Barbadillo: «L’agonia dell’Occidente, un carteggio inedito di Emil Cioran»

Emil Cioran
2015-04-14 14:52:37
Barbadillo: «L’agonia dell’Occidente, un carteggio inedito di Emil Cioran»

Sono di recente pubblicazione per i tipi di Bietti le lettere di Emil Cioran a Wolfgang Kraus, dal significativo titolo L’agonia dell’Occidente. Articolato in centocinquantotto missive, lo scambio epistolare si svolge fra il 1971 e il 1990: sono anni cruciali non solo per l’Europa post-1945 ma anche per il filosofo romeno, che assiste inerme alla decadenza di un Occidente spezzato in due blocchi contrapposti e al proprio declino fisico (si spegnerà, infatti, il 20 giugno del 1995, nella clinica Broca di Parigi).

Dopo essersi stabilito definitivamente a Parigi, Cioran guarda da straniero non solo la città in cui vive ma anche il proprio Paese, percepito da lontano e senza più alcuna speranza di cambiamento. Vaporizzato il sogno giovanile di una trasfigurazione della Romania, era approdato a uno scetticismo radicale, mantenendo un disincanto assoluto di fronte al suicidio dell’Occidente e scegliendo come patria adottiva la Francia.

Cioran faceva parte di quella “giovane generazione” (il cui maestro era stato il filosofo Nae Ionescu), la quale – come sostenuto da Mircea Eliade – si era liberata dal grande ideale dei propri padri e anelava a donare alla Romania un posto privilegiato nella cultura europea. Eppure, dopo i macelli della Seconda Guerra Mondiale e della dittatura comunista, questa generazione si era trovata in esilio – oltre a Cioran, anche Eugène Ionesco, Vintila Horia, Gherasim Luca e lo stesso Eliade scelsero di lasciare la propria patria e di abbandonare la lingua madre. Un abbandono assai sofferto, come scrisse Cioran a Kraus il 29 maggio 1976: «Sono diventato uno sradicato, soprattutto perché ho rinunciato alla mia lingua madre. Che significato avrebbe l’Austria per lei, se abbandonasse la lingua tedesca?».

Agli occhi del filosofo romeno, nemmeno la caduta di Ceauşescu può mutare le sorti del Paese. Nell’ultima missiva a Kraus, datata 27 ottobre 1990, Cioran è consapevole che il cambiamento in atto con il rovesciamento della dittatura è solo apparente: «Gli avvenimenti in Romania mi hanno entusiasmato all’inizio, ora non più. In quel Paese tutto è naufragato. È la sua unica originalità». Parole che si riveleranno essere profetiche.

In queste lettere, Cioran guarda con disincanto allo sfacelo di un’Europa – nella quale «essere romeni è una maledizione» – incapace di rinascere dalle proprie ceneri, schiacciata dal dominio di due giganti, a Est e a Ovest, dai piedi di argilla. È un lucido diagnosta del proprio tempo a emergere da queste pagine, talvolta drammatiche, che solcano la storia e commentano in diretta quegli anni decisivi: il processo di disgregazione dell’Unione Sovietica, l’incapacità americana di gestire la situazione internazionale, l’espansione dei popoli arabi – «Posso azzardare una profezia? Tra cinquant’anni Notre Dame sarà una moschea». Tutto questo impedisce all’Europa di riacquisire un’identità e di riprendere possesso delle proprie sorti: «Non c’è salvezza per una civilizzazione che non crede più in se stessa». L’esito finale, tuttavia, non esclude che «ogni inconveniente nella vita comporta dei vantaggi sul piano spirituale».

Massimo Carloni, nella sua introduzione, coglie perfettamente quella predilezione per i vinti che traspare dalle parole del filosofo: «Da amatore delle decadenze Cioran sviluppò negli anni un’affinità elettiva per le civiltà al tramonto d’ogni epoca e latitudine, diventando insomma un “poeta delle cose ultime”, un implacabile clinico di quella malattia che affossava l’Occidente».

Una sincope che corre parallela al suo declino fisico, che lo porterà alle tenebre dell’oblio, definite «conseguenze della mia visione del mondo». Per chi viva profondamente la via del pensiero, come fece Cioran, non può esistere scissione alcuna fra filosofia e destino. Prenderà infine la decisione di non leggere più e smetterà anche di scrivere. In una delle ultime missive, datata 18 novembre 1989, confessa a Kraus: «Come sa, ho smesso di fare lo scrittore. Saggezza o stanchezza? Entrambe. Invano è la mia parola preferita».

Accompagnato da una selezione dei diari di Wolfgang Kraus riguardanti Cioran e da altre lettere inedite, quello edito da Bietti, anche grazie alla cura con cui è stato trattato, è un volume imprescindibile per tutti i lettori di Cioran, essendo anche il più consistente carteggio del filosofo romeno sino a oggi pubblicato in Italia.

 

(Rita Catania Marrone, «Barbadillo», 12 agosto 2014)

Ultimi post dal blog

Per anni paragonata (al ribasso) con i "rivali" della Pixar, la DreamWorks Animation SKG ha segnato in modo significativo la storia del cinema d'animazione, sotto l'egida dei fondatori Steven Spielberg, Jeffrey Katzenberg e David Geffen. Con film e saghe di forte impatto e straordinario successo di pubblico quali Shrek, Kung Fu Panda e Madagascar, solo per citare i titoli più celebri, ha creato un modello e un immaginario visivo e narrativo di forte riconoscibilità. Questo a dispetto dei già citati (e inutili) confronti con la concorrenza, che come conseguenza hanno prodotto una sottovalutazione dei film in questione e una scarsità assoluta di studi e pubblicazioni, almeno in [...]
Per la prima volta in Italia c’è un libro sulla DreamWorks. Scritto da Simone Soranna e Matteo Mazza, “DreamWorks Animation – Il lato chiaro della luna” (Bietti Heterotopia) è un viaggio affascinante che restituisce lustro a una casa di produzione sottovalutata.  In un panorama dove tanto si è detto e scritto su Pixar, ma anche su Studio Ghibli, quello su DreamWorks diviene un libro necessario perché affronta con novizia di dettagli il percorso di nascita, crescita ed evoluzione della casa di produzione creata da Steven Spielberg, Jeffrey Katzenberg e David Geffen. E come tutte le belle storie che si rispettino, [...]

Ultime uscite

François Ozon

François Ozon

Inland n. 2/2016
Il secondo numero di INLAND è il primo volume dedicato in Italia a François Ozon. Regista tra i generi, firma sfuggente all’etichetta d’autore, nei suoi film Ozon fa riverberare echi [...]
Aldo Lado

Aldo Lado

Inland n. 9/2019
Quello che stringete tra le mani è il numero più complesso, stratificato, polisemantico del nostro – vostro – INLAND. Quaderni di cinema. Lo è innanzitutto grazie al parco autori, mai [...]
Dino Buzzati - Nostro fantastico quotidiano
Vi sono autori, come disse una volta Conan Doyle, che «hanno varcato una porta magica». Tra questi spicca Dino Buzzati, che ha condotto il fantastico nel cuore pulsante della materia. [...]
William Lustig

William Lustig

Inland n. 13/2020
Gennaio 2015, riunone di redazione: si discute a proposito della nascita di INLAND. Quaderni di cinema. A chi dedicare i primi tre numeri? Idee tante, unanimità poca. Restano quattro progetti, [...]
Jorge Luis Borges - Il Bibliotecario di Babele
Jorge Luis Borges è un autore oceanico, un crocevia di esperienze, storie, civiltà e piani dell’essere, un caleido­scopio nel quale il passato si fa futuro e il futuro si rispecchia [...]
Antonio Bido

Antonio Bido

Inland n. 11/2019
Girata la boa del decimo numero, INLAND. Quaderni di cinema compie altri due significativi passi in avanti. Innanzitutto ottiene il passaporto. A rilasciarlo è stato il Paradies Film Festival di Jena [...]
Carlo & Enrico Vanzina

Carlo & Enrico Vanzina

Inland n. 7/2018
INLAND. Quaderni di cinema numero #7 nasce nell’ormai lontano dicembre 2017, in un bar di Milano dove, di fronte al sottoscritto, siede Rocco Moccagatta, firma di punta di tutto quel [...]
Lav Diaz

Lav Diaz

Inland n. 3/2017
È da tempo che noi di INLAND pensiamo a una monografia dedicata a Lav Diaz. Doveva essere il numero #1, l’avevamo poi annunciato come #2, l’abbiamo rimandato in entrambe le [...]
Lune d'Acciaio - I miti della fantascienza
Considerata da un punto di vista non solo letterario, la fantascienza può assumere oggi la funzione un tempo ricoperta dai miti. I viaggi nello spazio profondo, le avventure in galassie [...]
Rob Zombie

Rob Zombie

Inland n. 1/2015
Con la parola inland si intende letteralmente ciò che è all’interno. Nel suo capolavoro INLAND EMPIRE, David Lynch ha esteso la semantica terminologica a una dimensione più concettuale, espansa e [...]
Pupi Avati

Pupi Avati

Inland n. 10/2019
Numero #10. Stiamo diventando grandi. Era da tempo che pensavamo a come festeggiare adeguatamente questa ricorrenza tonda, questo traguardo tagliato in un crescendo di sperimentazioni editoriali, collaborazioni, pubblicazioni sempre più [...]
Sergio Martino

Sergio Martino

Inland n. 5/2017
Giunto al quinto numero, INLAND. Quaderni di cinema affronta uno snodo cruciale, fatto di significative ed emblematiche svolte che segnano uno scarto, un’apertura rispetto alla precedente linea editoriale. Innanzitutto la scelta del [...]
Carlo Verdone

Carlo Verdone

Inland n. 12/2019
"Vi ho chiesto di mettere la mia moto Honda Nighthawk in copertina perché su quella moto c'è passato il cinema italiano. Su quella moto io sono andato e tornato da [...]
Rob Zombie Reloaded

Rob Zombie Reloaded

Inland n. 8/2019
Giunto all’ottavo fascicolo, INLAND. Quaderni di cinema riavvolge per un attimo la pellicola della sua breve ma significativa storia, tornando a percorrere i passi compiuti nel 2015 quando aveva aperto [...]
America! America? - Sguardi sull'Impero antimoderno
L’impero statunitense ha sempre generato nella cultura italiana reazioni contrastanti, che spaziano da un’esaltazione semi-isterica a una condanna a priori, altrettanto paranoica. Sembra sia pressoché impossibile, per chi si confronta [...]
Walt Disney - Il mago di Hollywood
«Credo che dopo una tempesta venga l’arcobaleno: che la tempesta sia il prezzo dell’arcobaleno. La gente ha bisogno dell’arcobaleno e ne ho bisogno anch’io, e perciò glielo do». Solo un [...]
4-4-2 - Calciatori, tifosi, uomini
Nel calcio s’intrecciano oggi le linee di forza del nostro tempo; talvolta vi si palesano le sue fratture, i suoi non-detti. Ecco perché il quattordicesimo fascicolo di «Antarès» è dedicato [...]
Nicolas Winding Refn

Nicolas Winding Refn

Inland n. 4/2017
Perché Nicolas Winding Refn? La risposta è semplice: perché, piaccia o no, è un autore che, più di altri, oggi ha qualcosa da dire. Sebbene sempre più distante dalle logiche [...]
Michele Soavi

Michele Soavi

Inland n. 6/2018
Il nuovo corso di INLAND. Quaderni di cinema, inaugurato dal numero #5, dedicato a Sergio Martino, è contraddistinto da aperture al cinema italiano, al passato, a trattazioni che possano anche [...]

Best seller

Autobiografia involontaria
Maurizio Nichetti è famoso come regista di Ratataplan, Ho fatto splash, Ladri di saponette, Volere volare, che sono stati visti [...]

Articoli piu' letti