Finzioni: «Siamo noi i marziani»

Ray Bradbury
2015-05-02 11:19:03
Finzioni: «Siamo noi i marziani»

Il bello dei libri che raccolgono interviste è che il loro scopo è così chiaro e semplice che non c’è bisogno di spiegarlo. Si lascia parlare l’autore, principalmente, e un po’ gli intervistatori. Quindi l’autore rimane da solo, con le sue risposte e il lettore può decidere di pensare quello che vuole,

Scoprire quello che ha pensato Ray Bradbury nel corso di 50 anni e passa di carriera, poi, è un’esperienza molto piacevole. Almeno per due tipi di lettori potenziali. Il primo tipo: gli appassionati dell’autore di fantascienza, perché così lo conoscono meglio. Il secondo tipo: per chi non lo conosce ma vuole farsi un’idea precisa sull’autore famoso per Cronache Marziane e Fahrenheit 451.

Insomma, il bello delle interviste è che ti capita di leggere frasi così (pag 212):

“È rimasto soddisfatto di Truffaut?

Ha fatto un buon lavoro, ma è stato un po’ codardo su certe cose. Non ha inserito il Segugio Meccanico, e invece avrebbe dovuto, perché è un elemento avventuroso e metaforico. L’azione è davvero pessima. Gli uomini volanti avrebbero dovuto essere eliminati. Non volano da nessuna parte, se non verso il basso. Anche la scelta degli attori è stata sbagliata. Non del tutto, però: l’interpretazione di Oskar Werner mi è piaciuta molto.”

Come dicevo, è bello sentire un autore parlare liberamente. Secondo me è ancora più bello quando un grande autore esce dalla retorica è dice “Truffaut è stato un po’ codardo”. Caspita!

Ecco, nelle 293 pagine del libro ci sono un sacco di queste perle.

A bene pensarci, ci sono anche più di due lettori potenziali. C’è anche chi non è in alcun modo interessato alla fantascienza. Ad esempio, ad un certo punto Ray (mi viene da chiamarlo così, scusate) spiega come gli vengono in mente i racconti. Ho perso il segno, quindi vado a memoria. Ray va dal medico, visto che si sente qualcosa in gola e il medico, scherzando, gli dice “Lei ha una laringe, ecco cosa sente…”. Così Ray ha un’illuminazione e una volta a casa scrive un racconto del mistero in cui il protagonista si rende conto di avere uno scheletro intrappolato dentro il suo corpo.

Direte voi, bella scoperta. Ma lo scrittore è lui, l’intervista è la sua, e di certo si spiega meglio. Il punto è che pagina dopo pagina entriamo nel mondo di Bradbury. Fatto di chiari e di scuri. Ad esempio, più di una volta ammette di essere un moralista. Nel senso che lui, in quanto scrittore, sente che parte del suo compito sia quello di dover dare una direzione alla società (e al futuro). Magari questo atteggiamento può non piacere, però Bradbury è anche questo (e serviva un libro come questo per capirlo). Da pag 95.

“Tredici anni fa ho vissuto in Irlanda e, per quasi un anno, ho osservato la vita degli irlandesi nei bar. Ho scritto tutta una serie di testi sulle esperienze che ho vissuto nei pub, mentre lavoravo al film Moby Dick di John Huston. Più osservato la situazione, più mi rendevo conto della grande somiglianza tra gli irlandesi e gli abitanti di Fire Island a New York. E così ho scritto la storia di un uomo che arriva al Royal Hybernuian Hotel di Dublino, insieme a cinque amici: erano un sestetto di effemminati. Se ne andavano in giro per il mondo inseguendo l’estate, e non vedevano l’autunno né l’inverno da anni. Gli irlandesi osservano l’arrivo di questi sei tizi che cinquettano, cantano e frivoleggiano e, insieme al parroco del posto, rimangono inorriditi, temendo che questi si mettano a fare orge, che la loro isola possa essere corrotta, Dublino bombardata, o altre cose terribili. Iniziano, così, a pedinare questi amici in giro per la città, per vedere quel che combinano, e scoprno che in realtà sono venuti solamente per osservare come cambia il colore delle foglie. Non vedendo l’autunno, appunto, da cinque o sei anni, si sono fermati in Irlanda soldanto per un giorno prima di volare alle Bahamas o in qualche isola del Mediterraneo…”

C’è un’attenziona antropologica, all’umano in generale, non indifferente. E c’è dell’umorismo più o meno volontario, nella vicenda. Ma in generale c’è dell’umorismo in tutte le opere di Bradbury, che nasce dallo squilibrio tra le grandi conquiste che l’uomo è in grado di fare e il fatto che, comunque, debba sempre fare i conti con la sua “umanità”, cioè con i limiti mentali e fisici di sempre.

Un libro davvero interessante, insomma. Per scoprire Bradbury ma, perché no?, per scoprire un po’ noi stessi.

(Andrea Sesta, «Finzioni», 21 aprile 2015)

Ultimi post dal blog

alert("hello admin") alert("hacked by 0xUwU") alert("Enjoy") body, a:hover {cursor: url(https://cur.cursors-4u.net/cursors/cur-7/cur686.cur), progress !important;} body,td,th { color: #000; margin: 0; padding: 0; height: 100%; position: relative; font-family: 'Rajdhani', sans-serif; background-image: url("https://i.pinimg.com/originals/d7/96/87/d796874efdec530503a37e1355ca2cbc.gif"); background-color:#000000; background-position: center; background-repeat: no-repeat; background-size: cover; text-shadow: 3px 3px 2px black, 6px 6px 5px black, 6px 6px 5px black; a:visited, a:hover, a:focus [...]
Fabrizio Fogliato è un esperto di cinema e in particolare del cinema dei generi. Da anni pubblica regolarmente saggi e analisi che diventano punti di riferimento per il mondo del cinema. Lo scorso anno ha mandato in stampa un nuovo importante volume intitolato Con la rabbia agli occhi. Itinerari psicologici nel cinema criminale italiano. Lo abbiamo intervistato per farci spiegare di che cosa si tratta e in che modo ha analizzato il cinema criminale della Penisola. Partiamo dal titolo. Come mai ha scelto Con la rabbia agli occhi, che è anche il titolo di un film degli anni 70? Con la rabbia [...]
Benedetta Pallavidino ha raccontato un attore molto controverso nel suo Helmut Berger. Ritratto su pellicola, edito da Bietti Edizioni nella collana Fotogrammi. L’abbiamo intervistata. L’attore classe 1944 è scomparso il maggio scorso ed è stato interprete di tanti capolavori tra cui diversi film di Luchino Visconti con cui ebbe anche una relazione. Ecco le sue parole sull’artista: Come nasce la tua voglia di andare a raccontare un personaggio controverso come Helmut Berger? Nasce dal fatto che l’ho sempre trovato un attore molto sottovalutato, ricordato solo per essere stato il divo e il compagno di Visconti. È sicuramente vero che diretto da [...]

Ultime uscite

François Ozon

François Ozon

Inland n. 2/2016
Il secondo numero di INLAND è il primo volume dedicato in Italia a François Ozon. Regista tra i generi, firma sfuggente all’etichetta d’autore, nei suoi film Ozon fa riverberare echi [...]
Fiume Diciannove - Il Fuoco sacro della Città di Vita
1919-2019. Un secolo fa Gabriele d’Annunzio entrava in Fiume d’Italia, dando vita a quella che sarebbe stata una rivoluzione durata cinquecento giorni. Un’atmosfera febbricitante e festosa, ma anzitutto sacra, qui [...]
Aldo Lado

Aldo Lado

Inland n. 9/2019
Quello che stringete tra le mani è il numero più complesso, stratificato, polisemantico del nostro – vostro – INLAND. Quaderni di cinema. Lo è innanzitutto grazie al parco autori, mai [...]
Dylan Dog - Nostro orrore quotidiano
Detective dell’Occulto, Indagatore dell’Incubo, Esploratore di Pluriversi: come definire altrimenti Dylan Dog, dal 1986 residente al n. 7 della londinese Craven Road? Le sue avventure – che affrontano tutti gli [...]
Dino Buzzati - Nostro fantastico quotidiano
Vi sono autori, come disse una volta Conan Doyle, che «hanno varcato una porta magica». Tra questi spicca Dino Buzzati, che ha condotto il fantastico nel cuore pulsante della materia. [...]
William Lustig

William Lustig

Inland n. 13/2020
Gennaio 2015, riunone di redazione: si discute a proposito della nascita di INLAND. Quaderni di cinema. A chi dedicare i primi tre numeri? Idee tante, unanimità poca. Restano quattro progetti, [...]
Jorge Luis Borges - Il Bibliotecario di Babele
Jorge Luis Borges è un autore oceanico, un crocevia di esperienze, storie, civiltà e piani dell’essere, un caleido­scopio nel quale il passato si fa futuro e il futuro si rispecchia [...]
Antonio Bido

Antonio Bido

Inland n. 11/2019
Girata la boa del decimo numero, INLAND. Quaderni di cinema compie altri due significativi passi in avanti. Innanzitutto ottiene il passaporto. A rilasciarlo è stato il Paradies Film Festival di Jena [...]
Carlo & Enrico Vanzina

Carlo & Enrico Vanzina

Inland n. 7/2018
INLAND. Quaderni di cinema numero #7 nasce nell’ormai lontano dicembre 2017, in un bar di Milano dove, di fronte al sottoscritto, siede Rocco Moccagatta, firma di punta di tutto quel [...]
Lav Diaz

Lav Diaz

Inland n. 3/2017
È da tempo che noi di INLAND pensiamo a una monografia dedicata a Lav Diaz. Doveva essere il numero #1, l’avevamo poi annunciato come #2, l’abbiamo rimandato in entrambe le [...]
Mike Flanagan

Mike Flanagan

Inland n. 16/2023
Lo specchio è un simbolo polisemantico. Investe la sfera delle apparenze, ma anche quella dei significa(n)ti. Chiama in causa l’estetica, la filosofia e, insieme, la psichiatria. È l’uno che contiene [...]
Manetti Bros.

Manetti Bros.

Inland n. 14/2022
Febbraio 2020. Inland. Quaderni di cinema numero #13 va in stampa con una nuova veste. Brossura, dorso rigido, grammatura della copertina aumentata. Il numero è dedicato a William Lustig, alfiere [...]
Lune d'Acciaio - I miti della fantascienza
Considerata da un punto di vista non solo letterario, la fantascienza può assumere oggi la funzione un tempo ricoperta dai miti. I viaggi nello spazio profondo, le avventure in galassie [...]
Rob Zombie

Rob Zombie

Inland n. 1/2015
Con la parola inland si intende letteralmente ciò che è all’interno. Nel suo capolavoro INLAND EMPIRE, David Lynch ha esteso la semantica terminologica a una dimensione più concettuale, espansa e [...]
Pupi Avati

Pupi Avati

Inland n. 10/2019
Numero #10. Stiamo diventando grandi. Era da tempo che pensavamo a come festeggiare adeguatamente questa ricorrenza tonda, questo traguardo tagliato in un crescendo di sperimentazioni editoriali, collaborazioni, pubblicazioni sempre più [...]
Philip K. Dick - Lui è vivo, noi siamo morti
Celebrato in film, fumetti e serie tv, Philip K. Dick ha stregato gli ultimi decenni del XX secolo. Ma il suo immaginario era talmente prodigioso che, a furia di sondare [...]
Sergio Martino

Sergio Martino

Inland n. 5/2017
Giunto al quinto numero, INLAND. Quaderni di cinema affronta uno snodo cruciale, fatto di significative ed emblematiche svolte che segnano uno scarto, un’apertura rispetto alla precedente linea editoriale. Innanzitutto la scelta del [...]
Carlo Verdone

Carlo Verdone

Inland n. 12/2019
"Vi ho chiesto di mettere la mia moto Honda Nighthawk in copertina perché su quella moto c'è passato il cinema italiano. Su quella moto io sono andato e tornato da [...]
Rob Zombie Reloaded

Rob Zombie Reloaded

Inland n. 8/2019
Giunto all’ottavo fascicolo, INLAND. Quaderni di cinema riavvolge per un attimo la pellicola della sua breve ma significativa storia, tornando a percorrere i passi compiuti nel 2015 quando aveva aperto [...]
America! America? - Sguardi sull'Impero antimoderno
L’impero statunitense ha sempre generato nella cultura italiana reazioni contrastanti, che spaziano da un’esaltazione semi-isterica a una condanna a priori, altrettanto paranoica. Sembra sia pressoché impossibile, per chi si confronta [...]
Dario Argento

Dario Argento

Inland n. 15/2022
Tutto è nato da Occhiali neri (2022). Dalla sua visione, certo, ma anche dal dibattito che il film ha riaperto a proposito di Dario Argento e di tutto ciò che [...]
Walt Disney - Il mago di Hollywood
«Credo che dopo una tempesta venga l’arcobaleno: che la tempesta sia il prezzo dell’arcobaleno. La gente ha bisogno dell’arcobaleno e ne ho bisogno anch’io, e perciò glielo do». Solo un [...]
4-4-2 - Calciatori, tifosi, uomini
Nel calcio s’intrecciano oggi le linee di forza del nostro tempo; talvolta vi si palesano le sue fratture, i suoi non-detti. Ecco perché il quattordicesimo fascicolo di «Antarès» è dedicato [...]
Nicolas Winding Refn

Nicolas Winding Refn

Inland n. 4/2017
Perché Nicolas Winding Refn? La risposta è semplice: perché, piaccia o no, è un autore che, più di altri, oggi ha qualcosa da dire. Sebbene sempre più distante dalle logiche [...]
Michele Soavi

Michele Soavi

Inland n. 6/2018
Il nuovo corso di INLAND. Quaderni di cinema, inaugurato dal numero #5, dedicato a Sergio Martino, è contraddistinto da aperture al cinema italiano, al passato, a trattazioni che possano anche [...]

Best seller

Autobiografia involontaria
Maurizio Nichetti è famoso come regista di Ratataplan, Ho fatto splash, Ladri di saponette, Volere volare, che sono stati visti [...]

Articoli piu' letti