A che serve essere vivi. Tutto il teatro, volume 1

A che serve essere vivi. Tutto il teatro, volume 1

Giuseppe Fava
2014, pp. 657 A cura di: Massimiliano Scuriatti
«A che serve essere vivi, se non si ha il coraggio di lottare?». Attorno a questa domanda ruota la poetica esistenziale, prima ancora che artistica, di Giuseppe Fava, l’irriducibile visione di un uomo che non ha mai rinunciato ad agire per una società migliore. A trent’anni dalla scomparsa del giornalista, drammaturgo e scrittore siciliano assassinato da Cosa Nostra nel 1984, viene oggi pubblicato il primo volume della raccolta completa dei suoi testi teatrali, a cura di Massimiliano Scuriatti. Oltre a Cronaca di un uomo, La violenza, Il proboviro. Opera buffa sugli italiani, Bello, bellissimo! e altri lavori fondamentali, l’opera in tre volumi comprende anche una collezione di testi e documenti inediti. A completamento, un accurato apparato storico-critico, la biografia dell’autore, note introduttive e schede tecniche a ciascun testo, un inserto fotografico e interviste ad attori e altre personalità del mondo della cultura che, a vario titolo, hanno intrecciato rapporti professionali e di amicizia con Giuseppe Fava.
Cartaceo
ISBN: 9788882483111
€ 27

Testi affini

Io non sono leggenda
«Amante dell’Insolito e Scriba dei Miracoli» (come recitava il suo biglietto da visita), Jacques Bergier è un personaggio leggendario. Alcuni, [...]

Best seller

Autobiografia involontaria
Maurizio Nichetti è famoso come regista di Ratataplan, Ho fatto splash, Ladri di saponette, Volere volare, che sono stati visti [...]

Articoli più letti