Roberto Manassero

Roberto Manassero, critico cinematografico e giornalista, è selezionatore per il Torino Film Festival e collabora con FilmTV, Cineforum e Doppiozero. Tra le sue pubblicazioni: Hitchcock. Lo sguardo del desiderio (Ente dello spettacolo, 2008) e Il melodramma familiare hollywoodiano. Gli anni Cinquanta (Le Mani, 2011).
Paul Thomas Anderson. Frammenti di un discorso americano
Paul Thomas Anderson è considerato uno dei maestri del cinema contemporaneo. E i suoi film, da Boogie Nights a Magnolia, da Il petroliere a The Master (una delle ultime interpretazioni del compianto Philip Seymour Hoffman), raccontano radici culturali, padri padroni, fragili figli, vizi di forma e rare virtù dell’America, oggi. Capitalismo e religione, consumismo e paranoia, memoria e passione, utopie che si infrangono. Con il respiro del grande romanzo americano e l’urgenza di omaggiare e allo stesso tempo reinventare la lingua del cinema. Questa è l’opera di Anderson. Ovvero: di cosa parliamo quando parliamo di America. L’autore lo spiega con [...]
Cartaceo
ISBN: 9788882483371
€ 18.00
Ebook
ISBN: 9788882484125
€ 8.99

riviste

Storia di ragazzi e di ragazze arriva al termine di un decennio nel quale Pupi Avati, in collaborazione con il fratello Antonio, produttore e sceneggiatore, ha costruito una personale storia provinciale dell’Italia. Una gita scolastica (1983), Noi tre (1984), Festa di laurea (1985), e prima ancora Le strelle nel fosso (1979) e Aiutami a sognare (1981), compongono il quadro di un cinema malinconico e a suo modo rassicurante, immerso in un passato che del ricordo possiede l’intimità e l’ineluttabilità della perdita. Un cinema di «buone cose di pessimo gusto» (Gozzano), dalle coordinate spaziali precise legate ai luoghi d’infanzia del regista [...]
Tratto da Pupi Avati n 10/2019
In Sono pazzo di Iris Blond (1996) c’è una malinconia simile a quella che rendeva tragico e insieme bellissimo il fallimento di Danny Rose, l’agente teatrale che Allen interpretava nel suo Broadway Danny Rose (1984). Il musicista Romeo di Verdone, emigrato a Bruxelles, straniero ovunque si trovi, vive anch’egli per procura, non dietro le quinte di uno show ma al fondo della scena, accompagnando con il pianoforte o la tastiera chi ha il carisma per starvi al centro. Prima Marguerite, con il suo repertorio esistenzialista, poi Iris, sulla quale lo stesso Romeo cuce un immaginario anni Novanta tra gli Everything [...]
Tratto da Carlo Verdone n 12/2019

Best seller

Autobiografia involontaria
Maurizio Nichetti è famoso come regista di Ratataplan, Ho fatto splash, Ladri di saponette, Volere volare, che sono stati visti [...]

Articoli più letti