Senza categoria

Kind of Blue. Barry Jenkins, variazioni sul corpo afroamericano
Barry Jenkins e il suo Moonlight rappresentano un punto di svolta nel cinema nero e contemporaneo: è questa la tesi principale di Kind of Blue. Kind of Blue. Barry Jenkins, variazioni sul corpo afroamericano è il nuovo volume della Collana Fotogrammi di Edizioni Bietti, scritto da Marzia Gandolfi. È l’ottavo, per la precisione, pubblicato dopo il saggio di Lapo Gresleri di cui abbiamo parlato qualche settimana fa. Proprio a differenza di quest’ultimo, la prospettiva di Gandolfi rimane attenta a evitare l’uso del termine afroamericano (sostituendolo con nero) proprio per non entrare nel dualismo conflittuale della doppia identità, formalizzata da WEB Du Bois. Kind of Blue, come suggerisce anche il [...]
Se Rose gli facesse spazio, Jack si salverebbe?
Il 14 febbraio è uscito per Bietti Edizioni il sesto titolo della collana Fotogrammi, l’autrice è Hilary Tiscione. Hilary, da qualche settimana è disponibile Se Rose gli facesse spazio, Jack si salverebbe? una raccolta di racconti, di retelling per la precisione, in cui ti sei posta l’obiettivo di riscrivere il finale di sei film che hanno contribuito alla definizione del tuo immaginario. Quali sono i film? Perché proprio questi? Si tratta di sei film molto famosi: Carnage di Roman Polanski (tratto da Il dio del massacro di Yasmina Reza) perché amo le narrazioni ambientate esclusivamente in interni. Meglio ancora se in un unico ambiente. Mi affascina concentrarmi sulle dinamiche più [...]
Body and Souls. Il corpo nero, #BlackLivesMatter e il cinema afrosurrealista
“The white hunter sits on his porch With his elephant gun and his tears He’ll shoot you for free if you come around here A protester kneels on the neck of a statue The statue says “I can’t breathe”.. Nick Cave, White Elephant, 2021 Che missione difficile quella intrapresa da Lapo Gresleri col suo Body and Souls (Bietti, 2021): da una parte raccontare il presente della tormentata esperienza afroamericana, inteso in senso largo come commistione decennale di due periodi opposti ma, ognuno a suo modo, non risolutivi, come le presidenze Obama e Trump, e in senso puntiforme come l’ennesimo feroce risveglio delle coscienze all’indomani di quegli otto minuti di [...]
Body and Souls. Il corpo nero, #BlackLivesMatter e il cinema afrosurrealista
Body and Souls. Il corpo nero, #BlackLivesMatter e il cinema afrosurrealista. I tre pilastri del nuovo saggio di Lapo Gresleri sono già chiaramente evidenti nel sottotitolo. Ma di cosa parliamo quando parliamo di corpi neri, BLM e cinema black (afrosurrealista, in questo caso?). Parliamo di un filone artistico, cinematografico e culturale che lungi dall’essere di moda cerca di raccontare una condizione esistenziale e sociale unica nel suo genere. Come spiega bene Gresleri citando Du Bois, le anime, Souls, che incarnano sono costantemente spaccate dalla doppia coscienza africana e americana. Per quanto provino a entrare nel tessuto sociale statunitense, vengono sistematicamente respinte o costrette a plasmare parti di sé. E veniamo quindi a corpi, Bodies. Per introdurre [...]
Body and Souls. Il corpo nero, #BlackLivesMatter e il cinema afrosurrealista
Body And Souls. Il corpo nero, #BlackLivesMatter e il cinema afrosurrealista, il saggio di Lapo Gresleri uscito per Bietti Editore, analizza le derive del cinema black contemporaneo e, in particolare, il modo in cui, attraverso di esso, è stata raccontata l’America del #BlackLivesMatter, nel tentativo. Il saggio, annota l’autore nella prefazione, è anche il tentativo di portare l’attenzione su un cinema accolto spesso con superficialità ma sfaccettato e ricco di sfumature “di crescente rilievo, che per essere còlte e comprese necessitano di conoscenze non solo cinematografiche, ma anche storiche, culturali, sociali, relative alla questione afro-americana, dove il trait d’union segna [...]
Body and Souls. Il corpo nero, #BlackLivesMatter e il cinema afrosurrealista
Body and Souls è un saggio di critica cinematografica incentrato sul nuovo cinema afroamericano: una tendenza in forte crescita che riscuote sempre più successo, soprattutto capace di stimolare riflessioni innovative e mai banali sulle questioni razziali. Negli ultimi anni, le opere figlie del cinema afroamericano sono state ben accolte dalla critica di tutto il mondo e considerate di notevole spessore artistico. Il saggio, scritto da Lapo Gesleri e pubblicato dalla casa editrice Bietti, si focalizza sull’analisi e l’approfondimento di tre film in particolare, collocabili nel filone nel cinema afroamericano surrealista: Scappa - Get Out, Noi (entrambi di Jordan Peele) e Sorry to Bother You di Boots Riley. Il [...]
Se Rose gli facesse spazio, Jack si salverebbe? Finali alternativi di grandi film
"Se Rose gli facesse spazio, Jack si salverebbe?": sì, ma forse i protagonisti di Titanic invecchierebbero infelici, un po' come la stanca coppia dei coniugi Wheeler di Revolutionary Road. Almeno, nel libro d'esordio della savonese Hilary Tiscione, che ha immaginato i finali alternativi (non per forza lieti) di sei grandi film, "storie che vorremmo non finissero mai". Edito da Bietti per la collana Fotogrammi, curata da Ilaria Floreano, il saggio narrativo Se Rose gli facesse spazio, Jack si salverebbe? è stato presentato, per una coincidenza fortuita ("quella fortuna di cui parla Woody Allen in Match Point"), poche settimane fa, quando i produttori del kolossal di James [...]
L'arte invisibile del montaggio. Intervista a Valerio Bonelli
Bravo Valerio Bonelli, che se un personaggio piange troppo lo taglia. Chapeau. "Se un personaggio tende a piangere troppo, lo taglio di netto". Valerio Bonelli può farlo, lavora al cinema come montatore. Bravo, perché subito precisa: "Non è importante insistere sul suo sguardo bagnato di lacrime. L'importante è commuovere lo spettatore". Bravissimo, perché ha lavorato quasi un anno sulla docuserie "SanPa" diretta da Cosima Spender (sua moglie, figlia dello scultore Matthew Spender, a sua volta figlio del poeta Stephen Spender). In corso d'opera, le puntate da sei sono state ridotte a cinque, e i 19 intervistati sono stati ridotti a 15. Ottimo. [...]
Se Rose gli facesse spazio, Jack si salverebbe? Finali alternativi di grandi film
Ammettiamolo, è stata una delusione cocente. Tutti, guardando Titanic, abbiamo sognato che Jack-Leonardo DiCaprio potesse starci su quel benedetto legno accanto a Rose-Kate Winslet, e abbracciati si salvassero dal gelo. E invece il finale alternativo del film di James Cameron, diventato virale pochi giorni fa, è un papocchio ridicolo dove l’unica cosa che conta è l’inestimabile collana di Rose e l’avidità che suscita. Ma c’è chi quel finale lo ha riscritto diversamente, in un libro uscito per bizzarra coincidenza proprio mentre i social impazziscono per quella brutta versione ritrovata e si scatenano in commenti al vetriolo. Rose salva Jack, ma [...]
L'arte invisibile del montaggio. Intervista a Valerio Bonelli
È, senza rimpianti, “un cervello in fuga”. Valerio Bonelli, napoletano, 45 anni, ha lasciato l’Italia per Londra per studiare cinema, e a ventuno si è ritrovato nella sala di montaggio del Gladiatore di Ridley Scott, assistente del due volte premio Oscar Pietro Scalia. Un’esperienza volano per una carriera folgorante da montatore dei film di Stephen Frears e Joe Wright (sta lavorando al suo Cyrano). Ma a far parlare, di recente, è un documentario: SanPa, la serie Netflix su San Patrignano diretta da sua moglie Cosima Spender. Ne discuterà stasera alle 19 in diretta web sulla pagina Facebook di Bietti, la casa editrice [...]