Suite francese e naumachia

Gianpiero Mattanza
Walt Disney – Il mago di Hollywood n. 10/2015
Suite francese e naumachia

Ci sono uomini il cui fascino storico precorre di molto la realtà cronachistica che ne descrive le gesta. Personalità così superiori ad ogni definizione da trascenderle tutte, non senza prima averle disintegrate. È il caso di Henry de Monfreid, avventuriero e scrittore francese vissuto tra Otto e Novecento, la biografia del quale, firmata dal poliedrico giornalista Stenio Solinas, è stata recentemente pubblicata da Neri Pozza. La vita del futuro “Diavolo del Mar Rosso” ha inizio in una cittadina costiera francese: figlio di Georges-Daniel, pittore che vorrebbe instradarlo ad una tiepida vita borghese, sin da giovanissimo mostra un carattere inquieto ed avventuroso, che lo conduce a scegliere il mare come palcoscenico della propria esistenza. Quale professione avrebbe mai preferito? «Marinaio. Il mare ha sempre esercitato su di me un effetto magico, come un serpente che mi affascina e mi attira» (p. 66). Le avventure di Henry de Monfreid iniziano ufficialmente nel 1911, quando s’improvvisa commerciante di caffè a Gibuti, una delle colonie francesi in Africa. In realtà, la vita del mercante “tradizionale”, così com’è, lo attrae poco. Già nel 1913, infatti, inizia a gestire un traffico di armi tra Gibuti, l’Etiopia ed il Corno d’Africa, che lo porta più di una volta a toccare con mano la dura vita del carcere. Ciò che lo muove, sottolinea Solinas, non è la sete di denaro – che vede come semplice mezzo per raggiungere l’indipendenza – quanto il desiderio di infrangere ogni convenzione borghese, di fuggire dalla schiavitù di qualche squallido lavoro “normale” che l’avrebbe portato a diventare un animale domestico. La vita del «cane sciolto» comporta «dei rischi, ma è diabolicamente appassionante e questa esistenza di imprevisti è assolutamente necessaria alla mia ragione di vivere. Se dovessi figurarmi di nuovo nel ruolo di un qualsiasi signore delle nostre città moderne, sarebbe la morte» (p. 77). Sorta di novello Rimbaud che, contrariamente a quest’ultimo, prima si rende protagonista d’infinite avventure e poi le racconta nei suoi (settanta) libri, de Monfreid vive gli anni più turbolenti del colonialismo occidentale in Africa. Anni che comprendono anche la creazione dell’“Impero” italiano, nutrito dalla retorica fascista e tenuto in piedi tra intrighi e faide tribali: tra commercio legale e contrabbando, il Nostro ha anche il tempo di fare da spia per gli italiani in funzione anti-inglese, venendo addirittura descritto come «commesso viaggiatore del fascismo». Attività che gli permette di fare il reporter di guerra, ma che nel 1942 gli procura l’ennesimo arresto, questa volta per mano inglese, con l’accusa – naturalmente – di spionaggio. Altra attività praticata in questo periodo è il traffico di hashish, venduto soprattutto agli egiziani, che oltre a vari altri arresti gli induce ponderosi introiti. Ammirato dagli italiani, disprezzato dai francesi – che lo vedono come un imboscato e un criminale – e odiato dagli inglesi, Henry non ha alleati a parte il mare, nei cui confronti «è fatalista, è l’unica entità che veramente rispetti, la sola cui riconosca quel diritto di vita e di morte che emana dalla sovrana indifferenza per il genere umano» (p. 70). Nel 1947 Abd el-Hay (cioè il Nostro con il suo nome islamico, assunto dopo la conversione in Africa) torna in Francia: qui, nel 1974, conclude la propria parabola esistenziale, all’età di novantacinque anni. Il corsaro nero è, in poche parole, una biografia scritta utilizzando gli stilemi della prosa narrativa, che descrive una vita già di per sé più che “romanzesca”. Da leggere. Stenio Solinas, Il corsaro nero. Henry de Monfreid l’ultimo avventuriero, Neri Pozza, Vicenza 2015, pp. 252, € 17,00.

[Vai all'indice]

Scarica il pdf

Ultime uscite

François Ozon

François Ozon

Inland n. 2/2016
Il secondo numero di INLAND è il primo volume dedicato in Italia a François Ozon. Regista tra i generi, firma sfuggente all’etichetta d’autore, nei suoi film Ozon fa riverberare echi [...]
Aldo Lado

Aldo Lado

Inland n. 9/2019
Quello che stringete tra le mani è il numero più complesso, stratificato, polisemantico del nostro – vostro – INLAND. Quaderni di cinema. Lo è innanzitutto grazie al parco autori, mai [...]
Dino Buzzati - Nostro fantastico quotidiano
Vi sono autori, come disse una volta Conan Doyle, che «hanno varcato una porta magica». Tra questi spicca Dino Buzzati, che ha condotto il fantastico nel cuore pulsante della materia. [...]
Jorge Luis Borges - Il Bibliotecario di Babele
Jorge Luis Borges è un autore oceanico, un crocevia di esperienze, storie, civiltà e piani dell’essere, un caleido­scopio nel quale il passato si fa futuro e il futuro si rispecchia [...]
Antonio Bido

Antonio Bido

Inland n. 11/2019
Girata la boa del decimo numero, INLAND. Quaderni di cinema compie altri due significativi passi in avanti. Innanzitutto ottiene il passaporto. A rilasciarlo è stato il Paradies Film Festival di Jena [...]
Carlo & Enrico Vanzina

Carlo & Enrico Vanzina

Inland n. 7/2018
INLAND. Quaderni di cinema numero #7 nasce nell’ormai lontano dicembre 2017, in un bar di Milano dove, di fronte al sottoscritto, siede Rocco Moccagatta, firma di punta di tutto quel [...]
Lav Diaz

Lav Diaz

Inland n. 3/2017
È da tempo che noi di INLAND pensiamo a una monografia dedicata a Lav Diaz. Doveva essere il numero #1, l’avevamo poi annunciato come #2, l’abbiamo rimandato in entrambe le [...]
Lune d'Acciaio - I miti della fantascienza
Considerata da un punto di vista non solo letterario, la fantascienza può assumere oggi la funzione un tempo ricoperta dai miti. I viaggi nello spazio profondo, le avventure in galassie [...]
Rob Zombie

Rob Zombie

Inland n. 1/2015
Con la parola inland si intende letteralmente ciò che è all’interno. Nel suo capolavoro INLAND EMPIRE, David Lynch ha esteso la semantica terminologica a una dimensione più concettuale, espansa e [...]
Sergio Martino

Sergio Martino

Inland n. 5/2017
Giunto al quinto numero, INLAND. Quaderni di cinema affronta uno snodo cruciale, fatto di significative ed emblematiche svolte che segnano uno scarto, un’apertura rispetto alla precedente linea editoriale. Innanzitutto la scelta del [...]
Rob Zombie Reloaded

Rob Zombie Reloaded

Inland n. 8/2019
Giunto all’ottavo fascicolo, INLAND. Quaderni di cinema riavvolge per un attimo la pellicola della sua breve ma significativa storia, tornando a percorrere i passi compiuti nel 2015 quando aveva aperto [...]
America! America? - Sguardi sull'Impero antimoderno
L’impero statunitense ha sempre generato nella cultura italiana reazioni contrastanti, che spaziano da un’esaltazione semi-isterica a una condanna a priori, altrettanto paranoica. Sembra sia pressoché impossibile, per chi si confronta [...]
Walt Disney - Il mago di Hollywood
«Credo che dopo una tempesta venga l’arcobaleno: che la tempesta sia il prezzo dell’arcobaleno. La gente ha bisogno dell’arcobaleno e ne ho bisogno anch’io, e perciò glielo do». Solo un [...]
4-4-2 - Calciatori, tifosi, uomini
Nel calcio s’intrecciano oggi le linee di forza del nostro tempo; talvolta vi si palesano le sue fratture, i suoi non-detti. Ecco perché il quattordicesimo fascicolo di «Antarès» è dedicato [...]
Nicolas Winding Refn

Nicolas Winding Refn

Inland n. 4/2017
Perché Nicolas Winding Refn? La risposta è semplice: perché, piaccia o no, è un autore che, più di altri, oggi ha qualcosa da dire. Sebbene sempre più distante dalle logiche [...]
Michele Soavi

Michele Soavi

Inland n. 6/2018
Il nuovo corso di INLAND. Quaderni di cinema, inaugurato dal numero #5, dedicato a Sergio Martino, è contraddistinto da aperture al cinema italiano, al passato, a trattazioni che possano anche [...]

Ultimi post dal blog

“L’opera di Spike Lee ha molto da dirci e tutti possiamo impararvi qualcosa, almeno a guardare oltre l’apparenza”. Da sempre li chiama “joint” i suoi film, Spike Lee: termine di uso comune nel linguaggio americano per la sigaretta di hashish o marijuana, la “canna” diremmo noi, al punto che nei suoi titoli di testa appare sempre con fierezza la scritta “A Spike Lee Joint”. Ma il joint di Spike Lee non c’entra nulla con tutto questo, egli ha da sempre ripudiato l’uso di qualsiasi droga, va bensì inteso come “comune”, un’unione di forze che non riguarda solo il regista ma tutta [...]
Spike Lee, il regista afroamericano di film cult come Fa' la cosa giusta, Malcolm X e La 25a ora (primo film girato a New York dopo l'11 settembre), è autore dall’ironia caustica e intelligente: il suo cinema dall’andamento altalenante, che alterna grandi successi ad altrettante clamorose rovine, è in grado di osservare come pochi altri la complessa società americana, attraversata da conflitti, contraddizioni, pregiudizi, questioni razziali e di gender. L’ultima fatica di Spike Lee, BlacKkKlansman, è stata osannata da pubblico e critica, ricevendo il Gran Prix Speciale della Giuria a Cannes 2018 e il Premio del Pubblico al Festival di [...]