Sull’esoterismo islamico

Gustavo Mayerà
Dino Buzzati – Nostro fantastico quotidiano n. 13/2018
Sull’esoterismo islamico

In un periodo storico come quello che stiamo vivendo, in cui ogni questione è affrontata in ossequio alle logiche perverse dello scandalo, è d’obbligo imporsi di tanto in tanto un momento per meditare e tentare di riappropriarci di quelle facoltà di giudizio purtroppo diventate così démodé. Questo discorso dovrebbe valere sempre, ma in riferimento ad alcuni contesti come quello islamico, in cui un cocktail micidiale di distorsioni dottrinali e mediatiche ha prodotto ormai ferite profondissime, è diventato impellente che la sfrenatezza delle opinioni lasci spazio a una quieta ricerca della verità. L’esoterismo islamico di Alberto Ventura è un libro che ci aiuta in questo esercizio, perché, attraverso la chiara pacatezza dello stile e quell’ordine universale che ne segna le tappe, ci offre la possibilità di cogliere il fenomeno islamico nella sua essenza. L’esoterismo islamico è un trattato dottrinale che, partendo dal Principio, espone la complessa metafisica del sufismo o tasawwuf – il fenomeno esoterico islamico di gran lunga più diffuso – in una sintesi mirabilmente completa e chiara, nonostante la vastità dell’argomento. Parlando di esoterismo islamico si potrebbe pensare a un fenomeno marginale o estremamente elitario e ristretto, come in effetti è stato per manifestazioni simili nella storia cristiana. Al contrario, il sufismo è un pilastro fondamentale della dottrina islamica, che deve gran parte della propria fioritura e diffusione proprio a maestri sufi, ma ha anche una pervasiva presenza numerica sul territorio: una singola confraternita sufi – e ve ne sono svariate – ha più aderenti del fondamentalismo nel suo complesso. Purtroppo però questa realtà, mossa per lo più da istanze spirituali, rituali e cultuali, ha risonanza minore delle bombe, che, non a caso, hanno nei santuari sufi uno dei loro obiettivi prediletti. L’acerrimo nemico dei fondamentalisti, guidati dal loro bieco e degenerato letteralismo, non può che essere identificato nella profonda spiritualità, nella ricchissima simbologia e nelle illuminate anagogie della tradizione esoterica, che, nonostante tutto, riesce ancora a prosperare nel mondo islamico, garantendo che l’essenza più profonda del messaggio di Maometto possa essere conservata intatta attraverso i tumulti dei secoli.

È dunque duplice il merito di quest’opera, che da un lato sintetizza con chiarezza un fenomeno così vasto e dall’altro presenta agli europei un aspetto dell’Islam tanto importante quanto poco conosciuto in Occidente, principalmente dal punto di vista dottrinale.

Fin dalle prime pagine ci si rende subito conto di avere di fronte un’opera che richiede certamente una buona concentrazione, ma solo a causa della profondità degli argomenti trattati e non di certo perché sia rivolta agli specialisti del genere. Anzi, è chiarissimo l’autore, nel capitolo introduttivo, nell’affermare che: «La comprensione del fondo della metafisica non è affare di “specialisti”, a qualunque genere essi appartengano, ma rileva dall’ordine della verità universale: una verità che non può essere appannaggio esclusivo di alcuni individui, e tantomeno di una ristretta cerchia di eruditi, per i quali la comprensione reale e profonda di una dottrina è l’ultima delle preoccupazioni».

Detto ciò, il libro di Ventura è indubbiamente di grande aiuto per chi studia cose islamiche e, ovviamente, ancor di più per chi è specializzato nelle questioni più strettamente dottrinali o genericamente esoteriche, rappresentando una sintesi utilissima per orientarsi nel complesso mondo della dottrina sufi. Siamo di fronte a un testo rivolto a un pubblico vasto, ma allo stesso tempo caratterizzato da saldi fondamenti scientifici. Va anche detto che l’impronta scientifica dell’autore è, per così dire, permeata dai caratteri tipici della scienza tradizionale, che gli appassionati di dottrine orientali o dell’Occidente premoderno apprezzeranno certamente. Questi lettori saranno indubbiamente felici di trovare nelle sezioni delle librerie dedicate alle filosofie orientali, oltre all’enorme letteratura sull’India e le sue tradizioni, anche un’opera sul sufismo, peraltro priva delle solite folcloristiche note new age.

Infine, un aspetto particolarmente stimolante è costituito dai molteplici riferimenti alle più diverse tradizioni: indiana, cinese, persiana e, ovviamente, cristiana, peraltro prendendo spunto, in quest’ultimo caso, da personaggi affascinanti, benché meno noti ai più, come Scoto Eriugena, Gioacchino da Fiore, Meister Eckhart e altri.

Cristianesimo e Islam sono religioni vicinissime. Entrambe figlie del mondo semitico e della cultura greca, pur con ulteriori diverse connessioni, sono religioni dirimpettaie, le cui storie s’intrecciano per quasi un millennio e mezzo. Tutto ciò rende lo studio dell’Islam coinvolgente per un occidentale, principalmente negli aspetti dottrinali, perché sempre vi troverà elementi per un arricchimento e una riscoperta della propria cultura, della propria stessa spiritualità e, in definitiva, di sé.

Alberto Ventura, L’esoterismo islamico, Adelphi, Milano 2017, pp. 212, € 14,00.

[Vai all'indice]

Scarica il pdf

Ultime uscite

François Ozon

François Ozon

Inland n. 2/2016
Il secondo numero di INLAND è il primo volume dedicato in Italia a François Ozon. Regista tra i generi, firma sfuggente all’etichetta d’autore, nei suoi film Ozon fa riverberare echi [...]
Fiume Diciannove - Il Fuoco sacro della Città di Vita
1919-2019. Un secolo fa Gabriele d’Annunzio entrava in Fiume d’Italia, dando vita a quella che sarebbe stata una rivoluzione durata cinquecento giorni. Un’atmosfera febbricitante e festosa, ma anzitutto sacra, qui [...]
Aldo Lado

Aldo Lado

Inland n. 9/2019
Quello che stringete tra le mani è il numero più complesso, stratificato, polisemantico del nostro – vostro – INLAND. Quaderni di cinema. Lo è innanzitutto grazie al parco autori, mai [...]
Dylan Dog - Nostro orrore quotidiano
Detective dell’Occulto, Indagatore dell’Incubo, Esploratore di Pluriversi: come definire altrimenti Dylan Dog, dal 1986 residente al n. 7 della londinese Craven Road? Le sue avventure – che affrontano tutti gli [...]
Dino Buzzati - Nostro fantastico quotidiano
Vi sono autori, come disse una volta Conan Doyle, che «hanno varcato una porta magica». Tra questi spicca Dino Buzzati, che ha condotto il fantastico nel cuore pulsante della materia. [...]
William Lustig

William Lustig

Inland n. 13/2020
Gennaio 2015, riunone di redazione: si discute a proposito della nascita di INLAND. Quaderni di cinema. A chi dedicare i primi tre numeri? Idee tante, unanimità poca. Restano quattro progetti, [...]
Jorge Luis Borges - Il Bibliotecario di Babele
Jorge Luis Borges è un autore oceanico, un crocevia di esperienze, storie, civiltà e piani dell’essere, un caleido­scopio nel quale il passato si fa futuro e il futuro si rispecchia [...]
Antonio Bido

Antonio Bido

Inland n. 11/2019
Girata la boa del decimo numero, INLAND. Quaderni di cinema compie altri due significativi passi in avanti. Innanzitutto ottiene il passaporto. A rilasciarlo è stato il Paradies Film Festival di Jena [...]
Carlo & Enrico Vanzina

Carlo & Enrico Vanzina

Inland n. 7/2018
INLAND. Quaderni di cinema numero #7 nasce nell’ormai lontano dicembre 2017, in un bar di Milano dove, di fronte al sottoscritto, siede Rocco Moccagatta, firma di punta di tutto quel [...]
Lav Diaz

Lav Diaz

Inland n. 3/2017
È da tempo che noi di INLAND pensiamo a una monografia dedicata a Lav Diaz. Doveva essere il numero #1, l’avevamo poi annunciato come #2, l’abbiamo rimandato in entrambe le [...]
Lune d'Acciaio - I miti della fantascienza
Considerata da un punto di vista non solo letterario, la fantascienza può assumere oggi la funzione un tempo ricoperta dai miti. I viaggi nello spazio profondo, le avventure in galassie [...]
Rob Zombie

Rob Zombie

Inland n. 1/2015
Con la parola inland si intende letteralmente ciò che è all’interno. Nel suo capolavoro INLAND EMPIRE, David Lynch ha esteso la semantica terminologica a una dimensione più concettuale, espansa e [...]
Pupi Avati

Pupi Avati

Inland n. 10/2019
Numero #10. Stiamo diventando grandi. Era da tempo che pensavamo a come festeggiare adeguatamente questa ricorrenza tonda, questo traguardo tagliato in un crescendo di sperimentazioni editoriali, collaborazioni, pubblicazioni sempre più [...]
Sergio Martino

Sergio Martino

Inland n. 5/2017
Giunto al quinto numero, INLAND. Quaderni di cinema affronta uno snodo cruciale, fatto di significative ed emblematiche svolte che segnano uno scarto, un’apertura rispetto alla precedente linea editoriale. Innanzitutto la scelta del [...]
Carlo Verdone

Carlo Verdone

Inland n. 12/2019
"Vi ho chiesto di mettere la mia moto Honda Nighthawk in copertina perché su quella moto c'è passato il cinema italiano. Su quella moto io sono andato e tornato da [...]
Rob Zombie Reloaded

Rob Zombie Reloaded

Inland n. 8/2019
Giunto all’ottavo fascicolo, INLAND. Quaderni di cinema riavvolge per un attimo la pellicola della sua breve ma significativa storia, tornando a percorrere i passi compiuti nel 2015 quando aveva aperto [...]
America! America? - Sguardi sull'Impero antimoderno
L’impero statunitense ha sempre generato nella cultura italiana reazioni contrastanti, che spaziano da un’esaltazione semi-isterica a una condanna a priori, altrettanto paranoica. Sembra sia pressoché impossibile, per chi si confronta [...]
Walt Disney - Il mago di Hollywood
«Credo che dopo una tempesta venga l’arcobaleno: che la tempesta sia il prezzo dell’arcobaleno. La gente ha bisogno dell’arcobaleno e ne ho bisogno anch’io, e perciò glielo do». Solo un [...]
4-4-2 - Calciatori, tifosi, uomini
Nel calcio s’intrecciano oggi le linee di forza del nostro tempo; talvolta vi si palesano le sue fratture, i suoi non-detti. Ecco perché il quattordicesimo fascicolo di «Antarès» è dedicato [...]
Nicolas Winding Refn

Nicolas Winding Refn

Inland n. 4/2017
Perché Nicolas Winding Refn? La risposta è semplice: perché, piaccia o no, è un autore che, più di altri, oggi ha qualcosa da dire. Sebbene sempre più distante dalle logiche [...]
Michele Soavi

Michele Soavi

Inland n. 6/2018
Il nuovo corso di INLAND. Quaderni di cinema, inaugurato dal numero #5, dedicato a Sergio Martino, è contraddistinto da aperture al cinema italiano, al passato, a trattazioni che possano anche [...]

Ultimi post dal blog

Scrivere le tv, dentro i segreti del mestiere. È indubbio che gli showrunner siano i demiurghi del nostro immaginario. Basti pensare, solo per citarne alcuni, a David Benioff, Ryan Murphy o Shonda Rhimes, nomi che rinviano a serie tv come Il trono di spade, American Horror Stories e Le regole del delitto perfetto. Non sono in tanti però a conoscere quale sia il loro ruolo effettivo nell'ambito della colossale industria multimediale americana. Interrogativo cui tenta di rispondere il foggiano Umberto Mentana, autore di saggistica cinematografica, sceneggiatore di fumetti e corti indipendenti, con questo suo Chi vuol essere showrunner?, un agile libretto in cui ha raccolto i [...]
La Collana dei Fotogrammi Bietti è una delle iniziative editoriali a cui, in redazione, teniamo particolarmente. Brevi e agili saggi monografici per entrare direttamente dentro il mondo di un/una regista e diversi mestieri cinematografici. Questa volta proviamo a mettere insieme due volumi separati, il quattordicesimo e il quindicesimo, che però nascono da una complementarità di fondo dei loro protagonisti. Parliamo ovviamente di Greta Gerwig e Noah Baumbach, coppia d’oro del cinema indipendente e poi hollywoodiano, nel lavoro e nella vita. Greta Gerwig. Lo sguardo nuovo del cinema femminile – Cecilia Strazza Cecilia Strazza dedica il Fotogramma 14 a Greta Gerwig come simbolo di [...]