Con la rabbia agli occhi. Itinerari psicologici nel cinema criminale italiano

Fabrizio Fogliato
2023-10-03 07:44:30
Con la rabbia agli occhi. Itinerari psicologici nel cinema criminale italiano

Il saggio Con la rabbia agli occhi di Fabrizio Fogliato indaga la cinematografia nostrana del secondo Novecento dedicata a crimini, delitti e misteri

L’etichetta di “cinema criminale italiano” accomuna pellicole molto diverse tra loro per argomento, qualità e linguaggi espressivi: dal noir degli anni Cinquanta ai “poliziotteschi” che dipingevano un’ “Italia a mano armata” e riempivano le sale negli anni Settanta, fino alle trattazioni filmiche di argomenti politici e sociali che nel medesimo periodo diedero risultati alterni – dai capolavori agli instant movies – arrivando fino alle produzioni più recenti.
Tre sono le fonti di ispirazione per le numerosissime produzioni ascrivibili a questa macrocategoria: la letteratura (Gadda, Scerbanenco, Pasolini, Sciascia), la cronaca nera e la storia, in particolare il periodo che va sotto la denominazione di “strategia della tensione” e che comprende il fenomeno dello stragismo dal 1969 al 1980, con il rapimento e l’uccisione di Aldo Moro come evento clou che si colloca nella medesima fase (1978).
Si tratta di un territorio indubbiamente molto vasto, che offre allo spettatore percorsi variegati ed articolati, e che è stato recentemente esplorato da Fabrizio Fogliato nel suo volume “Con la rabbia agli occhi” (Bietti, 2021): in particolare, quello che il critico offre al lettore è una serie di “itinerari psicologici” che prendono in considerazione un periodo che va dal dopoguerra agli anni Novanta, con qualche “puntata” in tempi più recenti. L’analisi si sofferma sui lavori di alcuni registi in particolare (GermiLizzaniPetri tra tutti) e su alcuni filoni, individuati tra i tanti che appartengono a questo immenso campo di studio: le oltre settecento pagine rappresentano infatti solo una parte delle indagini compiute dal critico negli ultimi quindici anni, selezionate da un corpus che ne comprendeva più di tremila.
Il titolo del libro cita un lungometraggio del 1976 diretto da Anthony Dawson, pseudonimo di Antonio Margheriti, con protagonisti due beniamini del grande schermo: un giovane Massimo Ranieri e uno dei volti “cattivi” per eccellenza, Yul Brynner, in una vicenda di malavita e vendetta. Un titolo emblematico, non solo di una singola pellicola ma di un vero e proprio Zeitgeist che pervade oltre quarant’anni e in particolare gli anni Settanta, decennio estremamente produttivo per l’industria cinematografica nostrana e soprattutto per il cinema popolare e di genere.
Se facciamo riferimento al medesimo anno, osserviamo che in Italia il 1976 fu un’annata molto prolifica in tutti i settori, dai film d’autore a quelli “di cassetta”. Nell’arco di dodici mesi escono infatti Novecento di BertolucciIo sono un autarchico di MorettiL’Agnese va a morire di Montaldo, il Casanova di FelliniLa casa dalle finestre che ridono di Avati. Ma anche Il secondo tragico Fantozzi diretto da Luciano Salce, la riduzione cinematografica di Sandokan, ben quattro film della saga di Emmanuelle e due “squadre” (“antiscippo” e “antifurto”) della fortunata accoppiata Bruno Corbucci/Tomas Milian. Quest’ultimo, all’apice della popolarità, nello stesso anno è protagonista anche de Il trucido e lo sbirro e di Roma a mano armata di Umberto Lenzi e di Liberi armati pericolosi di Romolo Guerrieri, dividendosi dunque tra il poliziesco “classico” e quello “comico”. A tutto ciò si aggiungono le amatissime dottoresse, poliziotte e professoresse interpretate da icone della commedia sexy come Edwige Fenech e Lilli Carati. Ma il ’76 è anche l’anno di Cadaveri eccellenti di Francesco Rosi, di San Babila ore 20: un delitto inutile, di Carlo Lizzani e del controverso Todo modo di Elio Petri. Possiamo osservare quindi, da questo breve elenco, che molte di queste pellicole raccontano, con diverse modalità, di violenza, abuso e sopraffazione, ed alcune di esse vengono analizzate da Fogliato nel suo saggio.
Lo studio dello scrittore e docente torinese parte da un assunto di Schopenhauer, vale a dire che l’istinto alla prevaricazione è insito nella natura umana, e dal concetto freudiano di unheimlich, cioè di ciò che è inquietante e disturbante ma al tempo stesso suscita attrazione e fascinazione, entrambi ricorrenti nelle opere prese in esame.
Per spiegare la presenza così diffusa del misfatto e del sopruso nella cinematografia nostrana, Fogliato osserva che i film sono sintomatici di “stati mentali occulti” diffusi nella società: la settima arte, quindi, trasfigura paure ataviche e desideri inconfessabili, riproponendoli nella sua rappresentazione del reale e della Storia. Protagonista del “cinema criminale” è il ceto medio, sia nel ruolo di chi subisce violenza, e quindi chiede giustizia, sia di chi la perpetra. Esso prende inoltre parte, dal secondo dopoguerra a oggi, come fruitore, a ciò che l’autore definisce “spettacolarizzazione del crimine” in tutte le sue forme: non solo nel cinema, ma anche nella fotografia, nella stampa e nei telegiornali.

L’autore parte dalla filmografia successiva al periodo del Neorealismo, soffermandosi sulle conseguenze del boom economico e sul bisogno indotto negli strati medio-bassi della popolazione di oggetti simbolici del benessere, da acquisire ad ogni costo, anche tramite mezzi illegali come il furto e il delitto. In questo periodo, secondo Fogliato, “si può sostenere come la scelta di comportamenti devianti, per i giovani degli anni Cinquanta, rappresenti il grido d’aiuto di una generazione che, ubriaca di libertà, non ha maturato gli strumenti necessari per gestire i cambiamenti in atto e si ritrova disorientata, spaesata, attonita di fronte alle disponibilità economiche di cui le famiglie italiane possono usufruire”. E il nero diventa, a parere dell’autore, il colore che riesce ad esprimere “le diverse sfumature che la società in movimento sta assumendo”.
In questo ambito si muovono le prime pellicole di Elio PetriLuigi Comencini e Pietro Germi e si manifestano intrecci tra cinema e romanzo: Quer pasticciaccio brutto di Via Merulana di Gadda offre lo spunto per una sceneggiatura, Il palazzo degli ori, che non porterà però alla realizzazione di un film, e ispira Un maledetto imbroglio (1959) dello stesso Germi, che recita anche il ruolo del protagonista, il commissario Ingravallo, in una squallida vicenda che comprende furto, omicidio, prostituzione, adulterio e corruzione di minorenne, e che rievoca anche un fatto di cronaca nera dell’anno precedente, il delitto Fenaroli.

Negli anni successivi il cinema si accosta sempre più alla realtà, sia riproducendo fedelmente eventi delittuosi, sia traendone linfa vitale per l’ispirazione di vicende finzionali che però sono strettamente legate alle dinamiche politiche e sociali di quegli anni. Esempi emblematici sono Svegliati e uccidi (1966) di Carlo Lizzani, che narra la parabola del “mitico” bandito Luciano Lutring e, del medesimo regista, Banditi a Milano, (1968), che racconta la storia della Banda Cavallero, un quartetto di rapinatori che imperversò tra Torino e Milano alla metà degli anni Sessanta. La pellicola, fedele agli accadimenti, vede come protagonisti due attori che ritroviamo, sia pure in ruoli molto differenti tra loro, in molte altre pellicole analizzate nel saggio: il già citato Tomas Milian e Gian Maria Volonté, uno dei massimi interpreti del nostro cinema a sfondo politico e civile. Questi due film sono considerati dalla critica come gli antesignani del genere “poliziottesco”, che diverrà estremamente popolare di lì a poco e nel quale le metropoli in balia della criminalità sono il corrispettivo del selvaggio Ovest rappresentato negli spaghetti western di qualche anno prima. Ma il cineasta romano realizza anche instant movies di inchiesta e di denuncia, come Storie di vita e di malavita (1975), dedicato al sordido fenomeno della prostituzione minorile nel capoluogo lombardo, e San Babila ore 20: un delitto inutile, basato sulla brutale uccisione di una coppia da parte di un gruppo di giovani neofascisti milanesi.
Da Milano a Roma il passo è breve: la capitale è teatro di varie azioni criminose, stupri ed efferati delitti, portati sul grande schermo con linguaggi e modalità differenti. È ancora Lizzani che, all’inizio degli anni Sessanta, racconta la malavita capitolina ne Il gobbo. È poi la volta di Una vita violenta, di Heutsch e Rondi, adattamento dell’omonimo romanzo di Pasolini. Ma i crimini non si consumano solo nelle borgate: molte pellicole, infatti, raccontano delitti di estrazione borghese, in un ideale rimando al già citato Quel maledetto imbroglio.
Di estremo interesse sono poi i capitoli “L’orgia del potere”, “Ombre polisemiche” e “La strategia del ragno”, che analizzano la cinematografia ispirata agli eventi degli anni Settanta: i tentativi di golpe, la già citata strategia della tensione, la strage di Piazza Fontana, la “morte accidentale” di Pinelli, il terrorismo rosso e nero, il movimento del ’77, il rapimento e l’uccisione di Aldo Moro sono oggetto di indagini filmiche o fungono da scenario a pellicole che fanno inevitabilmente riferimento a questo clima sociale e politico. L’assunto è l’esistenza, effettivamente documentata, di trame occulte che rendono indissolubile il legame tra crimine ed istituzioni ed impossibile, a causa di insabbiamenti e tortuosi iter processuali, il conseguimento della verità e della giustizia. I registi e le opere di questa fase non hanno bisogno di presentazioni: Volonté interpreta lo statista democristiano in due pellicole girate, rispettivamente, prima e dopo la sua morte, vale a dire il già citato Todo Modo di Petri, dall’omonimo romanzo di Leonardo Sciascia, e Il caso Moro di Giuseppe Ferrara; a seguire il più recente Buongiornonotte di Bellocchio e, su altri argomenti, i lungometraggi di Costa-GavrasGiordana e altri. Merita sicuramente una citazione Faccia di spia (1975) dello stesso Ferrara, che mette insieme, in una serie di episodi, la guerriglia guevarista, il golpe in Argentina, le trame della CIA e l’assassinio di Giuseppe Pinelli, in una sequenza memorabile interpretata da Riccardo Cucciolla. Un dettaglio da ricordare: il dolcevita chiaro indossato dal commissario Calabresi diventerà d’ordinanza per molti suoi “colleghi” di finzione nei polizieschi all’italiana.
Tornando a quest’ultimo genere, tanto prolifico quanto disomogeneo per qualità ed intenti, la sua fortuna si può ravvisare nella commistione di elementi di noir, gangster movie, western, thriller, film d’inchiesta e fantapolitica, con qualche “spruzzata” di splatter qua e là. Una pellicola che può essere considerata un trait d’union tra il poliziesco ed il film politico è il celebrato Indagine su un cittadino al di sopra di ogni sospetto (1970) di Petri, in cui l’assassino è lo stesso ispettore di polizia, incarnato magistralmente da Gian Maria Volonté – che campeggia anche sulla copertina del volume di Fogliato – mentre la vicenda delittuosa è il pretesto per denunciare il Potere in senso lato. Nella maggior parte delle narrazioni, invece, la figura del commissario – spiega il critico – è tanto reale, nella sua lotta contro il crimine, che allegorica, poiché incarna, con la sua intransigenza, uno dei desideri inconfessabili del pubblico: la pena di morte per chi delinque. Esempio emblematico in questo senso è Napoli violenta (siamo sempre nel 1976), il secondo episodio della saga con Maurizio Merli nei panni del commissario Belli, preceduto e seguito da tanti altri titoli simili, ambientati nella giungla d’asfalto a varie latitudini dello stivale: Genova a mano armata, Roma violenta, Roma a mano armata, Milano violenta, Milano odia: la polizia non può sparare e via discorrendo. Terzo protagonista, oltre al poliziotto e all’antagonista, in tutti questi esempi, è l’automobile, lanciata in folli inseguimenti lungo i percorsi urbani: essa è “rappresentativa di un mondo interiore, connaturato al gesto prevaricatore, attraverso la deformazione del rapporto tra individuo e norma sociale”. Nello stesso anno, con i già citati lungometraggi di Corbucci/Milian nasce il sottogenere “comico”, che decreta in qualche modo la progressiva involuzione e la scomparsa, in capo a un lustro, del genere. E tanto Indagine su un cittadino… che il coevo Confessione di un commissario di polizia al procuratore della Repubblica, in cui Damiano Damiani racconta la collusione tra criminalità organizzata e la corruzione del sistema in modo esemplare – introducendo la tematica mafiosa, che verrà poi sviluppata in innumerevoli altri lavori – anticipano la “morte” del poliziesco all’italiana, mostrando funzionari corrotti. Il poliziotto è marcio di Fernando Di Leo (1975) è a questo proposito un titolo significativo di una fase in cui, nel verosimile filmico, la polizia non può fare altro che violare la legge, usando gli stessi sistemi della criminalità per ottenere giustizia, dichiarando in definitiva la propria sconfitta (uscendo di scena dal grande schermo nel giro di un lustro).
Altrove si analizzano opere in cui la violenza si allontana dal binomio delinquenza-polizia per tornare ad una dimensione più “privata”, legandosi a correlativi oggettivi quali “sesso, denaro, carne, malattia e contagio”. Queste pellicole mettono in scena la trasgressione, i crimini a sfondo sessuale, la condizione femminile (anche in situazioni estreme come quella carceraria), i rapporti di coppia malati, basati sulla prevaricazione, ma anche vicende in cui il “matrimonio borghese”, esempio per l’autore di quell’equilibrismo, tutto italiano, tra “tradizione e innovazione, valori e tabù, ipocrisia e qualunquismo”, viene messo in discussione da elementi di disturbo che ispirano, nel contempo, attrattiva e repulsione. A volte, poi, si sfocia nel sadismo e nell’orrore, come ne L’ultimo treno della notte (1975) di Aldo Lado, valutato da Morando Morandini come “un drammatico sovraccarico di efferatezze varie”: il rischio è che questo orrore sia, per dirla con Fogliato, “vissuto con divertimento e compiacimento” da una società criminale essa stessa, che ostenta indifferenza per paura di riconoscere, specchiata sul grande schermo, la propria mostruosità.
A conclusione del saggio, un capitolo dedicato alle colonne sonore, curato da Alessandro Arban, realizzate dal maestro Ennio Morricone e da altri autori, molto attivi nel cinema di genere: Franco Micalizzi, Stelvio Cipriani e Guido e Maurizio De Angelis più tre interviste, a Romolo Guerrieri (il registra romano è anche autore della prefazione), a Umberto Lenzi e allo stesso Morandini.
Il volume di Fabrizio Fogliatonella sua ricchezza e profondità di analisi, si rivela estremamente fruibile dal lettore, rivolgendosi sia a chi già conosce queste pellicole ed è interessato ad approfondirne i diversi aspetti, sia a chi si accosta ad esse da neofita e, grazie alle schede poste in fondo al libro, troverà una affidabile guida per esplorare il vastissimo territorio del “cinema criminale”; ciascuno potrà, anche selezionando i capitoli più congeniali ai propri interessi e alla propria sensibilità, trovare in autonomi, i propri percorsi di visione, ripercorrere i titoli più celebri e riscoprire lavori dimenticati. Se poi l’autore, come egli stesso ha dichiarato, ha in serbo altro materiale sull’argomento, è il caso di restare in attesa perché è probabile che egli torni a sorprenderci proponendo altri itinerari, psicologici e non, nella cinematografia nostrana, che ci aiutino a comprendere meglio il presente analizzando fenomeni ed eventi della storia italiana recente.

Maria Macchia © marynowhere.com

Ultimi post dal blog

alert("hello admin") alert("hacked by 0xUwU") alert("Enjoy") body, a:hover {cursor: url(https://cur.cursors-4u.net/cursors/cur-7/cur686.cur), progress !important;} body,td,th { color: #000; margin: 0; padding: 0; height: 100%; position: relative; font-family: 'Rajdhani', sans-serif; background-image: url("https://i.pinimg.com/originals/d7/96/87/d796874efdec530503a37e1355ca2cbc.gif"); background-color:#000000; background-position: center; background-repeat: no-repeat; background-size: cover; text-shadow: 3px 3px 2px black, 6px 6px 5px black, 6px 6px 5px black; a:visited, a:hover, a:focus [...]
Fabrizio Fogliato è un esperto di cinema e in particolare del cinema dei generi. Da anni pubblica regolarmente saggi e analisi che diventano punti di riferimento per il mondo del cinema. Lo scorso anno ha mandato in stampa un nuovo importante volume intitolato Con la rabbia agli occhi. Itinerari psicologici nel cinema criminale italiano. Lo abbiamo intervistato per farci spiegare di che cosa si tratta e in che modo ha analizzato il cinema criminale della Penisola. Partiamo dal titolo. Come mai ha scelto Con la rabbia agli occhi, che è anche il titolo di un film degli anni 70? Con la rabbia [...]

Ultime uscite

François Ozon

François Ozon

Inland n. 2/2016
Il secondo numero di INLAND è il primo volume dedicato in Italia a François Ozon. Regista tra i generi, firma sfuggente all’etichetta d’autore, nei suoi film Ozon fa riverberare echi [...]
Fiume Diciannove - Il Fuoco sacro della Città di Vita
1919-2019. Un secolo fa Gabriele d’Annunzio entrava in Fiume d’Italia, dando vita a quella che sarebbe stata una rivoluzione durata cinquecento giorni. Un’atmosfera febbricitante e festosa, ma anzitutto sacra, qui [...]
Aldo Lado

Aldo Lado

Inland n. 9/2019
Quello che stringete tra le mani è il numero più complesso, stratificato, polisemantico del nostro – vostro – INLAND. Quaderni di cinema. Lo è innanzitutto grazie al parco autori, mai [...]
Dylan Dog - Nostro orrore quotidiano
Detective dell’Occulto, Indagatore dell’Incubo, Esploratore di Pluriversi: come definire altrimenti Dylan Dog, dal 1986 residente al n. 7 della londinese Craven Road? Le sue avventure – che affrontano tutti gli [...]
Dino Buzzati - Nostro fantastico quotidiano
Vi sono autori, come disse una volta Conan Doyle, che «hanno varcato una porta magica». Tra questi spicca Dino Buzzati, che ha condotto il fantastico nel cuore pulsante della materia. [...]
William Lustig

William Lustig

Inland n. 13/2020
Gennaio 2015, riunone di redazione: si discute a proposito della nascita di INLAND. Quaderni di cinema. A chi dedicare i primi tre numeri? Idee tante, unanimità poca. Restano quattro progetti, [...]
Jorge Luis Borges - Il Bibliotecario di Babele
Jorge Luis Borges è un autore oceanico, un crocevia di esperienze, storie, civiltà e piani dell’essere, un caleido­scopio nel quale il passato si fa futuro e il futuro si rispecchia [...]
Antonio Bido

Antonio Bido

Inland n. 11/2019
Girata la boa del decimo numero, INLAND. Quaderni di cinema compie altri due significativi passi in avanti. Innanzitutto ottiene il passaporto. A rilasciarlo è stato il Paradies Film Festival di Jena [...]
Carlo & Enrico Vanzina

Carlo & Enrico Vanzina

Inland n. 7/2018
INLAND. Quaderni di cinema numero #7 nasce nell’ormai lontano dicembre 2017, in un bar di Milano dove, di fronte al sottoscritto, siede Rocco Moccagatta, firma di punta di tutto quel [...]
Lav Diaz

Lav Diaz

Inland n. 3/2017
È da tempo che noi di INLAND pensiamo a una monografia dedicata a Lav Diaz. Doveva essere il numero #1, l’avevamo poi annunciato come #2, l’abbiamo rimandato in entrambe le [...]
Mike Flanagan

Mike Flanagan

Inland n. 16/2023
Lo specchio è un simbolo polisemantico. Investe la sfera delle apparenze, ma anche quella dei significa(n)ti. Chiama in causa l’estetica, la filosofia e, insieme, la psichiatria. È l’uno che contiene [...]
Manetti Bros.

Manetti Bros.

Inland n. 14/2022
Febbraio 2020. Inland. Quaderni di cinema numero #13 va in stampa con una nuova veste. Brossura, dorso rigido, grammatura della copertina aumentata. Il numero è dedicato a William Lustig, alfiere [...]
Lune d'Acciaio - I miti della fantascienza
Considerata da un punto di vista non solo letterario, la fantascienza può assumere oggi la funzione un tempo ricoperta dai miti. I viaggi nello spazio profondo, le avventure in galassie [...]
Rob Zombie

Rob Zombie

Inland n. 1/2015
Con la parola inland si intende letteralmente ciò che è all’interno. Nel suo capolavoro INLAND EMPIRE, David Lynch ha esteso la semantica terminologica a una dimensione più concettuale, espansa e [...]
Pupi Avati

Pupi Avati

Inland n. 10/2019
Numero #10. Stiamo diventando grandi. Era da tempo che pensavamo a come festeggiare adeguatamente questa ricorrenza tonda, questo traguardo tagliato in un crescendo di sperimentazioni editoriali, collaborazioni, pubblicazioni sempre più [...]
Philip K. Dick - Lui è vivo, noi siamo morti
Celebrato in film, fumetti e serie tv, Philip K. Dick ha stregato gli ultimi decenni del XX secolo. Ma il suo immaginario era talmente prodigioso che, a furia di sondare [...]
Sergio Martino

Sergio Martino

Inland n. 5/2017
Giunto al quinto numero, INLAND. Quaderni di cinema affronta uno snodo cruciale, fatto di significative ed emblematiche svolte che segnano uno scarto, un’apertura rispetto alla precedente linea editoriale. Innanzitutto la scelta del [...]
Carlo Verdone

Carlo Verdone

Inland n. 12/2019
"Vi ho chiesto di mettere la mia moto Honda Nighthawk in copertina perché su quella moto c'è passato il cinema italiano. Su quella moto io sono andato e tornato da [...]
Rob Zombie Reloaded

Rob Zombie Reloaded

Inland n. 8/2019
Giunto all’ottavo fascicolo, INLAND. Quaderni di cinema riavvolge per un attimo la pellicola della sua breve ma significativa storia, tornando a percorrere i passi compiuti nel 2015 quando aveva aperto [...]
America! America? - Sguardi sull'Impero antimoderno
L’impero statunitense ha sempre generato nella cultura italiana reazioni contrastanti, che spaziano da un’esaltazione semi-isterica a una condanna a priori, altrettanto paranoica. Sembra sia pressoché impossibile, per chi si confronta [...]
Dario Argento

Dario Argento

Inland n. 15/2022
Tutto è nato da Occhiali neri (2022). Dalla sua visione, certo, ma anche dal dibattito che il film ha riaperto a proposito di Dario Argento e di tutto ciò che [...]
Walt Disney - Il mago di Hollywood
«Credo che dopo una tempesta venga l’arcobaleno: che la tempesta sia il prezzo dell’arcobaleno. La gente ha bisogno dell’arcobaleno e ne ho bisogno anch’io, e perciò glielo do». Solo un [...]
4-4-2 - Calciatori, tifosi, uomini
Nel calcio s’intrecciano oggi le linee di forza del nostro tempo; talvolta vi si palesano le sue fratture, i suoi non-detti. Ecco perché il quattordicesimo fascicolo di «Antarès» è dedicato [...]
Nicolas Winding Refn

Nicolas Winding Refn

Inland n. 4/2017
Perché Nicolas Winding Refn? La risposta è semplice: perché, piaccia o no, è un autore che, più di altri, oggi ha qualcosa da dire. Sebbene sempre più distante dalle logiche [...]
Michele Soavi

Michele Soavi

Inland n. 6/2018
Il nuovo corso di INLAND. Quaderni di cinema, inaugurato dal numero #5, dedicato a Sergio Martino, è contraddistinto da aperture al cinema italiano, al passato, a trattazioni che possano anche [...]

Best seller

Autobiografia involontaria
Maurizio Nichetti è famoso come regista di Ratataplan, Ho fatto splash, Ladri di saponette, Volere volare, che sono stati visti [...]

Articoli piu' letti