Cuore e acciaio. Le arti marziali al cinema

Cuore e acciaio. Le arti marziali al cinema

Mauro Gervasini
2019, pp. 160 Prefazione di: Tito Faraci

Sugata Sanshiro, i sette samurai e Bruce Lee, Jackie Chan, “Jason Bourne” e Kill Bill. Com’è cambiata la rappresentazione delle arti marziali al cinema dai primi film di samurai ai kung fu movie degli anni Settanta? Che ruolo hanno giocato i mutamenti dell’immaginario occidentale successivi all’attentato alle Torri Gemelle? Cosa c’entrano Tsukamoto Shin’ya, David Mamet, Johnnie To e Koreeda Hirokazu con l’etica delle arti marziali? In un momento in cui stili di combattimento come la capoeira brasiliana e il taekkyeon coreano (antenato del taekwondo) vengono inseriti nella lista Unesco dei “patrimoni orali e immateriali dell’umanità”, il libro traccia un percorso attraverso generi, film, attori e autori che delle discipline di lotta hanno saputo cogliere il valore storico e antropologico, non solo spettacolare. Non una guida e men che meno un dizionario, ma il tentativo di coniugare la consapevolezza derivata da pratica e studio delle arti marziali con una nuova idea del cinema d’azione.

Cartaceo
ISBN: 9788882484224
€ 18.00

Testi affini

Io non sono leggenda
«Amante dell’Insolito e Scriba dei Miracoli» (come recitava il suo biglietto da visita), Jacques Bergier è un personaggio leggendario. Alcuni, [...]

Best seller

Autobiografia involontaria
Maurizio Nichetti è famoso come regista di Ratataplan, Ho fatto splash, Ladri di saponette, Volere volare, che sono stati visti [...]

Articoli più letti