ultime uscite

La conoscenza è un'avventura
Lucio Rossi, fisico di fama internazionale, rivive la propria carriera iniziando dalla sua entusiasmante esperienza a Milano per la realizzazione del primo ciclotrone superconduttore europeo. Esperienza che lo porta in seguito a lavorare al CERN e in particolare alla grande impresa dell’anello LHC, l’acceleratore che ha scoperto il misterioso bosone di Higgs e che continua ancora oggi a fornire dati fondamentali per comprendere l’essenza ultima della materia. Nel ripercorrere la propria avventura di scienziato, l’autore mostra che i piccoli passi verso la conoscenza, così come le grandi conquiste, non restano circoscritti a una ristretta élite di studiosi, ma hanno profonde [...]

Riviste / blog

Manetti Bros.

Manetti Bros.

Inland n. 14/2022
Febbraio 2020. Inland. Quaderni di cinema numero #13 va in stampa con una nuova veste. Brossura, dorso rigido, grammatura della copertina aumentata. Il numero è dedicato a William Lustig, alfiere newyorkese della celluloide brutta, sporca e cattiva. Sulla quarta di copertina, in basso a sinistra, squilla l’annuncio: “Nel prossimo numero: Manetti Bros.”. Quel “prossimo numero” è previsto a strettissimo giro, un paio di mesi e via. È già pronto, come del resto il Diabolik manettiano. Lustig-Manetti come un destro-sinitro pugilistico o, meglio, un double bill (o Bill, se preferite) dal sapore vintage. Cinema di generi, di genere e de-genere tra [...]
A quattordici anni dal suo debutto sugli scaffali, Kill Baby Kill! Il cinema di Mario Bava (Bietti, pagg. 420, euro 22) ritorna in libreria grazie a Bietti, arricchendo di nuovi e interessanti contributi la già vasta schiera di saggi e testimonianze che, citando i curatori del volume Gabriele Acerbo e Roberto Pisoni, "ci hanno aiutato a ricostruire il ritratto di un artista formidabile che non smetteremo mai di amare", come dimostra l'affettuosa presentazione di Joe Dante, secondo cui i film "affascinanti e unici" di Bava "sono una parte piccola, ma piuttosto importante della cultura italiana, e mi sorprende che non [...]
Artista poliedrico, innovatore eclettico ed effervescente simbolo della romanità più autentica, Gigi Proietti "sapeva recitare - da Shakespeare a Petrolini - cantare, ballare, suonare più di uno strumento e, soprattutto, sapeva stimolare la risata, quella a crepapelle", incarnando quel tipo di figura che noi chiamiamo "mattatore" e che gli americani definiscono "One Man Show". E il far comprendere al lettore quale straordinario uomo di spettacolo sia stato è l'obiettivo primario di L'ottavo colle di Roma. Gigi Proietti Uanmensciò (Bietti, pagg. 87, 4,99 euro), il nuovo lavoro di Alberto Pallotta. Il secondo, non meno importante, è sinceramente rendergli omaggio, in modo [...]

La nostra rete

video

Dio salvi la Regina! al TG 5

Kill Baby Kill! Il cinema di Mario Bava

Best seller

Articoli piu' letti