Mircea Eliade

Mircea Eliade (1907-1986) ha vissuto in Portogallo dal 1941 al 1945, prima di stabilirsi a Parigi. Dal 1957 docente all’Università di Chicago, tra le sue opere ricordiamo Trattato di storia delle religioni (Bollati Boringhieri, 2008), Storia delle credenze e delle idee religiose (Bur, 2008), Lo Yoga. Libertà e immortalità (Rizzoli, 1999) e Un’altra giovinezza (Rizzoli, 2007). Alla saggistica e agli scritti di storia delle religioni ha affiancato una cospicua produzione letteraria.
Tutto il teatro. 1939-1970
Oltre alla storia delle religioni, alla narrativa e alla pubblicistica, Mircea Eliade non mancò di occuparsi anche di teatro, scrivendo diverse opere e confrontandosi con i grandi classici della cultura europea. Le cinque pièces - la maggior parte delle quali inedite in Italia - vengono qui raccolte per la prima volta in unico volume, arricchite da un rigoroso apparato critico e biografico: un’opera omnia drammaturgica  che getta finalmente luce su un’attività meno conosciuta, ma altrettanto importante, del grande intellettuale romeno.
Cartaceo
ISBN: 9788882483395
€ 22.00
Dayan e altri racconti
Complotti, sparizioni, trame occulte… L’Europa della Cortina di Ferro si tinge di giallo: è in questo scenario che si muovono i protagonisti dei tre racconti di Mircea Eliade qui raccolti e pubblicati per la prima volta in Italia. Un universo ai confini della realtà nel quale circolano spie, si ordiscono congiure e niente sembra accadere per caso. Niente, nemmeno i fatti singolari che travolgono i personaggi delle indimenticabili pagine letterarie dell’autore di Un’altra giovinezza. Dall’equazione ultima di Einstein e Heisenberg a una passeggiata notturna che dura in realtà giorni e notti, dalla figura leggendaria dell’Ebreo Errante a misteriosi autoveicoli che [...]
Cartaceo
ISBN: 9788882483302
€ 16.00
Ebook
ISBN: 9788882483562
€ 5.99
Salazar e la rivoluzione in Portogallo
Lisbona, 1942. Da quasi un decennio il professor Salazar è dittatore del Portogallo. La sua è una «rivoluzione spirituale», scrive Mircea Eliade, atta a reintegrare il Paese nella propria tradizione, invertendo di segno le forze che ne hanno retto la storia degli ultimi secoli. Democratismo, liberalismo, massoneria: è contro queste correnti che si è scatenata la controrivoluzione salazariana, nella costruzione di uno Stato cattolico, lusitano e corporativo. La genesi e le sorti di questo pamphlet ne fanno un documento d’eccezione per comprendere la storia del XX secolo, in un’ottica che non pretenda di scindere luci e ombre del «secolo breve», [...]
Cartaceo
ISBN: 9788882482947
€ 24

riviste

È risaputo – anche, ma non solo, grazie al Romanzo dell’adolescente miope (di cui esistono diverse redazioni tra il 1921 e il 1925) e al successivo Gaudeamus (terminato nel 1928), entrambi pubblicati in edizione italiana da Jaca Book – che Mircea Eliade ha amato scrivere fin dalla prima adolescenza. I due libri in chiave “autenticistica”, seguiti dai grandi romanzi realistici pubblicati nella prima parte degli anni Trenta e da altri cicli narrativi che si muovono sempre più verso una dimensione mitica, magica e, finalmente, criptico-fantastica dell’esistenza, furono preceduti da racconti scritti in tenera età, che rivelano un talento narrativo certo [...]
Tratto da Il paradosso romeno – Eliade, Cioran e la «giovane generazione» n 7/2014
Le lettere di Eliade a Papini (n. 1, 3-6, 9, 16) sono conservate nel Fondo Giovanni Papini, XXXI C.1024, presso il Centro di documentazione e ricerche sulle avanguardie storiche della Fondazione Primo Conti di Fiesole. Esse sono state pubblicate in traduzione italiana da Roberto Scagno (Mircea Eliade e l’Italia, a cura di M. Mincu e R. Scagno, Jaca Book, Milano 1987, pp. 225-232) e nell’originale francese da Liviu Bordaş (Mircea Eliade – lettres à Giovanni Papini. 1927-1954, in «Origins. Journal of Cultural Studies», Zalău, n. 3-4, 2003, pp. 67-73; in seguito ripubblicate, accompagnate dalla traduzione romena, in M. Eliade, Europa, [...]
Tratto da Il paradosso romeno – Eliade, Cioran e la «giovane generazione» n 7/2014
Gli echi delle polemiche e delle discussioni su Oriente e Occidente sono appena stati ridotti al silenzio. Si parlava di un’influenza fatale dello spirito asiatico – in particolare di India e Cina – sullo spirito occidentale. S’intentava, addirittura, una difesa dell’Occidente (1). Il problema è mal posto. Un’influenza “diretta” dell’Asia sulla massa intellettuale europea è infatti impossibile. Quel che circola nei salotti e nei giornali con insegne orientali è soltanto un gradevole miscuglio di origine teosofica. L’Asia è inaccessibile alla maggioranza degli intellettuali europei. Tutte le nostre interpretazioni delle religioni e delle filosofie orientali sono dubbie. Perfino i più consacrati indologi [...]
Tratto da Il paradosso romeno – Eliade, Cioran e la «giovane generazione» n 7/2014

Best seller

Autobiografia involontaria
Maurizio Nichetti è famoso come regista di Ratataplan, Ho fatto splash, Ladri di saponette, Volere volare, che sono stati visti [...]

Articoli più letti