Edgar Reitz. Uno sguardo fatto di tempo

Edgar Reitz. Uno sguardo fatto di tempo

Barbara Rossi
2019, pp. 330 Prefazione di: Sergio Arecco

Sono passati trent’anni dalla caduta del Muro di Berlino e non poteva esserci occasione più giusta per pubblicare un libro su Edgar Reitz. Meglio: la monografia più completa, aggiornata e definitiva sul regista di Morbach, che la impreziosisce con un lungo e intenso contributo. Firmatario, nel 1962, del “Manifesto di Oberhausen” che ha dato il via alla nascita del Nuovo Cinema Tedesco, Reitz ne è stato uno dei massimi e più celebri esponenti insieme a Fassbinder, Herzog e Wenders. Noto a livello mondiale per il ciclo di Heimat, ha raccontato e tramandato alle giovani generazioni, in una sorta di sterminato archivio per immagini, le memorie dell’Europa e, soprattutto, della Germania novecentesca – dal processo di rimozione dell’Olocausto alle speranze legate alla caduta del Muro, passando per i fermenti artistici del Sessantotto – attraverso le vicende della famiglia Simon di Schabbach, immaginario villaggio della regione dell’Hunsrück, in cui Reitz è peraltro nato. «Il ricordare è un atto creativo. Noi costruiamo e formiamo la nostra vita o la nostra biografia attraverso una memoria sempre rinnovata. Questo rende ai miei occhi la memoria così degna di essere al centro di una narrazione cinematografica» (Edgar Reitz)

Cartaceo
ISBN: 9788882484255
€ 22.00

Testi affini

Carta da Visita
Poesia, storia, economia: ecco alcuni degli argomenti trattati fulmineamente da Ezra Pound in questo suo biglietto da visita, che offre [...]

Best seller

Autobiografia involontaria
Maurizio Nichetti è famoso come regista di Ratataplan, Ho fatto splash, Ladri di saponette, Volere volare, che sono stati visti [...]

Articoli più letti