Videocronenberg

Videocronenberg

Claudio Bartolini
2012, pp. 220

La cellula di Cronenberg, che sia Toronto, o una famiglia, o una coppia di gemelli siamesi, una mosca o un apparecchio televisivo, è sempre stata una cosmopoli infetta e virale in cui né scienza né tecnologia, né tantomeno umanità, possono sperare di fermare il contagio. Figuriamoci prevenirlo. Si può solo constatarlo, registrarlo, al limite studiarlo prima di venirne, tutti nessuno escluso, inevitabilmente stravolti. Mutati. Il virus di Cronenberg agisce in piena postmodernità, alla luce del sole e ormai immune alla farmacopea classica; è cioè il suo stesso cinema, pastiche di alto e di basso, coito fra tradizione e sperimentazione, che ne diventa, volontariamente e suo malgrado a un tempo, il veicolo primo e il rimedio ultimo. Anamnesi ed esito, inseparabili insieme.

Cartaceo
ISBN: 9788882482503
€ 19

Testi affini

Il nonno
L’alchimia dell’incontro tra due generazioni, in un silenzioso passaggio di testimone che ripete, di volta in volta, il prodigio di [...]
Vietato al padre
Barbara e Rodrigo, sorella e fratello, sono uniti da un vincolo magico in cui l’affetto trova nell’immaginazione e nella fantasia [...]

Best seller

Articoli più letti