«ilGiornale.it»: Processi alle idee. I «Fiori del Male» in tribunale

Andrea Scarabelli
2016-09-21 09:31:01
«ilGiornale.it»: Processi alle idee. I «Fiori del Male» in tribunale

Ci sono biografie che non si limitano a raccontare vite, gesta e opere, ma che aprono veri e propri spiragli su mondi sommersi, resuscitando atmosfere e protagonisti, intrecci e realtà (spesso dotati di parallelismi sorprendenti con il nostro). Ciò dipende, ovviamente, dall’abilità dei biografi, così come dalla “materia prima”.

Per Edizioni Bietti è appena uscita una biografia di Baudelaire firmata da Charles Asselineau, che del poeta fu amico e confidente. La narrazione è dunque in presa diretta e non si limita a una primissima – peraltro brillante – analisi dell’opera di quello che fu uno dei massimi innovatori della lingua francese e della cultura europea, ma ne rievoca avventure e disavventure, amicizie e inimicizie, in un concitato avvicendarsi di nomi e luoghi sottratti all’oblio. Sullo sfondo, i lunghi boulevard parigini che videro il giovane dandy passeggiare senza sosta, vicoli fumosi, bar e locali, librerie e case editrici, Parigi ancora capitale della cultura europea…

Poco dopo la morte di Baudelaire, Asselineau si fa coraggio e ripercorre, a ritroso, la vita dell’amico. Lo fa senza moralismi, vincendo il dolore legato alla scomparsa di un genio, che odiava i compromessi e gli accomodamenti borghesi, alfiere di un’intransigenza che aveva fatto di lui un profeta in terra straniera. Alieno a tutti e a tutto, come il suo albatros. Eppure, al tempo stesso, amico leale e amabile conversatore. Un poeta, soprattutto, che non si limitava a scrivere quel che viveva ma che inabissava la letteratura nella vita e la vita nella letteratura, cantando le luci e le ombre del suo tempo. Senza soluzione di continuità. Nelle pagine di Asselineau, tradotte e curate da Massimo Carloni, assistiamo così alla crescita e sviluppo di uno spirito, i esperimenti letterari, l’infatuazione per Edgar Allan Poe, l’esilio in Belgio – quel Povero Belgio cui avrebbe dedicato alcune tra le sue pagine più intense…

Inevitabile che la penna dell’autore si getti a capofitto nella poetica baudelairiana. Altrettanto logico che affronti I Fiori del Male, indiscusso capolavoro della letteratura moderna. Naturale, infine, che la sua memoria vada all’infame processo che quei versi dovettero subire. È senza esagerazione che lo definiamo infame, perché questo è il solo termine che può descrivere un’azione intentata dalla morale pubblica nei confronti di un’opera artistica. Infame perché tale è voler sottomettere l’estetica alla morale. L’estetica, semmai, la morale la fonda.

Il suo avvocato, anche se in buona fede, commise un piccolo autogol: si limitò infatti a discutere le poesie inquisite (quelle condannate furono in tutto sei, su oltre cento), senza portare la discussione su un piano più elevato. Quel piano che probabilmente avrebbe fatto assolvere l’imputato, senza riserva.

Rievocando il processo, Asselineau, che si trovava in quell’aula di tribunale, scoppia: come trattare un artista alla stregua di un agente della morale, un professorino, un magistrato del pudore? Come inquisire un poeta i cui precedenti sono due trattati di estetica e una splendida traduzione di Poe (che, stando a molti critici, ha addirittura superato l’originale)?

La narrazione di queste vicende giudiziarie è uno dei più begli inni all’autonomia e alla superiorità dell’estetica. Un inno che forse fece accapponare la pelle a quei benpensanti che Baudelaire stesso canzonava. Un piccolo aneddoto, raccontato sempre da Asselineau in Baudelairiana, gustosa raccolta di aneddoti inserita in appendice a questa prima edizione italiana della biografia, può spiegare cosa pensasse Baudelaire della genìa cui appartenevano i suoi futuri inquisitori: quando il poeta incontrava qualcuno per la prima volta, si lanciava in stravaganze e bizzarrie, per vedere quale effetto avrebbero sortito le sue paradossali acrobazie dialettiche. Asselineau la chiamava «prova dello stupore». Era un modo come un altro per épater le bourgeois, sondare il terreno sul quale si muoveva la sua controparte. Una volta superata la prova, cambiava volto: diveniva un interlocutore stimolante, un amico fidato, un prezioso confidente.

Baudelaire assistette a quel processo con sovrana indifferenza. In occasione della terza edizione del libro, fu tentato per un istante di spiegare ai suoi lettori quel che gli era capitato. E compose qualche nota, cui però non diede seguito: «Questo libro resterà su tutta la vostra vita come una macchia, mi prediceva fin dall’inizio uno dei miei amici. In effetti, tutte le mie disavven­ture gli hanno finora dato ragione. Ma io ho uno di quei caratteri felici che ricavano un godimento dall’odio e si esaltano nel disprezzo. Il mio gusto diabolicamente appassionato per l’imbecillità mi fa trovare piaceri particolari nei travisamenti della calunnia. Casto come la carta, sobrio come l’acqua e portato alla devozione come una comu­nicanda, inoffensivo come una vittima, non mi dispiacerebbe passare per un vizioso, un ubriaco, un empio e un assassino». Alla fine dovette desistere: perché spiegarsi? Chi aveva orecchie per intendere avrebbe inteso, per gli altri nessuna speranza…

Rileggere oggi queste note e gli atti di quel processo è illuminante, specie in un tempo nel quale le cose non sono poi tanto cambiate, e la mano dell’artista continua a essere carezzata da quella dei moralisti (anche se di colore e tendenze diverse). Eppure, nella sua monumentale ieraticità, Baudelaire si staglia tuttora, come il suo albatros, su questa folla di commentatori, strilloni e scandalisti. A distanza di secoli da quell’infame udienza,ha vinto. Con buona pace dei benpensanti.

 

(ilGiornale.it, 21 settembre 2016)

Ultimi post dal blog

In occasione del compleanno di Matthew MacFadyen (Great Yarmouth, 17 ottobre 1974), indimenticato Mr Darcy e Oblonsky rispettivamente in Orgoglio e pregiudizio e Anna Karenina di Joe Wright, vi proponiamo il montaggio dedicato alla cinematografia del regista britannico dalla co-curatrice di Bietti Heterotopia per promuovere il suo numero #30: "Joe Wright. La danza dell'immaginazione, da Jane Austen a Winston Churchill" di Elisa Torsiello, con prefazione del premio Oscar Dario Marianelli e postfazione del direttore della fotografia Seamus McGarvey. [embed]https://youtu.be/Ug5MtNLGAUs[/embed]    
11 Settembre 2001. Sembra quasi superfluo sottolineare come questa data, col suo carico di orrore e violenza, abbia sconvolto per sempre la società occidentale del XXI secolo. La morte di migliaia di persone, che tutti hanno potuto vedere in diretta televisiva, ha avuto un impatto psicologico di portata mondiale. Così come lo hanno avuto tutti gli eventi che ne sono seguiti: le guerre in Iraq e Afghanistan, la scoperta delle torture nel carcere di Abu Graib, la recrudescenza della xenofobia, la grande crisi economica. Una cicatrice che ancora oggi segna profondamente l’Occidente E il cinema, che si rapporta sempre alla società [...]
È da poco uscito nelle sale cinematografiche Il signor Diavolo, ultimo lavoro di Pupi Avati, il cui successo cinquantennale non è forse dovuto solo a fattori tecnici ma a una precisa «visione del mondo» sottesa alla sua produzione. Il film è stato accompagnato da due pubblicazioni, edite da Bietti: Il gotico padano, di Claudio Bartolini e Ruggero Adamovit, e un numero monografico in edizione limitata, numerata e autografata di INLAND. Quaderni di cinema, che affronta il mondo avatiano a 360 gradi, soffermandosi in particolare su questa «visione del mondo», tesa tra folklore e immaginario, Medioevo e modernità, le assolate distese [...]

Ultime uscite

François Ozon

François Ozon

Inland n. 2/2016
Il secondo numero di INLAND è il primo volume dedicato in Italia a François Ozon. Regista tra i generi, firma sfuggente all’etichetta d’autore, nei suoi film Ozon fa riverberare echi [...]
Aldo Lado

Aldo Lado

Inland n. 9/2019
Quello che stringete tra le mani è il numero più complesso, stratificato, polisemantico del nostro – vostro – INLAND. Quaderni di cinema. Lo è innanzitutto grazie al parco autori, mai [...]
Dino Buzzati - Nostro fantastico quotidiano
Vi sono autori, come disse una volta Conan Doyle, che «hanno varcato una porta magica». Tra questi spicca Dino Buzzati, che ha condotto il fantastico nel cuore pulsante della materia. [...]
Jorge Luis Borges - Il Bibliotecario di Babele
Jorge Luis Borges è un autore oceanico, un crocevia di esperienze, storie, civiltà e piani dell’essere, un caleido­scopio nel quale il passato si fa futuro e il futuro si rispecchia [...]
Antonio Bido

Antonio Bido

Inland n. 11/2019
Girata la boa del decimo numero, INLAND. Quaderni di cinema compie altri due significativi passi in avanti. Innanzitutto ottiene il passaporto. A rilasciarlo è stato il Paradies Film Festival di Jena [...]
Carlo & Enrico Vanzina

Carlo & Enrico Vanzina

Inland n. 7/2018
INLAND. Quaderni di cinema numero #7 nasce nell’ormai lontano dicembre 2017, in un bar di Milano dove, di fronte al sottoscritto, siede Rocco Moccagatta, firma di punta di tutto quel [...]
Lav Diaz

Lav Diaz

Inland n. 3/2017
È da tempo che noi di INLAND pensiamo a una monografia dedicata a Lav Diaz. Doveva essere il numero #1, l’avevamo poi annunciato come #2, l’abbiamo rimandato in entrambe le [...]
Lune d'Acciaio - I miti della fantascienza
Considerata da un punto di vista non solo letterario, la fantascienza può assumere oggi la funzione un tempo ricoperta dai miti. I viaggi nello spazio profondo, le avventure in galassie [...]
Rob Zombie

Rob Zombie

Inland n. 1/2015
Con la parola inland si intende letteralmente ciò che è all’interno. Nel suo capolavoro INLAND EMPIRE, David Lynch ha esteso la semantica terminologica a una dimensione più concettuale, espansa e [...]
Sergio Martino

Sergio Martino

Inland n. 5/2017
Giunto al quinto numero, INLAND. Quaderni di cinema affronta uno snodo cruciale, fatto di significative ed emblematiche svolte che segnano uno scarto, un’apertura rispetto alla precedente linea editoriale. Innanzitutto la scelta del [...]
Carlo Verdone

Carlo Verdone

Inland n. 12/2019
"Vi ho chiesto di mettere la mia moto Honda Nighthawk in copertina perché su quella moto c'è passato il cinema italiano. Su quella moto io sono andato e tornato da [...]
Rob Zombie Reloaded

Rob Zombie Reloaded

Inland n. 8/2019
Giunto all’ottavo fascicolo, INLAND. Quaderni di cinema riavvolge per un attimo la pellicola della sua breve ma significativa storia, tornando a percorrere i passi compiuti nel 2015 quando aveva aperto [...]
America! America? - Sguardi sull'Impero antimoderno
L’impero statunitense ha sempre generato nella cultura italiana reazioni contrastanti, che spaziano da un’esaltazione semi-isterica a una condanna a priori, altrettanto paranoica. Sembra sia pressoché impossibile, per chi si confronta [...]
Walt Disney - Il mago di Hollywood
«Credo che dopo una tempesta venga l’arcobaleno: che la tempesta sia il prezzo dell’arcobaleno. La gente ha bisogno dell’arcobaleno e ne ho bisogno anch’io, e perciò glielo do». Solo un [...]
4-4-2 - Calciatori, tifosi, uomini
Nel calcio s’intrecciano oggi le linee di forza del nostro tempo; talvolta vi si palesano le sue fratture, i suoi non-detti. Ecco perché il quattordicesimo fascicolo di «Antarès» è dedicato [...]
Nicolas Winding Refn

Nicolas Winding Refn

Inland n. 4/2017
Perché Nicolas Winding Refn? La risposta è semplice: perché, piaccia o no, è un autore che, più di altri, oggi ha qualcosa da dire. Sebbene sempre più distante dalle logiche [...]
Michele Soavi

Michele Soavi

Inland n. 6/2018
Il nuovo corso di INLAND. Quaderni di cinema, inaugurato dal numero #5, dedicato a Sergio Martino, è contraddistinto da aperture al cinema italiano, al passato, a trattazioni che possano anche [...]

Best seller

Autobiografia involontaria
Maurizio Nichetti è famoso come regista di Ratataplan, Ho fatto splash, Ladri di saponette, Volere volare, che sono stati visti [...]

Articoli piu' letti