Con la rabbia agli occhi. Itinerari psicologici nel cinema criminale italiano

Fabrizio Fogliato
2022-10-04 09:51:45
Con la rabbia agli occhi. Itinerari psicologici nel cinema criminale italiano

Scritto da Fabrizio Fogliato e pubblicato da Bietti Edizioni, Con la rabbia agli occhi. Itinerari piscologici nel cinema criminale italiano è il libro definitivo che racconta la storia criminale del nostro Paese attraverso i film, le opere letterarie e la cronaca nera

“Ma tutti tornano un po’ bambini segnatamente al cospetto dell’autorità costituita. Insomma, di fronte a me che rappresento il potere (…) L’indiziato ritorna un po’ bambino ed io divento il padre, il modello inattaccabile, la mia faccia diventa quella di Dio, della coscienza (…). Poi finiamo per somigliarci noi poliziotti coi delinquenti: nelle parole, nelle abitudini, e qualche volta perfino nei gesti.”
Così parlò “Il Dottore”, il dirigente di pubblica sicurezza protagonista di quel capolavoro intitolato Indagine su un cittadino al di sopra ogni sospetto (disponibile su Sky On Demand). Non a caso il primo piano del personaggio interpretato da Gian Maria Volonté campeggia sulla copertina del libro. Con la rabbia agli occhi. Itinerari psicologici nel cinema criminale italiano, pubblicato da Bietti Edizioni e scritto da Fabrizio Fogliato. Un’opera imprescindibile che attraverso più di 200 film e 85 opere letterarie racconta l’Italia degli ultimi settant’anni. Un viaggio al termine della notte del “Belpaese” (che tanto bello non è). Tra Riso Amaro e La scuola cattolica, tra Un maledetto imbroglio e Il caso Moro. Tra Carlo Emilio Gadda e Pier Paolo Pasolini, tra Elio Petri ed Enzo G. Castellari, tra Tomas Milian e Luc Merenda, tra la Banda della Magliana e la strage di Piazza Fontana, l’autore, come un intrepido Virgilio ci porta alla scoperta di una serie di gironi danteschi popolati da complotti, intrighi, logge massoniche, raffiche di mitra, “stragi di Stato”, strategie della tensione, stupri collettivi, rapine a mano armata, pallottole vaganti. Una dolente cartina di tornasole di un’Italia che ai tempi del boom economico sognava il paradiso e si è ritrovata all’inferno, con la rabbia agli occhi e una perpetua pulsione di morte.
Leggere Con la rabbia agli occhi, Itinerari piscologici nel cinema criminale italiano è come ritrovarsi in un immaginario commissariato di polizia e osservare una sterminata mappa del nostro Paese, in cui il crimine paga e paga bene. Da Milano a Roma, da Genova a Napoli, Fogliato attraversa lo spazio e il tempo per offrirci una precisa e brillante toponomastica delle attività criminali immortalate dal grande schermo. La scommessa vinta dall’autore è quella di citare Sigmund Freud, l’Ecclesiaste, Giorgio Scerbanenco, Friederich Hacker, Goethe, Leonardo Sciascia, Niccolò Machiavelli, Thomas Hobbes, al tempo stesso usando un linguaggio avvincente, in grado di arrivare a tutti. Ogni trama, battuta di sceneggiatura, stralcio di romanzo, verbale della polizia, resoconto psicanalitico, dichiarazione di giudici e commissari citata nel libro rappresenta un indispensabile tassello per completare il mosaico di un Paese che ha guardato troppo a lungo l’abisso. Come scrive l’autore nell’introduzione: “La sadica ferocia della massa (criminale e non) ha la stessa discendenza della vittima masochista, silenziosamente rassegnata o scriteriatamente ribelle. Il criminale, come il cittadino, si sottomette a impulsi patologici di cui diventa consapevole solo una volta conclusa l’azione violenta (agìta o subita)”.
Conclusi i tortuosi e perigliosi itinerari criminali, il viaggio, introdotto da un’illuminante prefazione firmata da Romolo Guerrieri, ci sono anche approfondimenti assai stuzzicanti. Si parte con un capitolo, a cura di Alessandro Arban, sulle colonne sonore rispettivamente curate Francesco Micalizzi, Stelvio Cipriani, Ennio Morricone, Guido e Maurizo De Angelis. Si prosegue con un documento inedito proveniente da Polizia Moderna (la rivista ufficiale della Polizia di Stato) per finire con una serie di interviste a registi e sceneggiatori. Insomma, i 15 anni spesi da Fogliato per terminare questa cinematografica odissea nei territori del Male si percepiscono tutti, a partire dalla cura certosina dei dettagli e dalla genialità con cui ha intitolato i capitoli del poderoso tomo. Un florilegio di invenzioni lessicali come “Sesso e morte nel giardino degli dèi” o “La violenza nell’epoca della sua riproducibilità tecnica”. Perché la forma è contenuto in questo incisivo e affascinante volume di oltre 750 pagine. Un magmatico, pulsante saggio criminale che parte dall’ira funesta di Silvio Magnozzi in Una vita difficile e arriva all’ipocrisia meschina del Commissario Malacarne di Il Poliziotto è marcio, firmato dal Maestro Fernando di Leo. E dal caso Fenaroli che ispirò Il vedovo di Dino Risi con Alberto Sordi a Banditi a Milano, l’epopea della B­anda Cavallero raccontata da Carlo Lizzani, sino a Buongiorno, notte, il racconto del sequestro Moro secondo Marco Bellocchio, il cinema dimostra ancora una volta la sua capacità di raccontare il proprio tempo e a volte di anticiparlo.
Come dice Ovidio Mainardi (Joe Dalessandro) nel perturbante Fango Bollente, datato 1975: “Questa società produce di tutto. Perché non dovrebbe produrre anche dei mostri?”.

Paolo Nizza ©SkyTG24 ottobre 2022

Ultimi post dal blog

Lo legge, lo rilegge, lo smonta, lo analizza. Per offrire una "scansione" che chiama in causa anche la psicanalisi, la fisica e la neurobiologia. Al centro della riflessione a tutto campo c'è il capolavoro del regista Stanley Kubrick che Giancarlo Grossini ha reso protagonista del suo libro Il cubo di Kubrick ovvero "Arancia meccanica 50 anni dopo e per sempre" sugli scaffali per Bietti nella collana Fotogrammi (108 pagine, 4,99 euro il cartaceo, 1,99 l'eBook). Critico cinematografico novarese, firma del Corriere della Sera (a lungo collaboratore del nostro giornale) questa sera, lunedì 28 novembre, sarà ospite della rassegna "Lunedì in cineteca". In [...]
Non è un film. È il film. Perché Arancia meccanica  ha segnato la storia del cinema. "Un lasciapassare per l'eternità". Così scrive Giancarlo Grossini. Critico cinematografico novarese, firma del Corriere della Sera (a lungo collaboratore del nostro giornale), ha dedicato un intenso libriccino al capolavoro del regista statunitense: Il cubo di Kubrick ovvero Arancia meccanica 50 anni dopo e per sempre sugli scaffali per Bietti. Lunedì 28 novembre sarà protagonista all'Araldo di Novara per la rassegna "Lunedì in cineteca": la proiezione del film (1971) con copia restaurata sarà preceduta dalla presentazione del volume in compagnia dell'autore. È il "Film per antonomasia, una lezione di cinema di [...]
Chi l'avrebbe mai detto che Capolicchio, spesso interprete di giovani normali e introversi, figli del malessere post Sessantotto, fosse in raeltà uno scatenato tombeur de femmes? Lo rivelano, a sorpresa, le pagine qui stralciate dal suo diario personale, quelle che raccontano in particolare il set del film di De Sica tratto da Bassani, dove l'attore fu tra i protagonisti. Bene ha fatto Nicole Bianchi a costruire questo libro insieme affettuoso e curioso, tra set e vita privata (e il grande cinema italiano di quinta), con la complicità fino all'ultimo di Capolicchio medesimo, qua e là da lei intervistato quando serve, [...]

Ultime uscite

François Ozon

François Ozon

Inland n. 2/2016
Il secondo numero di INLAND è il primo volume dedicato in Italia a François Ozon. Regista tra i generi, firma sfuggente all’etichetta d’autore, nei suoi film Ozon fa riverberare echi [...]
Fiume Diciannove - Il Fuoco sacro della Città di Vita
1919-2019. Un secolo fa Gabriele d’Annunzio entrava in Fiume d’Italia, dando vita a quella che sarebbe stata una rivoluzione durata cinquecento giorni. Un’atmosfera febbricitante e festosa, ma anzitutto sacra, qui [...]
Aldo Lado

Aldo Lado

Inland n. 9/2019
Quello che stringete tra le mani è il numero più complesso, stratificato, polisemantico del nostro – vostro – INLAND. Quaderni di cinema. Lo è innanzitutto grazie al parco autori, mai [...]
Dylan Dog - Nostro orrore quotidiano
Detective dell’Occulto, Indagatore dell’Incubo, Esploratore di Pluriversi: come definire altrimenti Dylan Dog, dal 1986 residente al n. 7 della londinese Craven Road? Le sue avventure – che affrontano tutti gli [...]
Dino Buzzati - Nostro fantastico quotidiano
Vi sono autori, come disse una volta Conan Doyle, che «hanno varcato una porta magica». Tra questi spicca Dino Buzzati, che ha condotto il fantastico nel cuore pulsante della materia. [...]
William Lustig

William Lustig

Inland n. 13/2020
Gennaio 2015, riunone di redazione: si discute a proposito della nascita di INLAND. Quaderni di cinema. A chi dedicare i primi tre numeri? Idee tante, unanimità poca. Restano quattro progetti, [...]
Jorge Luis Borges - Il Bibliotecario di Babele
Jorge Luis Borges è un autore oceanico, un crocevia di esperienze, storie, civiltà e piani dell’essere, un caleido­scopio nel quale il passato si fa futuro e il futuro si rispecchia [...]
Antonio Bido

Antonio Bido

Inland n. 11/2019
Girata la boa del decimo numero, INLAND. Quaderni di cinema compie altri due significativi passi in avanti. Innanzitutto ottiene il passaporto. A rilasciarlo è stato il Paradies Film Festival di Jena [...]
Carlo & Enrico Vanzina

Carlo & Enrico Vanzina

Inland n. 7/2018
INLAND. Quaderni di cinema numero #7 nasce nell’ormai lontano dicembre 2017, in un bar di Milano dove, di fronte al sottoscritto, siede Rocco Moccagatta, firma di punta di tutto quel [...]
Lav Diaz

Lav Diaz

Inland n. 3/2017
È da tempo che noi di INLAND pensiamo a una monografia dedicata a Lav Diaz. Doveva essere il numero #1, l’avevamo poi annunciato come #2, l’abbiamo rimandato in entrambe le [...]
Manetti Bros.

Manetti Bros.

Inland n. 14/2022
Febbraio 2020. Inland. Quaderni di cinema numero #13 va in stampa con una nuova veste. Brossura, dorso rigido, grammatura della copertina aumentata. Il numero è dedicato a William Lustig, alfiere [...]
Lune d'Acciaio - I miti della fantascienza
Considerata da un punto di vista non solo letterario, la fantascienza può assumere oggi la funzione un tempo ricoperta dai miti. I viaggi nello spazio profondo, le avventure in galassie [...]
Rob Zombie

Rob Zombie

Inland n. 1/2015
Con la parola inland si intende letteralmente ciò che è all’interno. Nel suo capolavoro INLAND EMPIRE, David Lynch ha esteso la semantica terminologica a una dimensione più concettuale, espansa e [...]
Pupi Avati

Pupi Avati

Inland n. 10/2019
Numero #10. Stiamo diventando grandi. Era da tempo che pensavamo a come festeggiare adeguatamente questa ricorrenza tonda, questo traguardo tagliato in un crescendo di sperimentazioni editoriali, collaborazioni, pubblicazioni sempre più [...]
Philip K. Dick - Lui è vivo, noi siamo morti
Celebrato in film, fumetti e serie tv, Philip K. Dick ha stregato gli ultimi decenni del XX secolo. Ma il suo immaginario era talmente prodigioso che, a furia di sondare [...]
Sergio Martino

Sergio Martino

Inland n. 5/2017
Giunto al quinto numero, INLAND. Quaderni di cinema affronta uno snodo cruciale, fatto di significative ed emblematiche svolte che segnano uno scarto, un’apertura rispetto alla precedente linea editoriale. Innanzitutto la scelta del [...]
Carlo Verdone

Carlo Verdone

Inland n. 12/2019
"Vi ho chiesto di mettere la mia moto Honda Nighthawk in copertina perché su quella moto c'è passato il cinema italiano. Su quella moto io sono andato e tornato da [...]
Rob Zombie Reloaded

Rob Zombie Reloaded

Inland n. 8/2019
Giunto all’ottavo fascicolo, INLAND. Quaderni di cinema riavvolge per un attimo la pellicola della sua breve ma significativa storia, tornando a percorrere i passi compiuti nel 2015 quando aveva aperto [...]
America! America? - Sguardi sull'Impero antimoderno
L’impero statunitense ha sempre generato nella cultura italiana reazioni contrastanti, che spaziano da un’esaltazione semi-isterica a una condanna a priori, altrettanto paranoica. Sembra sia pressoché impossibile, per chi si confronta [...]
Walt Disney - Il mago di Hollywood
«Credo che dopo una tempesta venga l’arcobaleno: che la tempesta sia il prezzo dell’arcobaleno. La gente ha bisogno dell’arcobaleno e ne ho bisogno anch’io, e perciò glielo do». Solo un [...]
4-4-2 - Calciatori, tifosi, uomini
Nel calcio s’intrecciano oggi le linee di forza del nostro tempo; talvolta vi si palesano le sue fratture, i suoi non-detti. Ecco perché il quattordicesimo fascicolo di «Antarès» è dedicato [...]
Nicolas Winding Refn

Nicolas Winding Refn

Inland n. 4/2017
Perché Nicolas Winding Refn? La risposta è semplice: perché, piaccia o no, è un autore che, più di altri, oggi ha qualcosa da dire. Sebbene sempre più distante dalle logiche [...]
Michele Soavi

Michele Soavi

Inland n. 6/2018
Il nuovo corso di INLAND. Quaderni di cinema, inaugurato dal numero #5, dedicato a Sergio Martino, è contraddistinto da aperture al cinema italiano, al passato, a trattazioni che possano anche [...]

Best seller

Autobiografia involontaria
Maurizio Nichetti è famoso come regista di Ratataplan, Ho fatto splash, Ladri di saponette, Volere volare, che sono stati visti [...]

Articoli piu' letti