Divi duci guitti papi caimani

Gianni Canova
2018-02-19 08:56:25
Divi duci guitti papi caimani

Ascoltare una lezione di Storia del cinema allo Iulm di Milano, dove è prorettore; vederlo sullo schermo mentre racconta la settima arte su Sky Cinema; leggerlo su «8 1/2», periodico che ha ereditato i magici vent’anni del suo mensile «Duel»: questo e molto altro è Gianni Canova, che torna in libreria con un libro fondamentale dal titolo Divi duci guitti papi caimani. L’immaginario del potere da Rossellini a The Young Pope (Bietti, 140 pagine, 15 euro), arricchito da una scrittura perfetta che sembra di ascoltare dalla sua voce.

Non è stato un lavoro semplice, ma quest’opera era da farsi, come spiega Canova dal suo paese natale, Castione della Presolana: «L’Ho scritto in poche settimane ma c’è un lavoro di ricerca e riflessione che ha occupato decenni della mia vita». Per una vasta esplorazione di quello che secondo Canova è «il rapporto distorto con l’idea di potere, uno dei problemi centrali dell’Italia di oggi. Il cinema è un luogo privilegato per sondare il nostro immaginario sul potere». Per farlo, serviva un filtro di luce tersa, quella della della regina delle Orobie: «L’ho scritto a Castione guardando la Presolana, contemplando l’incredibile purezza dei monti per risollevare lo spirito nel confronto con la miserevole mediocrità degli uomini nei film di cui scrivo».

Il libro andrebbe studiato nella scuole superiori e letto attentamente in vista delle elezioni. Il potere e la politica, nella cultura popolare italiana, sono quasi sempre analizzati come qualcosa di alieno, come se si cercasse un’autoassoluzione. Ecco perché il libro è in fondo anche un’analisi del carattere italiano, la narrazione del rapporto tra il cittadino e la politica, che va quasi sempre a risolversi nell’invettiva o nello sberleffo. Tanto che Canova arriva a chiedersi: «E se fosse stato il cinema ad aver reso tollerabile l’intollerabile? Da noi nessun cineasta saprebbe raccontare la grandezza di un leader politico come il film L’ora più buia dedicato alla figura di Winston Churchill, in cui ti rendi conto di cosa puà significare essere un uomo che il potere lo usa per il bene del popolo, la libertà e la dignità. Sono uscito dal cinema commosso: nessun film italiano sul potere o su un uomo di potere mi aveva mai trasmesso emozioni così».

La rimozione dell’idea di un ruolo positivo della politica, fa dire a Canova che «in noi prevale l’idea che il potere sia fatto di congiure, complotti, corruzioni, macchinazioni segrete. L’uomo di potere si nasconde sempre dietro maschere: il Divo (Andreotti), il Caimano (Berlusconi), il Duce (Mussolini). Nell’immaginario italiano il potere ha sempre qualcosa di carnevalesco, è travestimento, inautentico. I film americani gli uomioni di potere li chiamano con nome e cognome, fin dal titolo: JFK, Nixon, Lincoln».

Il libro parte dalla fine, dedicando le prime pagine alla serie tv The Young Pope di Paolo Sorrentino, perché «più che una serie a me pare un grande film di 10 ore. Un film-flusso, un film-mondo che dice come la forma di potere della Chiesa romana, basata sul rituale, il cerimoniale, la liturgia, alla lunga è quella che si è dimostrata più duratura», trasformando la sua natura rituale nella propria visibilità, tema cardine della vita contemporanea.

Ma forse è questo che non fa più reagire il potere di fronte alle invettive del cinema: «Potenti e politici sono affamati di visibilità, ossessionati dal bisogno di essere sempre sotto i riflettori: anche i film che li dipingono in modo negativo li mettono al centro della scena mediatica». In queste ultime settimane della campagna elettorale, facciamo un esperimento: mettiamoci all’ascolto dopo aver letto questo libro, perché forse riusciremo a capire di noi stessi qualcosa di più. Che potrebbe non piacerci affatto.

 

Davide Sapienza ©Corriere della Sera – Bergamo

Ultimi post dal blog

Per le cure di Spartaco Pupo, studioso esperto del pensiero di David Hume (del qua­le ha curato anche l’edizione degli scritti po­litici Libertà e moderazione, Soveria Mannelli, Rubbettino, 2016), esce in prima traduzione italiana moderna (dopo quella veneziana del 1767), con l’accattivante (e allusivo, come vedremo) titolo Contro Rousseau il resoconto, dato alle stampe a Londra nel 1766, di una cu­riosa vicenda che vide contrapposti il filosofo scozzese e il grande Ginevrino. La vicenda, riassunta da Pupo nel saggio introduttivo, è essenzialmente questa: Hume, dopo un sog­giorno a Parigi nel corso del quale ha avuto modo di incontrare alcuni dei [...]
Rappresentante paradigmatico del fermento del cinema indipendente statunitense degli anni 90, Richard Linklater e il suo percorso (da) irregolare sono analizzati nel dettaglio e con rimandi mai scontati dai critici Francesca Monti e il "nostro" Emanuele Sacchi. Il pregio principale di questa monografia è la capacità di legare la complessa opera del texano classe 1960: se lo spirito del suo primo film distribuito, Slacker (1991), fa da filo conduttore a buona parte dei personaggi della sua fimografia, anche quando ci sono di mezzo altri autori e grandi produzioni - come capitato con il suo film più popolare, School of Rock [...]
In fondo, Richard Linklater non deve essere rimasto troppo dispiaciuto dalla mancata assegnazione dell'Oscar a Boyhood. Lo conferma Louis Black, suo amico di lunga data, affermando che «una parte di lui non avrebbe mai voluto vincere quel premio». Effettivamente, con la vittoria della mitica statuetta - simbolo del sistema hollywoodiano - chissà cosa ne sarebbe stato del suo status di alfiere del cinema indipendente statunitense. Una medaglia guadagnata stoicamente sul campo professando la dottrina rivoluzionaria del Sogno americano in versione slacker, ossia «l'ambizione di vivere delle proprie passioni, scegliendo da soli il proprio percorso nella vita per evitare di doverlo [...]

Ultime uscite

François Ozon

François Ozon

Inland n. 2/2016
Il secondo numero di INLAND è il primo volume dedicato in Italia a François Ozon. Regista tra i generi, firma sfuggente all’etichetta d’autore, nei suoi film Ozon fa riverberare echi [...]
Dino Buzzati - Nostro fantastico quotidiano
Vi sono autori, come disse una volta Conan Doyle, che «hanno varcato una porta magica». Tra questi spicca Dino Buzzati, che ha condotto il fantastico nel cuore pulsante della materia. [...]
Jorge Luis Borges - Il Bibliotecario di Babele
Jorge Luis Borges è un autore oceanico, un crocevia di esperienze, storie, civiltà e piani dell’essere, un caleido­scopio nel quale il passato si fa futuro e il futuro si rispecchia [...]
Lav Diaz

Lav Diaz

Inland n. 3/2017
È da tempo che noi di INLAND pensiamo a una monografia dedicata a Lav Diaz. Doveva essere il numero #1, l’avevamo poi annunciato come #2, l’abbiamo rimandato in entrambe le [...]
Lune d'Acciaio - I miti della fantascienza
Considerata da un punto di vista non solo letterario, la fantascienza può assumere oggi la funzione un tempo ricoperta dai miti. I viaggi nello spazio profondo, le avventure in galassie [...]
Rob Zombie

Rob Zombie

Inland n. 1/2015
Con la parola inland si intende letteralmente ciò che è all’interno. Nel suo capolavoro INLAND EMPIRE, David Lynch ha esteso la semantica terminologica a una dimensione più concettuale, espansa e [...]
Sergio Martino

Sergio Martino

Inland n. 5/2017
Giunto al quinto numero, INLAND. Quaderni di cinema affronta uno snodo cruciale, fatto di significative ed emblematiche svolte che segnano uno scarto, un’apertura rispetto alla precedente linea editoriale. Innanzitutto la scelta del [...]
America! America? - Sguardi sull'Impero antimoderno
L’impero statunitense ha sempre generato nella cultura italiana reazioni contrastanti, che spaziano da un’esaltazione semi-isterica a una condanna a priori, altrettanto paranoica. Sembra sia pressoché impossibile, per chi si confronta [...]
Walt Disney - Il mago di Hollywood
«Credo che dopo una tempesta venga l’arcobaleno: che la tempesta sia il prezzo dell’arcobaleno. La gente ha bisogno dell’arcobaleno e ne ho bisogno anch’io, e perciò glielo do». Solo un [...]
Nicolas Winding Refn

Nicolas Winding Refn

Inland n. 4/2017
Perché Nicolas Winding Refn? La risposta è semplice: perché, piaccia o no, è un autore che, più di altri, oggi ha qualcosa da dire. Sebbene sempre più distante dalle logiche [...]
Michele Soavi

Michele Soavi

Inland n. 6/2018
Il nuovo corso di INLAND. Quaderni di cinema, inaugurato dal numero #5, dedicato a Sergio Martino, è contraddistinto da aperture al cinema italiano, al passato, a trattazioni che possano anche [...]

Best seller

Autobiografia involontaria
Maurizio Nichetti è famoso come regista di Ratataplan, Ho fatto splash, Ladri di saponette, Volere volare, che sono stati visti [...]

Articoli piu' letti