«Libero»: Anatomia del dolore filiale nel solco dei fratelli Grimm

Bruna Magi
2016-11-29 11:36:11
«Libero»: Anatomia del dolore filiale nel solco dei fratelli Grimm

C’è quasi un’incosciente voglia di chiudere con tutte le forze il rubinetto delle emozioni, di fronte alla morte. Soprattutto quando è inattesa ed ha il potere di frantumare, in un istante soltanto, tutto ciò che sei.

«Del dolore, però, si dovrebbe cercare di farne una forma di vita. Concependolo come una dimensione di speranza che nulla ha a che fare con la tristezza. Ma che, persino davanti al ricordo di una vita che non c’è più, prende le forme del sogno», scrive Bruna Magi, critica cinematografica e penna di Libero, agganciandosi alla realtà ma senza fare a meno del suo “lato fantastico”. E racconta così la genesi di Vietato al padre (Bietti Edizioni, euro 14, 166 pp). Una favola per grandi che si consuma tutta d’un fiatto. In cui spiccano i “Fratellino e Sorellina” dei fratelli Grimm, Rodrigo e Barbara, uniti non soltanto dal sangue, ma da un vincolo magico: un’abitudine a fantasticare senza tregua, tanto da superare ogni limite. Sin da piccoli, «Rodrigo Principe Ranocchio» e «Barbara Morgana», questi i soprannomi che s’erano affibbiati, giocavano a viaggiare nel tempo, «dai personaggi famosi a quelli storici, a tutte le persone cui avevano voluto bene, immaginavano di poterli portare sempre a spasso nelle loro vite».

Erano cresciuti l’uno accanto all’altra e la vita aveva regalato loro più soddisfazioni che dispiaceri. Lei, affermata cardiologa sempre in giro per il mondo; lui, la cui unica vocazione era l’amore della sua vita, Susanna. Una donna appariscente, che pareva nutrirsi solo dei complimenti degli uomini, aveva conosciuto Rodrigo a vent’anni e da quel momento non l’aveva più lasciato, se ne era impossessata, tanto da impedirgli di frequentare madre e sorella. Tra Barbara e Susanna infatti, c’era sempre stata una velata gelosia nei confronti del «loro uomo»; come una competizione, che dal giorno della morte di Rodrigo si era trasformata in guerra fredda. La vita si fa gioco di noi, illudendooci di un lieto fine, ma poi ci fa tornare alla realtà. Per Barbara la realtà arriva in una dorata mattina di Settembre, che lascia presto spazio a nuvoloni grigi, verso i quali l’amato «Principe», vola via inaspettatamente. Ed è a partire da questa perdita che la donna scopre l’esistenza di una verità, da sempre taciuta dal fratello e che, raccogliendo tutte le sue forze, tenta di ricostruire. Capirà presto che dietro a tale segreto si nasconda una vita: che era stata vietata persino a lui.

Anche questa, come tutte le favole, insegna. A riconoscere il valore dei propri affetti; ad appagare, sfidando il destino, il bisogno di ricerca della verità, anche quando il fallimento sogghigna proprio appena dietro di noi. E che le nostre radici, per quanto intricate o, talvolta persino celate, siano ci ricordano sempre chi siamo perché «il sangue, non è acqua, è scritto nel destino e nel nostro Dna».

Fabrizia Mirabella

©Libero, 11 Novembre 2016

Ultimi post dal blog

“L’opera di Spike Lee ha molto da dirci e tutti possiamo impararvi qualcosa, almeno a guardare oltre l’apparenza”. Da sempre li chiama “joint” i suoi film, Spike Lee: termine di uso comune nel linguaggio americano per la sigaretta di hashish o marijuana, la “canna” diremmo noi, al punto che nei suoi titoli di testa appare sempre con fierezza la scritta “A Spike Lee Joint”. Ma il joint di Spike Lee non c’entra nulla con tutto questo, egli ha da sempre ripudiato l’uso di qualsiasi droga, va bensì inteso come “comune”, un’unione di forze che non riguarda solo il regista ma tutta [...]
Spike Lee, il regista afroamericano di film cult come Fa' la cosa giusta, Malcolm X e La 25a ora (primo film girato a New York dopo l'11 settembre), è autore dall’ironia caustica e intelligente: il suo cinema dall’andamento altalenante, che alterna grandi successi ad altrettante clamorose rovine, è in grado di osservare come pochi altri la complessa società americana, attraversata da conflitti, contraddizioni, pregiudizi, questioni razziali e di gender. L’ultima fatica di Spike Lee, BlacKkKlansman, è stata osannata da pubblico e critica, ricevendo il Gran Prix Speciale della Giuria a Cannes 2018 e il Premio del Pubblico al Festival di [...]
Una delle presenze più forti di Profondo Giallo è un venerato maestro del cinema e del costume italiano, Enrico Vanzina: oggi pomeriggio alle 18 al Museo della Stampa di Libertà (via Benedettine 68), Vanzina presenterà il suo ultimo romanzo giallo, La sera a Roma (Mondadori) in un dialogo coordinato da Angela Marinetti, con il critico cinematografico Claudio Bartolini e con il giornalista e docente di Storia del cinema Rocco Moccagatta. Bartolini è autore di Il cinema giallo-thriller italiano (Gremese), completissima mappatura e analisi del cinema di genere italiano, mentre Moccagatta ha condotto una lunga, appassionante e interessantissima intervista ai Vanzina [...]

Ultime uscite

François Ozon

François Ozon

Inland n. 2/2016
Il secondo numero di INLAND è il primo volume dedicato in Italia a François Ozon. Regista tra i generi, firma sfuggente all’etichetta d’autore, nei suoi film Ozon fa riverberare echi [...]
Aldo Lado

Aldo Lado

Inland n. 9/2019
Quello che stringete tra le mani è il numero più complesso, stratificato, polisemantico del nostro – vostro – INLAND. Quaderni di cinema. Lo è innanzitutto grazie al parco autori, mai [...]
Dino Buzzati - Nostro fantastico quotidiano
Vi sono autori, come disse una volta Conan Doyle, che «hanno varcato una porta magica». Tra questi spicca Dino Buzzati, che ha condotto il fantastico nel cuore pulsante della materia. [...]
Jorge Luis Borges - Il Bibliotecario di Babele
Jorge Luis Borges è un autore oceanico, un crocevia di esperienze, storie, civiltà e piani dell’essere, un caleido­scopio nel quale il passato si fa futuro e il futuro si rispecchia [...]
Carlo & Enrico Vanzina

Carlo & Enrico Vanzina

Inland n. 7/2018
INLAND. Quaderni di cinema numero #7 nasce nell’ormai lontano dicembre 2017, in un bar di Milano dove, di fronte al sottoscritto, siede Rocco Moccagatta, firma di punta di tutto quel [...]
Lav Diaz

Lav Diaz

Inland n. 3/2017
È da tempo che noi di INLAND pensiamo a una monografia dedicata a Lav Diaz. Doveva essere il numero #1, l’avevamo poi annunciato come #2, l’abbiamo rimandato in entrambe le [...]
Lune d'Acciaio - I miti della fantascienza
Considerata da un punto di vista non solo letterario, la fantascienza può assumere oggi la funzione un tempo ricoperta dai miti. I viaggi nello spazio profondo, le avventure in galassie [...]
Rob Zombie

Rob Zombie

Inland n. 1/2015
Con la parola inland si intende letteralmente ciò che è all’interno. Nel suo capolavoro INLAND EMPIRE, David Lynch ha esteso la semantica terminologica a una dimensione più concettuale, espansa e [...]
Sergio Martino

Sergio Martino

Inland n. 5/2017
Giunto al quinto numero, INLAND. Quaderni di cinema affronta uno snodo cruciale, fatto di significative ed emblematiche svolte che segnano uno scarto, un’apertura rispetto alla precedente linea editoriale. Innanzitutto la scelta del [...]
Rob Zombie Reloaded

Rob Zombie Reloaded

Inland n. 8/2019
Giunto all’ottavo fascicolo, INLAND. Quaderni di cinema riavvolge per un attimo la pellicola della sua breve ma significativa storia, tornando a percorrere i passi compiuti nel 2015 quando aveva aperto [...]
America! America? - Sguardi sull'Impero antimoderno
L’impero statunitense ha sempre generato nella cultura italiana reazioni contrastanti, che spaziano da un’esaltazione semi-isterica a una condanna a priori, altrettanto paranoica. Sembra sia pressoché impossibile, per chi si confronta [...]
Walt Disney - Il mago di Hollywood
«Credo che dopo una tempesta venga l’arcobaleno: che la tempesta sia il prezzo dell’arcobaleno. La gente ha bisogno dell’arcobaleno e ne ho bisogno anch’io, e perciò glielo do». Solo un [...]
4-4-2 - Calciatori, tifosi, uomini
Nel calcio s’intrecciano oggi le linee di forza del nostro tempo; talvolta vi si palesano le sue fratture, i suoi non-detti. Ecco perché il quattordicesimo fascicolo di «Antarès» è dedicato [...]
Nicolas Winding Refn

Nicolas Winding Refn

Inland n. 4/2017
Perché Nicolas Winding Refn? La risposta è semplice: perché, piaccia o no, è un autore che, più di altri, oggi ha qualcosa da dire. Sebbene sempre più distante dalle logiche [...]
Michele Soavi

Michele Soavi

Inland n. 6/2018
Il nuovo corso di INLAND. Quaderni di cinema, inaugurato dal numero #5, dedicato a Sergio Martino, è contraddistinto da aperture al cinema italiano, al passato, a trattazioni che possano anche [...]

Best seller

Autobiografia involontaria
Maurizio Nichetti è famoso come regista di Ratataplan, Ho fatto splash, Ladri di saponette, Volere volare, che sono stati visti [...]

Articoli piu' letti