Donato Dallavalle

riviste

Nella seconda metà del XVIII secolo, il naturalista inglese Gilbert White si dedicò allo studio degli animali notturni e in special modo del barbagianni, da sempre considerato un uccello del malaugurio, indifferente al mondo umano, capace di muoversi nel buio in perfetto silenzio. Succede, poi, che gridi improvvisamente, specialmente i maschi quando sono a caccia di prede femminili. L’identikit di un moderno serial killer, insomma. Anche in Deliria (1987) il maniaco con la maschera da barbagianni spunta dal buio, strappando e trafiggendo in silenzio, in un volo notturno folle e libero. Quando si pensa a Deliria torna alla mente la scena [...]
Tratto da Michele Soavi n 6/2018
Cosa sono i progetti irrealizzati di un artista? Sogni ricorrenti e tormentati? Gemme mitizzate cadute in fondo a un cassetto? Un cimitero nel quale riposano idee che avrebbero potuto diventare grandi opere? Il poeta Thomas Gray, nella sua Elegia scritta in un cimitero campestre, dice: «Più di un fiore si schiude all’universo/ per colorarsi non visto e disperdere/ vana fragranza nell’etere immoto». Allora, i film mai nati di un regista potrebbero essere come fiori effimeri e preziosi fatti avvizzire dai venti di prosaici problemi economici o di tematiche troppo precoci per i tempi. Fiori il cui profumo “disperso nell’etere”, forse, è [...]
Tratto da Aldo Lado n 9/2019
«Io credo che i generi abbiano delle loro regole da rispettare, ma, nello stesso tempo, quelle regole devono essere personalizzate». Rivedendo i più di 50, diversissimi, strani, talvolta anche sconclusionati film di Pupi Avati, ci si trova di fronte a un’impressione lampante: sono opere di un narratore autentico. Uno scrittore per immagini che cura con amore lo sviluppo narrativo spesso più di quello visuale, cercando di mischiare più generi e livelli per comunicare le proprie emozioni, le proprie vulnerabilità e creare un’empatia sincera con il singolo lettore/spettatore. È un cinema cangiante e vulnerabile, quello di Avati, perché vibrante e poetico, non per forza [...]
Tratto da Pupi Avati n 10/2019

Best seller

Autobiografia involontaria
Maurizio Nichetti è famoso come regista di Ratataplan, Ho fatto splash, Ladri di saponette, Volere volare, che sono stati visti [...]

Articoli più letti