Tra due rive. I casi Schleyer e Moro: prospettiva politica

Rote Armee Fraktion n. 18/2024

«Questi sono giorni nei quali nessuno dovrebbe
affidarsi indebitamente alla sua “competenza”.
La forza risiede nell’improvvisazione.
Tutti i colpi decisivi sono sferrati con la mano sinistra»
Walter Benjamin

Colonia, 5 settembre 1977: la Rote Armee Fraktion sequestra Hanns-Martin Schleyer.
Roma, 16 marzo 1978: le Brigate Rosse sequestrano Aldo Moro.
Le due operazioni sono comunemente considerate come le più importanti azioni politico-militari compiute dalle rispettive organizzazioni guerrigliere. Inoltre, sono solitamente assimilate e lette all’interno di un perimetro di sostanziale affinità. In realtà, a uno sguardo un poco più attento, al di là di alcune similitudini tecnico-operative (per altro estendibili a molte circostanze analoghe), tra i due sequestri la distanza è quanto mai ampia. Anzi, sono proprio questi episodi a fornirci la diversità di prospettiva che fa da sfondo alla RAF e alle BR.
Partiamo dal caso Moro, facendo una necessaria premessa: questa operazione va osservata a partire da come le Brigate Rosse leggono la situazione politica italiana e assunta come “vera verità”, poiché è proprio tale lettura che conduce al compimento dell’azione e, per altro verso, al suo fallimento. Facile affermare come proprio il sequestro Moro mostri l’inconsistenza del progetto brigatista, ma l’ottica da adottare non è questa, bensì quella che anima i militanti delle BR. Per loro, l’Italia del 1978 è sull’orlo della «guerra civile dispiegata»: tale convinzione, del resto, sarà mantenuta pressoché sino alla fine della loro esperienza. Moro, di tutto ciò, rappresenta il corposo incipit. Attraverso il suo sequestro le BR si propongono di perseguire tre obiettivi: tattico, facendo saltare il governo di unità nazionale; egemonico, obbligando tutto il movimento antagonista e guerrigliero a riconoscere le Brigate Rosse e la loro prassi come il solo e unico cuore della prospettiva rivoluzionaria; strategico, ottenendo, attraverso la trattativa con lo Stato sulla questione dei prigionieri, un riconoscimento formale traducibile, in qualche modo, con l’entrata in parlamento. Nessuno di questi obiettivi viene centrato. Non solo il sequestro non inceppa il progetto di governo, ma lo rafforza: sarà proprio il Partito Comunista Italiano (PCI) – nei confronti del quale, in maniera del tutto impropria, i brigatisti vantano ancora mire – a diventare il più tenace sostenitore della “fase emergenziale” e a farsi il principale becchino delle insorgenze operaie e proletarie.
Già in questo è possibile notare una sostanziale differenza tra RAF e BR. Per la Rote Armee Fraktion è il riformismo, ossia lo Stato socialdemocratico, l’asse intorno a cui si dipana il comando capitalista (su questo punto, in Italia, si allineeranno tutte le formazioni che andranno dalle varie sfaccettature dell’Autonomia Operaia sino a Prima Linea). Per le Brigate Rosse, invece, è sempre la destra a incarnare il piano del capitale: i progetti strategici della borghesia saranno di volta in volta individuati nello “Stato forte”, nel “Neogollismo” e in molti altri orientamenti. Significativo, a tal proposito, il fatto che le BR rivolgeranno la loro critica ai “berlingueriani” – osservati come una sorta di corpo estraneo – e cercheranno di mantenere costantemente aperta una porta verso la mitica base operaia del PCI e, in particolare, verso la sua organizzazione di massa: il sindacato.
Il sequestro Moro non intacca minimamente la penetrazione del riformismo dentro la statualità capitalista, anzi: è esattamente in questo momento che – attraverso lo slogan: «La classe operaia si fa Stato» – il riformismo, da progetto egemone in fabbrica, acquisisce un pieno sdoganamento anche in seno alla politica istituzionale. A questo primo insuccesso se ne somma immediatamente un secondo. La richiesta di combattimento rivolta alle varie anime del movimento viene sostanzialmente elusa e la “campagna di primavera” (così è denominata l’operazione Moro) non trova significative sponde. La stessa Prima Linea, con la quale le Brigate Rosse cercano di consolidare un rapporto, risponde negativamente e si astiene dal compiere qualunque azione nel corso del sequestro. L’isolamento in cui si ritrovano le BR, quindi, non è solo o semplicemente frutto di linee politiche divergenti. Alla base vi è una incommensurabile distanza, che si potrebbe dire epistemica, sulla concezione del rapporto organizzazione-classe e una differenza che chiama in causa la strategia militare. Se si pensa che il sequestro Moro viene fatto esattamente un anno dopo il 1977, diventa persino banale cogliere il mero automatismo che contraddistingue l’agire delle Brigate Rosse: quale relazione possa esservi tra il ’77 e Moro non è dato sapersi. Ancora più interessante è cogliere la diversità sull’impostazione militare che caratterizza le organizzazioni del Movimento e le Brigate Rosse. Il primo, per molti versi, sembra fare sue le indicazioni del Thomas Edward Lawrence della guerra nel deserto: se il nemico può essere raffigurato come un rinoceronte, allora può essere abbattuto attraverso un attacco frontale – perché ciò avvenga, però, occorre avere un apparato di pari dimensioni – o attraverso mille punture d’insetto. In virtù di questa strategia, Lawrence condusse alla vittoria le scarne forze guerrigliere arabe contro l’impressionante esercito ottomano. Tale concezione, a conti fatti, è alla base di tutto ciò che si muove in maniera autonoma rispetto alle BR le quali, al contrario, dello scontro tra apparati fanno il loro credo.
Questo agire sembrerebbe porle in piena affinità con la Rote Armee Fraktion ma, anche in questo caso, le differenze sono abissali. Nello scontro tra apparati le Brigate Rosse prefigurano già il loro essere Stato – cosa che porranno nero su bianco attraverso il loro manifesto programmatico L’ape e il comunista – mentre per la RAF la guerra all’apparato statuale della Repubblica Federale Tedesca non è l’affermazione di sé in quanto nascente stato proletario, ma il frutto di una volontà di disarticolazione dei piani imperialisti, in unità e relazione dialettica con i movimenti di liberazione anticoloniali e antimperialisti. La RAF non descriverà mai uno Stato a propria immagine e somiglianza mentre, per le BR, quello sembra essere il problema centrale. Se nel sequestro Schleyer vi è per intero l’attacco a una componente centrale (e a un simbolo) della politica imperialista, con Moro vi è il farsi Stato di un’organizzazione.
Chiarito questo, si torna all’obiettivo strategico perseguito dalle BR: il riconoscimento politico. Perché sicuramente le BR sono interessate allo scambio dei prigionieri, ma quello non è per loro il punto centrale. Decisivo, piuttosto, è il fatto che si giunga a una forma di trattativa. In questo modo, di fatto, lo Stato riconoscerebbe che, in Italia, esista una componente politica, organizzata come guerriglia comunista, della quale tenere conto. Un passaggio che può considerarsi bizzarro, ma diventa persino ovvio se si pensa, come detto, che per le BR si stia entrando in una fase di «guerra civile dispiegata». La trattativa, secondo tale prospettiva, potrebbe portare con sé uno scenario di tipo irlandese, con tutte le ricadute del caso. Ma anche questo obiettivo, come noto, naufraga, poiché lo stato non accetta alcuna trattativa. A conti fatti, quindi, il sequestro Moro è un completo fallimento. Ma qual è la relazione con il caso Schleyer?
Alcune differenze sono state tratteggiate, si tratta ora di specificarle e ampliarle. Ci si chiede, anche in questo caso, quali fossero gli obiettivi della RAF. Sostanzialmente due, ed entrambi di valenza strategica. Il primo è la liberazione dei prigionieri. Per la Rote Armee Fraktion, fuor di metafora, è una questione di vita o di morte. Sullo sfondo non vi è alcun problema di riconoscimento politico anche perché, in seguito al rapimento Lorenz, uno scambio tra la RAF e lo Stato è già avvenuto senza che questo abbia comportato modifiche nella relazione tra Stato e guerriglia. Lo scambio ha soggiaciuto a una logica prevalentemente militare, senza implicare ricadute politiche; del resto, per i presupposti stessi sui quali ha preso forma l’organizzazione, neppure avrebbe potuto averne. La partita giocata dai militanti è tutta internazionale e il riconoscimento di cui questa va alla ricerca, semmai, è tra le popolazioni in lotta contro l’imperialismo. L’obiettivo non è fare la rivoluzione in Germania Ovest, bensì agire come forza partigiana dietro le linee dell’imperialismo. Partendo da questo presupposto, la contesa per e sui prigionieri è essenziale e ciò è chiaro anche allo Stato socialdemocratico. Il (presunto) suicidio dei fondatori consumato(si) il 17 ottobre 1977, mentre Schleyer è ancora tra le mani del commando guerrigliero, non lascia molti dubbi sulla linea di condotta della RFT. L’esistenza stessa dei militanti RAF è un problema che deve essere rimosso, come rimossa deve essere ogni pratica antimperialista che possa destabilizzare le metropoli dell’Europa Occidentale, centri nevralgici per il comando del capitale. Sotto questo aspetto, almeno sul piano politico, il sequestro Schleyer è un successo poiché, mentre la Rote Armee Fraktion agisce in Germania Ovest, un commando guerrigliero del Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina sequestra, a Palma di Maiorca, un Boeing 737 della Lufthansa, chiedendo la liberazione dei prigionieri RAF. Il dirottamento si conclude a Mogadiscio dove, grazie all’intervento delle teste di cuoio tedesche del GSG-9, gli ostaggi vengono liberati e i componenti del Commando Martyr Halima uccisi o catturati. La disfatta militare è chiara mentre, politicamente, sembra invece potersi rinsaldare quella forma di internazionalismo antimperialista che sta alla base dell’ipotesi RAF. Successo sicuramente effimero poiché, di lì a poco, inizierà il lento e costante declino della Rote Armee Fraktion.
In conclusione, resta il fatto che i due sequestri hanno ben poco in comune, poiché tutta la loro dinamica rimanda a concezioni molto diverse non solo della politica, ma della stessa funzione della guerriglia all’interno delle metropoli imperialiste. Il caso Moro è tutto ripiegato dentro una visione vetero-comunista, mentre l’azione Schleyer prefigura scenari propri dell’era globale e la rimessa in circolo di pratiche di dominio che – come la più recente critica post-coloniale ha evidenziato – trovano nella colonialità i loro presupposti.

[Vai all'indice]

Scarica il pdf

Ultime uscite

François Ozon

François Ozon

Inland n. 2/2016
Il secondo numero di INLAND è il primo volume dedicato in Italia a François Ozon. Regista tra i generi, firma sfuggente all’etichetta d’autore, nei suoi film Ozon fa riverberare echi [...]
Fiume Diciannove - Il Fuoco sacro della Città di Vita
1919-2019. Un secolo fa Gabriele d’Annunzio entrava in Fiume d’Italia, dando vita a quella che sarebbe stata una rivoluzione durata cinquecento giorni. Un’atmosfera febbricitante e festosa, ma anzitutto sacra, qui [...]
Aldo Lado

Aldo Lado

Inland n. 9/2019
Quello che stringete tra le mani è il numero più complesso, stratificato, polisemantico del nostro – vostro – INLAND. Quaderni di cinema. Lo è innanzitutto grazie al parco autori, mai [...]
Dylan Dog - Nostro orrore quotidiano
Detective dell’Occulto, Indagatore dell’Incubo, Esploratore di Pluriversi: come definire altrimenti Dylan Dog, dal 1986 residente al n. 7 della londinese Craven Road? Le sue avventure – che affrontano tutti gli [...]
Dino Buzzati - Nostro fantastico quotidiano
Vi sono autori, come disse una volta Conan Doyle, che «hanno varcato una porta magica». Tra questi spicca Dino Buzzati, che ha condotto il fantastico nel cuore pulsante della materia. [...]
William Lustig

William Lustig

Inland n. 13/2020
Gennaio 2015, riunone di redazione: si discute a proposito della nascita di INLAND. Quaderni di cinema. A chi dedicare i primi tre numeri? Idee tante, unanimità poca. Restano quattro progetti, [...]
Jorge Luis Borges - Il Bibliotecario di Babele
Jorge Luis Borges è un autore oceanico, un crocevia di esperienze, storie, civiltà e piani dell’essere, un caleido­scopio nel quale il passato si fa futuro e il futuro si rispecchia [...]
Rote Armee Fraktion

Rote Armee Fraktion

Inland n. 18/2024
GRATUITO PER I NOSTRI LETTORI UN ESTRATTO DELLA COPIA DIGITALE DI QUESTO NUOVO INLAND E ALCUNI TESTI DA LEGGERE ONLINE Due anni fa, nel concepire il nuovo corso di INLAND, con [...]
Antonio Bido

Antonio Bido

Inland n. 11/2019
Girata la boa del decimo numero, INLAND. Quaderni di cinema compie altri due significativi passi in avanti. Innanzitutto ottiene il passaporto. A rilasciarlo è stato il Paradies Film Festival di Jena [...]
Carlo & Enrico Vanzina

Carlo & Enrico Vanzina

Inland n. 7/2018
INLAND. Quaderni di cinema numero #7 nasce nell’ormai lontano dicembre 2017, in un bar di Milano dove, di fronte al sottoscritto, siede Rocco Moccagatta, firma di punta di tutto quel [...]
Lav Diaz

Lav Diaz

Inland n. 3/2017
È da tempo che noi di INLAND pensiamo a una monografia dedicata a Lav Diaz. Doveva essere il numero #1, l’avevamo poi annunciato come #2, l’abbiamo rimandato in entrambe le [...]
Mike Flanagan

Mike Flanagan

Inland n. 16/2023
Lo specchio è un simbolo polisemantico. Investe la sfera delle apparenze, ma anche quella dei significa(n)ti. Chiama in causa l’estetica, la filosofia e, insieme, la psichiatria. È l’uno che contiene [...]
Manetti Bros.

Manetti Bros.

Inland n. 14/2022
Febbraio 2020. Inland. Quaderni di cinema numero #13 va in stampa con una nuova veste. Brossura, dorso rigido, grammatura della copertina aumentata. Il numero è dedicato a William Lustig, alfiere [...]
Lune d'Acciaio - I miti della fantascienza
Considerata da un punto di vista non solo letterario, la fantascienza può assumere oggi la funzione un tempo ricoperta dai miti. I viaggi nello spazio profondo, le avventure in galassie [...]
Rob Zombie

Rob Zombie

Inland n. 1/2015
Con la parola inland si intende letteralmente ciò che è all’interno. Nel suo capolavoro INLAND EMPIRE, David Lynch ha esteso la semantica terminologica a una dimensione più concettuale, espansa e [...]
Pupi Avati

Pupi Avati

Inland n. 10/2019
Numero #10. Stiamo diventando grandi. Era da tempo che pensavamo a come festeggiare adeguatamente questa ricorrenza tonda, questo traguardo tagliato in un crescendo di sperimentazioni editoriali, collaborazioni, pubblicazioni sempre più [...]
Philip K. Dick - Lui è vivo, noi siamo morti
Celebrato in film, fumetti e serie tv, Philip K. Dick ha stregato gli ultimi decenni del XX secolo. Ma il suo immaginario era talmente prodigioso che, a furia di sondare [...]
Sergio Martino

Sergio Martino

Inland n. 5/2017
Giunto al quinto numero, INLAND. Quaderni di cinema affronta uno snodo cruciale, fatto di significative ed emblematiche svolte che segnano uno scarto, un’apertura rispetto alla precedente linea editoriale. Innanzitutto la scelta del [...]
Carlo Verdone

Carlo Verdone

Inland n. 12/2019
"Vi ho chiesto di mettere la mia moto Honda Nighthawk in copertina perché su quella moto c'è passato il cinema italiano. Su quella moto io sono andato e tornato da [...]
Rob Zombie Reloaded

Rob Zombie Reloaded

Inland n. 8/2019
Giunto all’ottavo fascicolo, INLAND. Quaderni di cinema riavvolge per un attimo la pellicola della sua breve ma significativa storia, tornando a percorrere i passi compiuti nel 2015 quando aveva aperto [...]
America! America? - Sguardi sull'Impero antimoderno
L’impero statunitense ha sempre generato nella cultura italiana reazioni contrastanti, che spaziano da un’esaltazione semi-isterica a una condanna a priori, altrettanto paranoica. Sembra sia pressoché impossibile, per chi si confronta [...]
Dario Argento

Dario Argento

Inland n. 15/2022
Tutto è nato da Occhiali neri (2022). Dalla sua visione, certo, ma anche dal dibattito che il film ha riaperto a proposito di Dario Argento e di tutto ciò che [...]
Walt Disney - Il mago di Hollywood
«Credo che dopo una tempesta venga l’arcobaleno: che la tempesta sia il prezzo dell’arcobaleno. La gente ha bisogno dell’arcobaleno e ne ho bisogno anch’io, e perciò glielo do». Solo un [...]
4-4-2 - Calciatori, tifosi, uomini
Nel calcio s’intrecciano oggi le linee di forza del nostro tempo; talvolta vi si palesano le sue fratture, i suoi non-detti. Ecco perché il quattordicesimo fascicolo di «Antarès» è dedicato [...]
Nicolas Winding Refn

Nicolas Winding Refn

Inland n. 4/2017
Perché Nicolas Winding Refn? La risposta è semplice: perché, piaccia o no, è un autore che, più di altri, oggi ha qualcosa da dire. Sebbene sempre più distante dalle logiche [...]
Michele Soavi

Michele Soavi

Inland n. 6/2018
Il nuovo corso di INLAND. Quaderni di cinema, inaugurato dal numero #5, dedicato a Sergio Martino, è contraddistinto da aperture al cinema italiano, al passato, a trattazioni che possano anche [...]

Ultimi post dal blog

Fabrizio Fogliato è un esperto di cinema e in particolare del cinema dei generi. Da anni pubblica regolarmente saggi e analisi che diventano punti di riferimento per il mondo del cinema. Lo scorso anno ha mandato in stampa un nuovo importante volume intitolato Con la rabbia agli occhi. Itinerari psicologici nel cinema criminale italiano. Lo abbiamo intervistato per farci spiegare di che cosa si tratta e in che modo ha analizzato il cinema criminale della Penisola. Partiamo dal titolo. Come mai ha scelto Con la rabbia agli occhi, che è anche il titolo di un film degli anni 70? Con la rabbia [...]
Benedetta Pallavidino ha raccontato un attore molto controverso nel suo Helmut Berger. Ritratto su pellicola, edito da Bietti Edizioni nella collana Fotogrammi. L’abbiamo intervistata. L’attore classe 1944 è scomparso il maggio scorso ed è stato interprete di tanti capolavori tra cui diversi film di Luchino Visconti con cui ebbe anche una relazione. Ecco le sue parole sull’artista: Come nasce la tua voglia di andare a raccontare un personaggio controverso come Helmut Berger? Nasce dal fatto che l’ho sempre trovato un attore molto sottovalutato, ricordato solo per essere stato il divo e il compagno di Visconti. È sicuramente vero che diretto da [...]