«Il Borghese»: Nell’economia eretica una risposta alla crisi

Ezra Pound
2015-12-01 09:58:46
«Il Borghese»: Nell’economia eretica una risposta alla crisi

Chiunque si sia avvicinato alla poesia del Novecento, sa sicuramente che uno dei suoi capisaldi è rappresentato dalla produzione di Ezra Pound. Per questo ai Cantos è ormai dedicata un’ampia ed organica bibliografia specialistica. Quando si parla del grande poeta americano si tende però ancora, troppo spesso, a sottacere o a distorcere le ragioni fondamentali che lo portarono ad essere un estimatore del fascismo e del suo Duce. Scelta che, nel dopoguerra, gli costò la reclusione nella “gabbia” di Coltano e successivamente la permanenza coatta nell’ospedale St. Elisabeth, negli Stati Uniti. A chiarificare le ragioni della sua adesione al fascismo ci aiuta la recente pubblicazione di un lavoro poundiano, essenziale per la contestualizzazione storica, non solo della sua azione intellettuale, ma delle sue scelte in tema di politica e di economia. Ci riferiamo al volume Jefferson e Mussolini, a cura di Luca Gallesi, edito dalla Bietti.

Pound si dedicò alla stesura di questo “libretto” nel 1933. Uscì, in prima edizione, in lingua inglese nel 1935 a Londra. In Italia vide la luce a Venezia nel 1944, nella collana che raccoglieva, per la Casa editrice delle Edizioni popolari, gli scritti di carattere economico dell’intellettuale americano. Nel dopoguerra la pubblicazione di questo prezioso testo venne censurata, per evidenti ragioni politiche, dall’editore Hoepli. Luca Gallesi ricorda nell’informata prefazione che il testo è sostanzialmente un saggio di economia volizionista ma, da esso, come ebbe modo di precisare in modo esplicito Pound, è possibile evincere cosa mai abbia rappresentato per lui il fascismo. Nel movimento dei fasci egli vide il riaffermarsi di tesi fino allora ritenute eretiche dagli economisti ufficiali, quali le teorie del Credito Sociale che il poeta aveva avvicinato per la prima volta in Gran Bretagna per la frequenza di A.R. Orage, nonché le idee del terzo Presidente degli Stati Uniti, Thomas Jefferson. Questi, tra i notabili d’Oltreoceano, fu certamente più vicino di ogni altro alla cultura del nostro paese, di cui amava l’arte, la musica ed il buon vino. Nel 1787 trascorse tre settimane in Padania e si interessò del nostro modo di vivere, annotando, da attento osservatore, ogni cosa nel diario di viaggio.

Intellettuale di valore, oltre che politico di grande prestigio, Jefferrson colpì Pound soprattutto per la sua polemica di carattere politico-sociale in tema di debito pubblico. Egli sostenne che lo Stato avrebbe dovuto arrogarsi e mantenere il monopolio del credito “per evitare di finire nelle fauci della speculazione” (p. 10). Ciò lo portò a battersi conto l’istituzione della Banca Centrale negli USA in quanto “questa istituzione è una delle più mortalmente ostili ai principi e alle forme della nostra costituzione” (p. 10). L’ammirazione per il presidente Jefferson era motivata, inoltre, dalla passione, condivisa da entrambi, per la cultura del mondo classico e dalla particolare curiositas erudita del presidente USA, che lo spingeva ad interessarsi ad ogni aspetto della vita. Alla fine degli anni Venti, il poeta abbandonò per oltre un decennio lo studio delle tesi economiche eterodosse: fu indotto a tornare sui suoi passi dagli effetti devastanti prodotti dalla “Grande Crisi” in Europa nel 1932. Egli valutò positivamente la politica economica del regime fascista in forza dei risultati ottenuti nel limitare, soprattutto nei confronti dei ceti popolari, gli sconquassi prodotti dal crollo di Wall Street e, per questo, chiese ed ottenne un colloquio con Mussolini per intervistarlo in argomento. Il poeta incontrò il Duce il 30 gennaio del 1933 a Palazzo Venezia.

Durante l’incontro, Pound si convinse della necessità imprescindibile di scrivere, per spiegare le proprie idee, il volumetto Jefferson e Mussolini. Quaranta editori rifiutarono il manoscritto e, inutile dirlo, quando venne pubblicato suscitò aspre critiche e polemiche, dalle quali il coraggioso americano venne difeso sulle pagine del Corriere della Sera, da un intellettuale autentico e libero quale Camillo Pellizzi (il suo elzeviro di allora è pubblicato in Appendice al volume). A dire di Pellizzi, Pound aveva compreso che l’esperimento fascista, pur centrato sull’azione di un uomo, vedeva la partecipazione corale dell’intero popolo italiano. Il fascismo mostrava di aver contezza che lo Stato “deve essere il solo grande banchiere di una grande società anonima in cui le più diverse attività produttive della nazione sono rappresentate come azionisti” (p. 13). La rivoluzione mussoliniana fu intesa, quindi, dall’autore dei Cantos, quale guerra dichiarata all’usura pubblica e privata, intrapresa al fine di onorare i caduti sulla strada della mercificazione del mondo imposta dalla Forma-Capitale. In forza di tale convinzione, l’intellettuale trascorrerà venti mesi nella trincea della RSI, proseguendo con le trasmissioni radio filo-italiane, tentando di fondare nuovi periodici, fermamente convinto che bisognasse liberare gli uomini dalla dittatura del denaro.

Vent’anni fa è uscita una nuova edizione di Lavoro ed usura, uno degli scritti corsari ed eretici del poeta. La prefazione, ricorda Gallesi, era dell’economista Paolo Savona. Questi, da un lato riconosceva a Pound di aver riproposto valori essenziali anche in economia, quali l’onestà di intenti di una nazione o il rischio implicito in ogni forma di ignoranza, ma definiva come del tutto “improduttive” le soluzioni economiche e politiche poundiane. Tale giudizio è non solo fuorviante e limitativo, ma alla luce dei drammi che la crisi economica ha prodotto nel mondo, dovrebbe essere capovolto. La “scienza” (sic!) economica ufficiale, con le sue previsioni di illimitata espansione dei mercati, alleata di rango della finanza transnazionale, è responsabile della proletarizzazione del mondo occidentale. Guardando all’eresia di Pound sarà, al contrario, possibile trovare vie d’uscita dallo stato attuale delle cose, in quanto tale proposta economica pone “l’eredità culturale come elemento più importante nella creazione dei valori che non il lavoro grezzo ed immediato del giorno che passa” (p. 102). Il che significa che l’assenza di Tradizione determina tanto il pauperismo spirituale che quello materiale.

 

(Giovanni Sessa, «Il Borghese», dicembre 2015)

Ultimi post dal blog

Per anni paragonata (al ribasso) con i "rivali" della Pixar, la DreamWorks Animation SKG ha segnato in modo significativo la storia del cinema d'animazione, sotto l'egida dei fondatori Steven Spielberg, Jeffrey Katzenberg e David Geffen. Con film e saghe di forte impatto e straordinario successo di pubblico quali Shrek, Kung Fu Panda e Madagascar, solo per citare i titoli più celebri, ha creato un modello e un immaginario visivo e narrativo di forte riconoscibilità. Questo a dispetto dei già citati (e inutili) confronti con la concorrenza, che come conseguenza hanno prodotto una sottovalutazione dei film in questione e una scarsità assoluta di studi e pubblicazioni, almeno in [...]
Per la prima volta in Italia c’è un libro sulla DreamWorks. Scritto da Simone Soranna e Matteo Mazza, “DreamWorks Animation – Il lato chiaro della luna” (Bietti Heterotopia) è un viaggio affascinante che restituisce lustro a una casa di produzione sottovalutata.  In un panorama dove tanto si è detto e scritto su Pixar, ma anche su Studio Ghibli, quello su DreamWorks diviene un libro necessario perché affronta con novizia di dettagli il percorso di nascita, crescita ed evoluzione della casa di produzione creata da Steven Spielberg, Jeffrey Katzenberg e David Geffen. E come tutte le belle storie che si rispettino, [...]

Ultime uscite

François Ozon

François Ozon

Inland n. 2/2016
Il secondo numero di INLAND è il primo volume dedicato in Italia a François Ozon. Regista tra i generi, firma sfuggente all’etichetta d’autore, nei suoi film Ozon fa riverberare echi [...]
Fiume Diciannove - Il Fuoco sacro della Città di Vita
1919-2019. Un secolo fa Gabriele d’Annunzio entrava in Fiume d’Italia, dando vita a quella che sarebbe stata una rivoluzione durata cinquecento giorni. Un’atmosfera febbricitante e festosa, ma anzitutto sacra, qui [...]
Aldo Lado

Aldo Lado

Inland n. 9/2019
Quello che stringete tra le mani è il numero più complesso, stratificato, polisemantico del nostro – vostro – INLAND. Quaderni di cinema. Lo è innanzitutto grazie al parco autori, mai [...]
Dylan Dog - Nostro orrore quotidiano
Detective dell’Occulto, Indagatore dell’Incubo, Esploratore di Pluriversi: come definire altrimenti Dylan Dog, dal 1986 residente al n. 7 della londinese Craven Road? Le sue avventure – che affrontano tutti gli [...]
Dino Buzzati - Nostro fantastico quotidiano
Vi sono autori, come disse una volta Conan Doyle, che «hanno varcato una porta magica». Tra questi spicca Dino Buzzati, che ha condotto il fantastico nel cuore pulsante della materia. [...]
William Lustig

William Lustig

Inland n. 13/2020
Gennaio 2015, riunone di redazione: si discute a proposito della nascita di INLAND. Quaderni di cinema. A chi dedicare i primi tre numeri? Idee tante, unanimità poca. Restano quattro progetti, [...]
Jorge Luis Borges - Il Bibliotecario di Babele
Jorge Luis Borges è un autore oceanico, un crocevia di esperienze, storie, civiltà e piani dell’essere, un caleido­scopio nel quale il passato si fa futuro e il futuro si rispecchia [...]
Antonio Bido

Antonio Bido

Inland n. 11/2019
Girata la boa del decimo numero, INLAND. Quaderni di cinema compie altri due significativi passi in avanti. Innanzitutto ottiene il passaporto. A rilasciarlo è stato il Paradies Film Festival di Jena [...]
Carlo & Enrico Vanzina

Carlo & Enrico Vanzina

Inland n. 7/2018
INLAND. Quaderni di cinema numero #7 nasce nell’ormai lontano dicembre 2017, in un bar di Milano dove, di fronte al sottoscritto, siede Rocco Moccagatta, firma di punta di tutto quel [...]
Lav Diaz

Lav Diaz

Inland n. 3/2017
È da tempo che noi di INLAND pensiamo a una monografia dedicata a Lav Diaz. Doveva essere il numero #1, l’avevamo poi annunciato come #2, l’abbiamo rimandato in entrambe le [...]
Lune d'Acciaio - I miti della fantascienza
Considerata da un punto di vista non solo letterario, la fantascienza può assumere oggi la funzione un tempo ricoperta dai miti. I viaggi nello spazio profondo, le avventure in galassie [...]
Rob Zombie

Rob Zombie

Inland n. 1/2015
Con la parola inland si intende letteralmente ciò che è all’interno. Nel suo capolavoro INLAND EMPIRE, David Lynch ha esteso la semantica terminologica a una dimensione più concettuale, espansa e [...]
Pupi Avati

Pupi Avati

Inland n. 10/2019
Numero #10. Stiamo diventando grandi. Era da tempo che pensavamo a come festeggiare adeguatamente questa ricorrenza tonda, questo traguardo tagliato in un crescendo di sperimentazioni editoriali, collaborazioni, pubblicazioni sempre più [...]
Sergio Martino

Sergio Martino

Inland n. 5/2017
Giunto al quinto numero, INLAND. Quaderni di cinema affronta uno snodo cruciale, fatto di significative ed emblematiche svolte che segnano uno scarto, un’apertura rispetto alla precedente linea editoriale. Innanzitutto la scelta del [...]
Carlo Verdone

Carlo Verdone

Inland n. 12/2019
"Vi ho chiesto di mettere la mia moto Honda Nighthawk in copertina perché su quella moto c'è passato il cinema italiano. Su quella moto io sono andato e tornato da [...]
Rob Zombie Reloaded

Rob Zombie Reloaded

Inland n. 8/2019
Giunto all’ottavo fascicolo, INLAND. Quaderni di cinema riavvolge per un attimo la pellicola della sua breve ma significativa storia, tornando a percorrere i passi compiuti nel 2015 quando aveva aperto [...]
America! America? - Sguardi sull'Impero antimoderno
L’impero statunitense ha sempre generato nella cultura italiana reazioni contrastanti, che spaziano da un’esaltazione semi-isterica a una condanna a priori, altrettanto paranoica. Sembra sia pressoché impossibile, per chi si confronta [...]
Walt Disney - Il mago di Hollywood
«Credo che dopo una tempesta venga l’arcobaleno: che la tempesta sia il prezzo dell’arcobaleno. La gente ha bisogno dell’arcobaleno e ne ho bisogno anch’io, e perciò glielo do». Solo un [...]
4-4-2 - Calciatori, tifosi, uomini
Nel calcio s’intrecciano oggi le linee di forza del nostro tempo; talvolta vi si palesano le sue fratture, i suoi non-detti. Ecco perché il quattordicesimo fascicolo di «Antarès» è dedicato [...]
Nicolas Winding Refn

Nicolas Winding Refn

Inland n. 4/2017
Perché Nicolas Winding Refn? La risposta è semplice: perché, piaccia o no, è un autore che, più di altri, oggi ha qualcosa da dire. Sebbene sempre più distante dalle logiche [...]
Michele Soavi

Michele Soavi

Inland n. 6/2018
Il nuovo corso di INLAND. Quaderni di cinema, inaugurato dal numero #5, dedicato a Sergio Martino, è contraddistinto da aperture al cinema italiano, al passato, a trattazioni che possano anche [...]

Best seller

Autobiografia involontaria
Maurizio Nichetti è famoso come regista di Ratataplan, Ho fatto splash, Ladri di saponette, Volere volare, che sono stati visti [...]

Articoli piu' letti