Minima moralia. Per un'etica delle virtù

Minima moralia. Per un'etica delle virtù

Alain de Benoist
2017, pp. 130 Traduzione di: Giovanni Sessa

Non si è mai dato così tanto valore alla morale come da quando la morale ha perso ogni valore. In una società retta da utilitarismo e materialismo, risuonano continui richiami all’etica. Un paradosso solo apparente. Dall’ingresso nella modernità, la morale è stata fondata sul darwinismo o sull’utile, su precetti scientifici o religiosi, su astratti imperativi categorici o sommari buonismi – che però non riescono a frenare un immoralismo diffuso. Come sbrogliare la matassa? Come chiarire in modo convincente una morale che sembra sottrarsi a ogni definizione? In questo libro, il filosofo e politologo Alain de Benoist ripercorre e rilegge idee e personaggi, correnti e filosofie, portando il lettore a interrogarsi su uno dei paradossi più singolari del nostro tempo. Un agile breviario destinato all’uomo occidentale di oggi, sradicato e spaesato in una civiltà che ora gli volta le spalle.

Cartaceo
pp. 130
ISBN: 9788882483791
€ 14.00

Testi affini

Contro Rousseau
Giganti della filosofia moderna, Hume e Rousseau furono due pensatori agli antipodi. Da una parte il diplomatico, il pensatore politico [...]

Best seller

Stato civile. Un'autobiografia
Come il Mishima delle Confessioni di una maschera, prima di accedere alla maturità, Pierre Drieu La Rochelle avverte l’urgenza di chiudere [...]
Autobiografia involontaria
Maurizio Nichetti è famoso come regista di Ratataplan, Ho fatto splash, Ladri di saponette, Volere volare, che sono stati visti [...]

Articoli più letti