ultime uscite

Un'estate invincibile. Sulla giovinezza
Mai cessiamo di essere giovani se ad accompagnarci è la fedeltà al destino che ci siamo dati, la capacità di stupirci e l’ebbrezza sempre rinnovata della prima volta. La giovinezza non ha niente a che fare con l’età anagrafica ma con il fuoco che ci si porta dentro. André Malraux l’ha chiamata il demone dell’assoluto, capace di portare il reale allo stato dell’immaginazione, di cogliere in quel che passa ciò che rimane. Non esce dalla gioventù chi nei suoi vent’anni vede una condizione dello spirito e non un’età biologica, da restaurare a suon di lifting e viagra con gran sprezzo [...]

Riviste / blog

François Ozon

François Ozon

Inland n. 2/2016
Il secondo numero di INLAND è il primo volume dedicato in Italia a François Ozon. Regista tra i generi, firma sfuggente all’etichetta d’autore, nei suoi film Ozon fa riverberare echi di Fassbinder e Hitchcock, Resnais e Bergman, Minnelli e Walt Disney: questi i referenti di una filmografia che abita con piglio sfacciato e annoiata nonchalance il mondo della cinefilia; di un cinema obliquo, libero, fluido, queer qui affrontato con passione, rilanciando e approfondendo il pensiero portato avanti negli anni dalla rivista Spietati.it.
Cos’hanno in comune Un mercoledì da leoni di Milius, Il trattato del ribelle di Jünger, il demone dell’assoluto di Malraux, Hermann Hesse e Novalis, Clint Eastwood e Stendhal? L’idea di una giovinezza diversa da quella biologica, fuoco inestinguibile che ci portiamo dentro, che arde in noi anche nelle fasi notturne della vita, maestra dello stupore come del disincanto. A raccontarci questa stagione, estetica e metafisica, è Riccardo Paradisi nel suo splendidoUn’estate invincibile, appena pubblicato da Bietti nella collana l’Archeometro. Un vademecum indispensabile per almeno tre generazioni (inclusa quella di chi scrive), un libro che è anzitutto uno specchio, capace di restituire un’immagine diversa [...]
Giovinezza, Giovinezza/Primavera di bellezza. Era l’inno più in voga tra i fascisti, che col mito della gioventù erano cresciuti. Mussolini, andato al potere nel 1922, fu allora il più giovane Presidente del Consiglio che l’Italia avesse mai avuto. All’indomani della marcia su Roma aveva infatti solo trentanove anni. La stessa età dell’attuale Presidente del Consiglio Matteo Renzi quando, nel 2014, mise piede a Palazzo Chigi. E in lui ritroviamo la medesima retorica giovanilistica che animò l’ex-duce d’Italia. Sarà forse un caso? La gioventù è una stagione della vita, lo sappiamo, ed è per molti la più bella. Peccato che però [...]

La nostra rete

Bietti @ Bookcity
            SABATO 24 OTTOBRE 10.30 Triennale di Milano (Spazio Agorà) EMMANUEL CARRÈRE. Uno scrittore al cinema Claudio Bartolini, Carlo Chatrian, Ilaria Floreano, Daniela Persico -- 15.30 Società [...]

video

vKlabe recensisce «La Seconda Guerra Civile Americana»

Booktrailer “La bottega delle illusioni”

Best seller

Il parto dei preti
In bilico tra poetico e drammaturgico, queste pagine aprono al lettore mondi allucinati e conturbanti, attraverso un'innovativa forma letteraria. Il [...]

Articoli piu' letti