"La stella nel parco". Metti un guardaboschi in Val d’Ayas

Massimiliano Martiradonna
Aldo Lado n. 9/2019

Sceneggiato dalla struttura tradizionale: 12 puntate (anche se alcune fonti, tra cui l’ADN Kronos dell’epoca, ne riportano 13) della durata di circa 90 minuti ciascuna, girate tra il 1988 e il 1989, prodotte e trasmesse da Rai2 in seconda serata, al sabato, a partire dal 22 giugno del 1991. L’orario e il periodo di programmazione, in principio d’estate, indicano chiaramente che la rete non ha grande fiducia nel prodotto in termini di potenzialità di ascolti e indice di gradimento. Ciò contrasta con le risorse messe in campo, dal casting – top players quali Ray Lovelock e Stefania Sandrelli, la giovane promessa Kim Rossi Stuart – alla colonna sonora firmata da Pino Donaggio, fino alla location. La stella nel parco è infatti girato all’interno del Parco Nazionale del Monte Rosa, località Val d’Ayas, ed è definito come “progetto ecologico”, oltreché prodotto di intrattenimento televisivo. Narra infatti le avventure di un tenente del corpo forestale, eroe senza macchia e senza paura, che difende la moglie e la (madre)natura dalle insidie di cacciatori di frodo o criminali affini, accomunati dallo spregio della legge e dell’ambiente. Lado si diverte a fare dello sceneggiato una sorta di action outdoor di montagna, inscenando inseguimenti in canoa, sparatorie, duelli nei boschi, salvataggi tarzaniani. Questa scelta, forse troppo avanguardista per il paludato, verboso, sedativo palinsesto Rai, gli vale le aspre critiche di Beniamino Placido, critico televisivo per mancanza di prove, che su «La Repubblica» lo accusa di scarsa propensione a un non meglio precisato realismo («Un altro capitoletto da aggiungere al nefasto capitolo letterario dell’Arcadia», sentenzia).

 

CAST & CREDITS

Regia: Aldo Lado; soggetto: Alfredo Vercellin; sceneggiatura: Gianbattista Avellino, Aldo Lado, Luigi Spagnol, Mario Angelo Parchia; interpreti: Ray Lovelock, Stefania Sandrelli, Fabio Franchey, Francesca Neri, Giampiero Albertini, Kim Rossi Stuart, José Quaglio; produzione: Rever Cinematografica, RAI; origine: Italia, 1991; durata: 12 episodi da 90’; format: serie televisiva; prima messa in onda: dal 22 giugno al 26 ottobre 1991, Rai2; home video: vhs inedita, dvd inedito, Blu-ray inedito; colonna sonora: inedita.

 

[Vai all'indice]

Scarica il pdf

Ultime uscite

François Ozon

François Ozon

Inland n. 2/2016
Il secondo numero di INLAND è il primo volume dedicato in Italia a François Ozon. Regista tra i generi, firma sfuggente all’etichetta d’autore, nei suoi film Ozon fa riverberare echi [...]
Aldo Lado

Aldo Lado

Inland n. 9/2019
Quello che stringete tra le mani è il numero più complesso, stratificato, polisemantico del nostro – vostro – INLAND. Quaderni di cinema. Lo è innanzitutto grazie al parco autori, mai [...]
Dino Buzzati - Nostro fantastico quotidiano
Vi sono autori, come disse una volta Conan Doyle, che «hanno varcato una porta magica». Tra questi spicca Dino Buzzati, che ha condotto il fantastico nel cuore pulsante della materia. [...]
Jorge Luis Borges - Il Bibliotecario di Babele
Jorge Luis Borges è un autore oceanico, un crocevia di esperienze, storie, civiltà e piani dell’essere, un caleido­scopio nel quale il passato si fa futuro e il futuro si rispecchia [...]
Carlo & Enrico Vanzina

Carlo & Enrico Vanzina

Inland n. 7/2018
INLAND. Quaderni di cinema numero #7 nasce nell’ormai lontano dicembre 2017, in un bar di Milano dove, di fronte al sottoscritto, siede Rocco Moccagatta, firma di punta di tutto quel [...]
Lav Diaz

Lav Diaz

Inland n. 3/2017
È da tempo che noi di INLAND pensiamo a una monografia dedicata a Lav Diaz. Doveva essere il numero #1, l’avevamo poi annunciato come #2, l’abbiamo rimandato in entrambe le [...]
Lune d'Acciaio - I miti della fantascienza
Considerata da un punto di vista non solo letterario, la fantascienza può assumere oggi la funzione un tempo ricoperta dai miti. I viaggi nello spazio profondo, le avventure in galassie [...]
Rob Zombie

Rob Zombie

Inland n. 1/2015
Con la parola inland si intende letteralmente ciò che è all’interno. Nel suo capolavoro INLAND EMPIRE, David Lynch ha esteso la semantica terminologica a una dimensione più concettuale, espansa e [...]
Sergio Martino

Sergio Martino

Inland n. 5/2017
Giunto al quinto numero, INLAND. Quaderni di cinema affronta uno snodo cruciale, fatto di significative ed emblematiche svolte che segnano uno scarto, un’apertura rispetto alla precedente linea editoriale. Innanzitutto la scelta del [...]
Rob Zombie Reloaded

Rob Zombie Reloaded

Inland n. 8/2019
Giunto all’ottavo fascicolo, INLAND. Quaderni di cinema riavvolge per un attimo la pellicola della sua breve ma significativa storia, tornando a percorrere i passi compiuti nel 2015 quando aveva aperto [...]
America! America? - Sguardi sull'Impero antimoderno
L’impero statunitense ha sempre generato nella cultura italiana reazioni contrastanti, che spaziano da un’esaltazione semi-isterica a una condanna a priori, altrettanto paranoica. Sembra sia pressoché impossibile, per chi si confronta [...]
Walt Disney - Il mago di Hollywood
«Credo che dopo una tempesta venga l’arcobaleno: che la tempesta sia il prezzo dell’arcobaleno. La gente ha bisogno dell’arcobaleno e ne ho bisogno anch’io, e perciò glielo do». Solo un [...]
4-4-2 - Calciatori, tifosi, uomini
Nel calcio s’intrecciano oggi le linee di forza del nostro tempo; talvolta vi si palesano le sue fratture, i suoi non-detti. Ecco perché il quattordicesimo fascicolo di «Antarès» è dedicato [...]
Nicolas Winding Refn

Nicolas Winding Refn

Inland n. 4/2017
Perché Nicolas Winding Refn? La risposta è semplice: perché, piaccia o no, è un autore che, più di altri, oggi ha qualcosa da dire. Sebbene sempre più distante dalle logiche [...]
Michele Soavi

Michele Soavi

Inland n. 6/2018
Il nuovo corso di INLAND. Quaderni di cinema, inaugurato dal numero #5, dedicato a Sergio Martino, è contraddistinto da aperture al cinema italiano, al passato, a trattazioni che possano anche [...]

Ultimi post dal blog

“L’opera di Spike Lee ha molto da dirci e tutti possiamo impararvi qualcosa, almeno a guardare oltre l’apparenza”. Da sempre li chiama “joint” i suoi film, Spike Lee: termine di uso comune nel linguaggio americano per la sigaretta di hashish o marijuana, la “canna” diremmo noi, al punto che nei suoi titoli di testa appare sempre con fierezza la scritta “A Spike Lee Joint”. Ma il joint di Spike Lee non c’entra nulla con tutto questo, egli ha da sempre ripudiato l’uso di qualsiasi droga, va bensì inteso come “comune”, un’unione di forze che non riguarda solo il regista ma tutta [...]
Spike Lee, il regista afroamericano di film cult come Fa' la cosa giusta, Malcolm X e La 25a ora (primo film girato a New York dopo l'11 settembre), è autore dall’ironia caustica e intelligente: il suo cinema dall’andamento altalenante, che alterna grandi successi ad altrettante clamorose rovine, è in grado di osservare come pochi altri la complessa società americana, attraversata da conflitti, contraddizioni, pregiudizi, questioni razziali e di gender. L’ultima fatica di Spike Lee, BlacKkKlansman, è stata osannata da pubblico e critica, ricevendo il Gran Prix Speciale della Giuria a Cannes 2018 e il Premio del Pubblico al Festival di [...]