anderson. Genitori, figli e altri animali»

In Wes Anderson. Genitori, figli e altri animali (Bietti Heterotopia) analizzi l’opera del regista texano mettendo in risalto i riferimenti letterari e cinematografici che l’hanno ispirato, il concetto di famiglia, in senso lato e specifico, ancora un gusto che guarda all’Europa pur rimanendo tipicamente americano. Qual è stata la tua “prima visione” sul corpus andersoniano? Perché un libro sul suo cinema?

La scelta nasce, in primis, da una passione personale di cinefila: con i film di Wes Anderson sono cresciuta, l’ho scoperto come spettatrice molto prima di iniziare a occuparmi di cinema a livello professionale e l’ho sempre percepito come uno degli autori più amati dal pubblico appartenente alla mia generazione (e non solo). Anche da questa osservazione ha preso le mosse la monografia: dal tentativo di indagare le ragioni di un successo, dell’amore di una certa fetta di spettatori nei confronti di un cineasta ancora giovane eppure perfettamente riconoscibile e riconosciuto anche da frequentatori poco assidui delle sale. In secondo luogo si trattava di una lacuna ancora da colmare: se ancora può essere definito autore di nicchia, Wes Anderson è sempre più affermato anche in Italia, dove dopo l’exploit di I Tenenbaum, anche il recente Grand Budapest Hotel è stato campione d’incassi. Con soli 8 lungometraggi all’attivo, la sua poetica è già compiutamente riconoscibile e compatta, eppure  una monografia organica dedicata alla sua opera, nel complesso, non era mai stata pubblicata nel nostro paese. Nell’ottica della collana Bietti Heterotopia, che si propone di inquadrare la settima arte nell’ambito del più ampio sistema socioculturale in cui è inserita, mi sono posta l’obiettivo di analizzare in modo approfondito il corpus di Anderson in relazione al panorama cinematografico contemporaneo e all’immaginario che lui ha contribuito a forgiare. Procedendo in ordine cronologico, ho ripercorso i 20 anni di produzione cinematografica del regista, indagando i riferimenti letterari, cinematografici e musicali che hanno forgiato il suo sguardo e il modo in cui il suo stile ha, a sua volta, dato voce a un sentimento collettivo e forgiato un’estetica condivisa.

Nell’acuta introduzione, Peter Bogdanovich fa riferimento a un “Anderson touch”. In che modo si potrebbe definire questo particolare tocco?

Bogdanovich, fin dal titolo del suo saggio, fa riferimento alla “visione”: il tocco di Anderson è, infatti, soprattutto nello stile. Uno stile visivamente inconfondibile che, nelle parole del suo esegeta Matt Zoller Seitz, si fa sostanza: un’estetica che, fin dal suo esordio, pur essendo un regista giovane e autodidatta, è stata espressione di una concezione precisa fin nei minimi dettagli della sua opera in divenire. L’Anderson Touch che Bogdanovich gli attribuisce è quello di un autore che sa veicolare, tramite ogni elemento maniacalmente curato della messa in scena (dalla scenografia ai costumi alla colonna sonora), la sua visione del mondo e la sua poetica.

I detrattori imputano al regista un fastidioso “girare a vuoto”: nelle pagine che dedichi a Le avventure acquatiche di Steve Zissou o a Il treno per il Darjeeling, tra gli altri, spieghi questa caratteristica come uno dei motivi-motore della sua opera… Puoi parlarcene?

Lo scollamento fra la vita interiore dei personaggi di Anderson e la realtà concreta che li circonda è uno dei cardini della sua filmografia: esploratori falliti, avventurieri fallaci, genitori svogliati, sono eroi delle proprie sghembe narrazioni. Protagonisti di avventure e di viaggi in cui non conta realmente la direzione, ma solo il movimento: Anderson si fa portavoce del solipsismo, del narcisismo e dell’immaturità delle sue creature, piene di ambizioni e sogni senza una reale applicazione. Questo sentimento si riflette in romanzi di formazione senza sbocco, in avventure che, appunto, girano a vuoto, non hanno un punto di arrivo, aderiscono all’interiorità di adulti bloccati in un’eterna adolescenza.

Qual è la differenza sostanziale tra i film Wes Anderson e quelli degli amici-registi che orbitano intorno a lui, penso a Noah Baumbach o a Roman Coppola?

Nonostante gli evidenti punti in comune, a partire dalla tematica del padre assente e della famiglia disfunzionale, la cifra peculiare di Anderson si trova proprio in quello stile che diventa sostanza: sono i brani musicali e i costumi a veicolare i sentimenti dei suoi protagonisti, dando vita a una messa in scena stratificata e complessa che sutura lo script con gli aspetti visivi dell’opera in modo singolare e inequivocabile.

Parallela ai titoli per il cinema scorre l’attività di regista di commercial di Anderson, qual è la sua caratteristica specifica?

Sicuramente quella di essere, prima ancora che spot pubblicitari del prodotto reclamizzato, veri e propri spot del “prodotto” Wes Anderson: giocati sulla riconoscibilità del suo stile, delle sue inquadrature simmetriche, delle cromie assonanti di scenografie e costumi, sono mini-saggi della sua estetica, che inglobano il marchio da pubblicizzare fra le pieghe dell’”Anderson Touch”. Il caso più eclatante è quello dello spot per l’American Express, ironico e spavaldo esercizio di stile in cui Anderson si mette in scena in prima persona nell’atto di creare una sua immaginaria opera cinematografica, legittimando il suo status di autore e rivolgendosi a un pubblico già fidelizzato.

Indichi nel tema del personaggio incapace di conoscere quello che lo circonda, il mondo in senso generale, il filo rosso di una poetica: in che modo le esperienze biografiche di Anderson hanno fatto sedimentare questo cruccio?

Gli eroi di Anderson hanno molto in comune con lui, a partire dalla provenienza da famiglie statunitensi bianche, borghesi, agiate e colte. Il “dramma” dei suoi protagonisti è quello di essere cresciuti nel privilegio e nella mancanza di conflitto, di essere fruitori costanti di un certo tipo di cultura che ha imbevuto le loro fantasie e le loro aspettative, senza mai fornire loro concreti strumenti per conoscere il mondo. In questo senso la vicinanza di Anderson ai suoi personaggi è notevole: anche lui è nato e cresciuto in una famiglia benestante e istruita, ha consumato grandi quantità di letteratura, canzoni pop, cinema e televisione; ha seguito un percorso scolastico umanistico (all’università ha studiato filosofia) e inseguito le proprie passioni in modo ostinato. Per sua stessa ammissione, nonostante la sua professione l’abbia portato a girare il mondo e a vivere parecchi mesi all’anno in Francia, si sente ancora un perfetto straniero a Parigi, non conosce bene la lingua e non memorizza le strade. Durante la lavorazione di Fantastic Mr. Fox si è rinchiuso in una camera d’hotel parigino dirigendo in remoto la realizzazione del film e ricostruendo tramite email e schizzi disegnati tutto un mondo immaginario. La sua volontà di creare, all’interno dei suoi film, universi in miniatura completi in ogni dettaglio pare rispondere al medesimo desiderio dei suoi protagonisti, quello di rinchiudersi in un luogo fantastico che ha poche aperture sul reale.

di Marco Chiani ©cinemonitor.it

12 novembre 2014

 

Ultimi post dal blog

Scrivere le tv, dentro i segreti del mestiere. È indubbio che gli showrunner siano i demiurghi del nostro immaginario. Basti pensare, solo per citarne alcuni, a David Benioff, Ryan Murphy o Shonda Rhimes, nomi che rinviano a serie tv come Il trono di spade, American Horror Stories e Le regole del delitto perfetto. Non sono in tanti però a conoscere quale sia il loro ruolo effettivo nell'ambito della colossale industria multimediale americana. Interrogativo cui tenta di rispondere il foggiano Umberto Mentana, autore di saggistica cinematografica, sceneggiatore di fumetti e corti indipendenti, con questo suo Chi vuol essere showrunner?, un agile libretto in cui ha raccolto i [...]
La Collana dei Fotogrammi Bietti è una delle iniziative editoriali a cui, in redazione, teniamo particolarmente. Brevi e agili saggi monografici per entrare direttamente dentro il mondo di un/una regista e diversi mestieri cinematografici. Questa volta proviamo a mettere insieme due volumi separati, il quattordicesimo e il quindicesimo, che però nascono da una complementarità di fondo dei loro protagonisti. Parliamo ovviamente di Greta Gerwig e Noah Baumbach, coppia d’oro del cinema indipendente e poi hollywoodiano, nel lavoro e nella vita. Greta Gerwig. Lo sguardo nuovo del cinema femminile – Cecilia Strazza Cecilia Strazza dedica il Fotogramma 14 a Greta Gerwig come simbolo di [...]
Non sono pochi gli autori che una volta raggiunti fama e successo hanno incoraggiato la diffusione in dvd del loro primo film (lungometraggio o cortometraggio, fiction o documentario) girato spesso a livello amatoriale e senza un budget e in alcuni casi sparito e poi ritrovato. Non si può dire lo stesso per Paolo Sorrentino a proposito del suo Dragoncelli di fuoco, opera prima del 1994, un mediometraggio indipendente di 55 minuti. Non solo l’autore de La grande bellezza non si è preoccupato di farlo conoscere ai suoi numerosi fans e non solo, ma il film è stato e continua [...]

Ultime uscite

François Ozon

François Ozon

Inland n. 2/2016
Il secondo numero di INLAND è il primo volume dedicato in Italia a François Ozon. Regista tra i generi, firma sfuggente all’etichetta d’autore, nei suoi film Ozon fa riverberare echi [...]
Fiume Diciannove - Il Fuoco sacro della Città di Vita
1919-2019. Un secolo fa Gabriele d’Annunzio entrava in Fiume d’Italia, dando vita a quella che sarebbe stata una rivoluzione durata cinquecento giorni. Un’atmosfera febbricitante e festosa, ma anzitutto sacra, qui [...]
Aldo Lado

Aldo Lado

Inland n. 9/2019
Quello che stringete tra le mani è il numero più complesso, stratificato, polisemantico del nostro – vostro – INLAND. Quaderni di cinema. Lo è innanzitutto grazie al parco autori, mai [...]
Dylan Dog - Nostro orrore quotidiano
Detective dell’Occulto, Indagatore dell’Incubo, Esploratore di Pluriversi: come definire altrimenti Dylan Dog, dal 1986 residente al n. 7 della londinese Craven Road? Le sue avventure – che affrontano tutti gli [...]
Dino Buzzati - Nostro fantastico quotidiano
Vi sono autori, come disse una volta Conan Doyle, che «hanno varcato una porta magica». Tra questi spicca Dino Buzzati, che ha condotto il fantastico nel cuore pulsante della materia. [...]
William Lustig

William Lustig

Inland n. 13/2020
Gennaio 2015, riunone di redazione: si discute a proposito della nascita di INLAND. Quaderni di cinema. A chi dedicare i primi tre numeri? Idee tante, unanimità poca. Restano quattro progetti, [...]
Jorge Luis Borges - Il Bibliotecario di Babele
Jorge Luis Borges è un autore oceanico, un crocevia di esperienze, storie, civiltà e piani dell’essere, un caleido­scopio nel quale il passato si fa futuro e il futuro si rispecchia [...]
Antonio Bido

Antonio Bido

Inland n. 11/2019
Girata la boa del decimo numero, INLAND. Quaderni di cinema compie altri due significativi passi in avanti. Innanzitutto ottiene il passaporto. A rilasciarlo è stato il Paradies Film Festival di Jena [...]
Carlo & Enrico Vanzina

Carlo & Enrico Vanzina

Inland n. 7/2018
INLAND. Quaderni di cinema numero #7 nasce nell’ormai lontano dicembre 2017, in un bar di Milano dove, di fronte al sottoscritto, siede Rocco Moccagatta, firma di punta di tutto quel [...]
Lav Diaz

Lav Diaz

Inland n. 3/2017
È da tempo che noi di INLAND pensiamo a una monografia dedicata a Lav Diaz. Doveva essere il numero #1, l’avevamo poi annunciato come #2, l’abbiamo rimandato in entrambe le [...]
Lune d'Acciaio - I miti della fantascienza
Considerata da un punto di vista non solo letterario, la fantascienza può assumere oggi la funzione un tempo ricoperta dai miti. I viaggi nello spazio profondo, le avventure in galassie [...]
Rob Zombie

Rob Zombie

Inland n. 1/2015
Con la parola inland si intende letteralmente ciò che è all’interno. Nel suo capolavoro INLAND EMPIRE, David Lynch ha esteso la semantica terminologica a una dimensione più concettuale, espansa e [...]
Pupi Avati

Pupi Avati

Inland n. 10/2019
Numero #10. Stiamo diventando grandi. Era da tempo che pensavamo a come festeggiare adeguatamente questa ricorrenza tonda, questo traguardo tagliato in un crescendo di sperimentazioni editoriali, collaborazioni, pubblicazioni sempre più [...]
Sergio Martino

Sergio Martino

Inland n. 5/2017
Giunto al quinto numero, INLAND. Quaderni di cinema affronta uno snodo cruciale, fatto di significative ed emblematiche svolte che segnano uno scarto, un’apertura rispetto alla precedente linea editoriale. Innanzitutto la scelta del [...]
Carlo Verdone

Carlo Verdone

Inland n. 12/2019
"Vi ho chiesto di mettere la mia moto Honda Nighthawk in copertina perché su quella moto c'è passato il cinema italiano. Su quella moto io sono andato e tornato da [...]
Rob Zombie Reloaded

Rob Zombie Reloaded

Inland n. 8/2019
Giunto all’ottavo fascicolo, INLAND. Quaderni di cinema riavvolge per un attimo la pellicola della sua breve ma significativa storia, tornando a percorrere i passi compiuti nel 2015 quando aveva aperto [...]
America! America? - Sguardi sull'Impero antimoderno
L’impero statunitense ha sempre generato nella cultura italiana reazioni contrastanti, che spaziano da un’esaltazione semi-isterica a una condanna a priori, altrettanto paranoica. Sembra sia pressoché impossibile, per chi si confronta [...]
Walt Disney - Il mago di Hollywood
«Credo che dopo una tempesta venga l’arcobaleno: che la tempesta sia il prezzo dell’arcobaleno. La gente ha bisogno dell’arcobaleno e ne ho bisogno anch’io, e perciò glielo do». Solo un [...]
4-4-2 - Calciatori, tifosi, uomini
Nel calcio s’intrecciano oggi le linee di forza del nostro tempo; talvolta vi si palesano le sue fratture, i suoi non-detti. Ecco perché il quattordicesimo fascicolo di «Antarès» è dedicato [...]
Nicolas Winding Refn

Nicolas Winding Refn

Inland n. 4/2017
Perché Nicolas Winding Refn? La risposta è semplice: perché, piaccia o no, è un autore che, più di altri, oggi ha qualcosa da dire. Sebbene sempre più distante dalle logiche [...]
Michele Soavi

Michele Soavi

Inland n. 6/2018
Il nuovo corso di INLAND. Quaderni di cinema, inaugurato dal numero #5, dedicato a Sergio Martino, è contraddistinto da aperture al cinema italiano, al passato, a trattazioni che possano anche [...]

Best seller

Autobiografia involontaria
Maurizio Nichetti è famoso come regista di Ratataplan, Ho fatto splash, Ladri di saponette, Volere volare, che sono stati visti [...]

Articoli piu' letti