Misticismo felino

Giuseppe Aguanno
Jorge Luis Borges – Il Bibliotecario di Babele n. 12/2017
Misticismo felino

«Il gatto è per colui che fa le cose non per vuoto senso del dovere ma per il pro­prio piacere, splendore, forza, fantasia e fascino – per l’arpista che solo nella notte canta di antiche battaglie, o per il guerrie­ro che va a combattere simili battaglie per la bellezza, la gloria, la fama e lo splendore di una corte reale sulla quale non si proiet­ta ombra di debolezza o di democrazia.» Con queste rapide pennellate letterarie, nel saggio Gatti e cani Howard Phillips Lovecraft traccia, con la consueta mae­stria, un ritratto degli spiriti affini al gatto, affini perché in loro si riverberano i tratti fondamentali dell’aristocratica creatura cui è dedicato Il libro dei gatti immaginari, appena uscito per Jouvence. Ideata e cu­rata da Gianfranco de Turris, l’antologia raccoglie venticinque racconti di autori italiani il cui protagonista assoluto (o qua­si) è sempre l’amato felino. I generi lette­rari affrontati sono i più vari: si va dal noir all’horror, sino al fantastico, senza trala­sciare il racconto realista, le ambientazioni storiche o i toni umoristici.

Ad accompa­gnare ogni storia troviamo un’illustrazio­ne di Dalmazio Frau, pittore e narratore romano da sempre vicino alla letteratura dell’immaginario. Ci introducono in que­sto viaggio una presentazione di Marina Alberghini, scrittrice e pittrice fiorentina (nonché Presidente dell’Accademia dei Gatti Magici!), e un’approfondita intro­duzione del curatore, nella quale vengono esposti i criteri alla base della scelta degli autori e degli argomenti. In appendice, il saggio di Lovecraft citato in apertura, un inno all’ailurofilia più autentica, stilato tra l’altro con un certo senso dell’umorismo che, a differenza di quanto vorrebbero gli stereotipi diffusi sullo scrittore, non man­cava affatto al Solitario di Providence.

Tra gli autori troviamo nomi noti e meno noti nella scena fantastica (ma non solo) italia­na, uniti nel raccontare, ognuno in base al proprio stile, storie in cui l’amico felino mostra di volta in volta i propri aspetti più romantici o inquietanti, affettuosi o mi­steriosi. La cornice entro cui si muovono i protagonisti a quattro zampe mette in risalto l’aura di misticismo che da sempre li circonda, causa prima del rispetto tribu­tatogli dai popoli antichi più illuminati e nel contempo motivo della diffidenza su­scitata nelle civiltà occidentali nei momen­ti in cui s’approssimava la barbarie.

Dalle storie emerge chiaramente un elemento comune nelle raffigurazioni tratteggiate del nobile animale (un alcunché di cui gli amanti dei gatti hanno coscienza): esso sa. Conosce qualcosa di cui noialtri non abbiamo nozione perché il suo sguardo va­lica strane dimensioni e la sua essenza può spingersi oltre il comune “vivere” esperito dai sensi terreni. In altre parole, i felidae in questione sono, per dirla con Lovecraft, i «Guardiani della Soglia». Ciò di cui si parla è un’entità mezzana, ineffabile; con ogni felpata movenza rivendica lo stato di creatura quasi sovrannaturale, a metà fra il mondo della veglia e universi remoti, ma lo fa con eleganza e discrezione: per l’innato senso di decoro proprio del vero aristocra­tico, si astiene dal mettere in minoranza il padrone – definito tale solo per convenzio­ne – pur avendo i mezzi per farlo; sarebbe una caduta di stile imperdonabile… Ed è con tale consapevolezza che occorre ap­procciarsi a quest’antologia, una lettura senz’altro coinvolgente per gli amanti dei felini, ma che ha tutte le carte in regola per arrivare a un pubblico più ampio, grazie alla qualità dei testi proposti.

Aa.Vv., Il libro dei gatti immaginari, a cura di Gianfranco de Turris, Jouvence, Milano 2016, pp. 392, € 24.

[Vai all'indice]

Scarica il pdf

Ultime uscite

François Ozon

François Ozon

Inland n. 2/2016
Il secondo numero di INLAND è il primo volume dedicato in Italia a François Ozon. Regista tra i generi, firma sfuggente all’etichetta d’autore, nei suoi film Ozon fa riverberare echi [...]
Aldo Lado

Aldo Lado

Inland n. 9/2019
Quello che stringete tra le mani è il numero più complesso, stratificato, polisemantico del nostro – vostro – INLAND. Quaderni di cinema. Lo è innanzitutto grazie al parco autori, mai [...]
Dino Buzzati - Nostro fantastico quotidiano
Vi sono autori, come disse una volta Conan Doyle, che «hanno varcato una porta magica». Tra questi spicca Dino Buzzati, che ha condotto il fantastico nel cuore pulsante della materia. [...]
Jorge Luis Borges - Il Bibliotecario di Babele
Jorge Luis Borges è un autore oceanico, un crocevia di esperienze, storie, civiltà e piani dell’essere, un caleido­scopio nel quale il passato si fa futuro e il futuro si rispecchia [...]
Antonio Bido

Antonio Bido

Inland n. 11/2019
Girata la boa del decimo numero, INLAND. Quaderni di cinema compie altri due significativi passi in avanti. Innanzitutto ottiene il passaporto. A rilasciarlo è stato il Paradies Film Festival di Jena [...]
Carlo & Enrico Vanzina

Carlo & Enrico Vanzina

Inland n. 7/2018
INLAND. Quaderni di cinema numero #7 nasce nell’ormai lontano dicembre 2017, in un bar di Milano dove, di fronte al sottoscritto, siede Rocco Moccagatta, firma di punta di tutto quel [...]
Lav Diaz

Lav Diaz

Inland n. 3/2017
È da tempo che noi di INLAND pensiamo a una monografia dedicata a Lav Diaz. Doveva essere il numero #1, l’avevamo poi annunciato come #2, l’abbiamo rimandato in entrambe le [...]
Lune d'Acciaio - I miti della fantascienza
Considerata da un punto di vista non solo letterario, la fantascienza può assumere oggi la funzione un tempo ricoperta dai miti. I viaggi nello spazio profondo, le avventure in galassie [...]
Rob Zombie

Rob Zombie

Inland n. 1/2015
Con la parola inland si intende letteralmente ciò che è all’interno. Nel suo capolavoro INLAND EMPIRE, David Lynch ha esteso la semantica terminologica a una dimensione più concettuale, espansa e [...]
Sergio Martino

Sergio Martino

Inland n. 5/2017
Giunto al quinto numero, INLAND. Quaderni di cinema affronta uno snodo cruciale, fatto di significative ed emblematiche svolte che segnano uno scarto, un’apertura rispetto alla precedente linea editoriale. Innanzitutto la scelta del [...]
Carlo Verdone

Carlo Verdone

Inland n. 12/2019
"Vi ho chiesto di mettere la mia moto Honda Nighthawk in copertina perché su quella moto c'è passato il cinema italiano. Su quella moto io sono andato e tornato da [...]
Rob Zombie Reloaded

Rob Zombie Reloaded

Inland n. 8/2019
Giunto all’ottavo fascicolo, INLAND. Quaderni di cinema riavvolge per un attimo la pellicola della sua breve ma significativa storia, tornando a percorrere i passi compiuti nel 2015 quando aveva aperto [...]
America! America? - Sguardi sull'Impero antimoderno
L’impero statunitense ha sempre generato nella cultura italiana reazioni contrastanti, che spaziano da un’esaltazione semi-isterica a una condanna a priori, altrettanto paranoica. Sembra sia pressoché impossibile, per chi si confronta [...]
Walt Disney - Il mago di Hollywood
«Credo che dopo una tempesta venga l’arcobaleno: che la tempesta sia il prezzo dell’arcobaleno. La gente ha bisogno dell’arcobaleno e ne ho bisogno anch’io, e perciò glielo do». Solo un [...]
4-4-2 - Calciatori, tifosi, uomini
Nel calcio s’intrecciano oggi le linee di forza del nostro tempo; talvolta vi si palesano le sue fratture, i suoi non-detti. Ecco perché il quattordicesimo fascicolo di «Antarès» è dedicato [...]
Nicolas Winding Refn

Nicolas Winding Refn

Inland n. 4/2017
Perché Nicolas Winding Refn? La risposta è semplice: perché, piaccia o no, è un autore che, più di altri, oggi ha qualcosa da dire. Sebbene sempre più distante dalle logiche [...]
Michele Soavi

Michele Soavi

Inland n. 6/2018
Il nuovo corso di INLAND. Quaderni di cinema, inaugurato dal numero #5, dedicato a Sergio Martino, è contraddistinto da aperture al cinema italiano, al passato, a trattazioni che possano anche [...]

Ultimi post dal blog

In occasione del compleanno di Matthew MacFadyen (Great Yarmouth, 17 ottobre 1974), indimenticato Mr Darcy e Oblonsky rispettivamente in Orgoglio e pregiudizio e Anna Karenina di Joe Wright, vi proponiamo il montaggio dedicato alla cinematografia del regista britannico dalla co-curatrice di Bietti Heterotopia per promuovere il suo numero #30: "Joe Wright. La danza dell'immaginazione, da Jane Austen a Winston Churchill" di Elisa Torsiello, con prefazione del premio Oscar Dario Marianelli e postfazione del direttore della fotografia Seamus McGarvey. [embed]https://youtu.be/Ug5MtNLGAUs[/embed]    
11 Settembre 2001. Sembra quasi superfluo sottolineare come questa data, col suo carico di orrore e violenza, abbia sconvolto per sempre la società occidentale del XXI secolo. La morte di migliaia di persone, che tutti hanno potuto vedere in diretta televisiva, ha avuto un impatto psicologico di portata mondiale. Così come lo hanno avuto tutti gli eventi che ne sono seguiti: le guerre in Iraq e Afghanistan, la scoperta delle torture nel carcere di Abu Graib, la recrudescenza della xenofobia, la grande crisi economica. Una cicatrice che ancora oggi segna profondamente l’Occidente E il cinema, che si rapporta sempre alla società [...]